DIRETTA / Reggina Rende (risultato finale 0-3) streaming video e tv: Spettacolare tris dei cosentini

- Stefano Belli

Diretta Reggina-Rende: info streaming video e tv, probabili formazioni, orario, quote e risultato live della partita in programma per la 20^ giornata di Serie C

reggina_pallone_mano_lapresse_2017
Video Reggina Viterbese (LaPresse)

DIRETTA REGGINA RENDE (0-3): SPETTACOLARE TRIS DEI COSENTINI

E’ terminato da pochissimi minuti l’incontro tra Pisa e Olbia sul punteggio di 2 a 0, un match già indirizzato solamente dopo 49 secondi quando Negro ha insaccato in rete il perfetto cross di Birindelli dopo aver controllato in area di rigore con eccessiva libertà. Il gol-lampo subito ha condizionato fortemente la prova dei sardi che non sono riusciti ad organizzare un’efficace reazione dato che l’unico tentativo è arrivato solamente al 18′ con un tiro centrale di Biancu controllato senza troppi problemi da Petkovic. Dopo aver fallito al 23′ l’occasione di raddoppiare, Mannini si è trasformato due minuti dopo al 25′ in uomo-assist servendo a Eusepi un perfetto pallone che il numero 23 ha spinto in rete con un piattone destro di prima intenzione. Prima della conclusione della prima frazione di gioco, l’Olbia prova con l’orgoglio ad affacciarsi nella metà campo avversaria prima con Muroni, il cui tiro centrale è stato parato dal portiere di casa, poi con una mischia nata al 46′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo che la retroguardia nerazzurra è riuscita in qualche modo a disinnescare rifugiandosi in calcio d’angolo. Nella ripresa gli uomini di Pazienza rientrano con la decisa volontà di controllare il vantaggio e limitandosi così a curare al meglio la fase difensiva. I ragazzi di Mereu hanno provato ad attaccare ma oggi non era proprio giornata per l’Olbia che ha sfiorato il gol solamente al 59′ con un’azione personale tentata da Pennington e conclusa con un tiro uscito di non molto fuori dallo specchio e poi al 60′ con un colpo di testa tentato da Ogunseye che anche questo centrale non ha impesierito Petkovic. E così non è praticamente successo più nulla se non la classica girandola di sostituzioni che però non hanno cambiato gli equilibri di una gara conquistata meritatamente dal Pisa che, soprattutto grazie alla devastante catena di destra Birindelli-Mannini, ha messo in cassaforte nel primo tempo un successo che gli permette di difendere il secondo posto dall’attacco della Viterbese vittoriosa a Prato. L’Olbia invece perde forse un’importante opportunità di agganciarsi alle posizioni in vetta con una prova deludente e che farà riflettere il proprio allenatore Mereu.

LAARIBI FIRMA IL TRIS SU PUNIZIONE

Quando siamo giunti all’80’ della gara tra Reggina e Rende il punteggio è ora sullo 0 a 3, a firmare il tris ci ha pensato Laaribi al 68′ con una perfetta punizione calciata dal limite dell’area che si è imparabilmente infilata sotto l’incrocio dei pali dopo aver superato la barriera. La gara che poteva esser riaperta da Di Filippo ora è definitivamente chiusa, i padroni di casa non riescono ad organizzare una manovra accettabile, si affidano solamente ad errati lanci lunghi che sono sempre stati preda della retroguardia ospite. Si attende ormai solamente il triplice fischio di chiusura tra le proteste del pubblico di casa verso la propria deludente squadra.

CLAMOROSA OCCASIONE SPRECATA DA DI FILIPPO

Il secondo tempo della sfida tra Reggina e Rende è iniziato da circa 20 minuti ed il punteggio è ancora sullo 0 a 2, decidono le reti segnate nel corso della prima frazione di gioco da Franco e Rossini. La ripresa si è aperta senza sostituzioni, i due allenatori hanno pertanto deciso di dar fiducia ai ventidue protagonisti che hanno dato vita ai primi quarantacinque minuti di gioco. Gli ospiti, nonostante il vantaggio, sono rientrati sul terreno di gioco, col piglio giusto cercando anche il terzo gol che hanno sfiorato già al 48′ quando sulla punizione di Laaribi, Pambianchi ha tentato un colpo di tacco che Cucchietti è riuscito in qualche modo a respingere. Al 55′ primo cambbio del match per i padroni di casa che hanno inserito Tulissi al posto del deludente trequartista Fortunato. Al 60′ incredibile occasione sprecata da Di Filippo che, sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti, ha messo sopra la  traversa da due passi.

RADDOPPIA ROSSINI CON FACILITA’

Si è concluso da pochissimi minuti il primo tempo della sfida tra Reggina e Rende sul punteggio di 0 a 2, a raddoppiare ci ha pensato Rossini al 34′ quando, sul cross di Sanzone, è stato Goretta a spizzare ottimamente per il numero 11 che ha segnato tutto solo dentro l’area di rigore con un preciso diagonale che non ha lasciato scampo a Cucchietti. Ora la situazione si è complicata per i padroni di casa che, oltre a trovarsi sotto di due gol, dovranno giocare la ripresa senza il sostegno del proprio allenatore, allontanato dalla panchina per proteste in occasione del vantaggio ospite, ma soprattutto con l’ostilità del proprio pubblico deluso da una prima frazione di gioco disputata dai propri beniamini.

LA SBLOCCA FRANCO DI TESTA

Allo Stadio Granillo di Reggio Calabria i padroni di casa della Reggina stanno affrontando il Rende nel match valido per il 19^ turno del Girone C di Serie C e, quando sono trascorsi circa 30 minuti, il punteggio è ora sullo 0 a 1, a sbloccare il risultato ci ha pensato Franco al 27′ quando il centrocampista ha anticipato tutti sulla punizione di Laaribi insaccando di testa. In occasione del vantaggio ospite, il mister di casa Maurizi è stato allontanato dalla panchina per proteste. I calabresi stanno nettamente deludendo le attese di inizio stagione visto che attualmente si trovano al quindicesimo posto a quota 18 punti e nelle ultime sette partite, hanno subito ben sei sconfitte. Gli ospiti invece stanno disputando un dignitoso torneo dato che ora si trovano all’ottavo posto con 25 punti anche se sono reduci da due sconfitte consecutive subite contro l’Andria e il Catania. La prima occasione del match arriva solamente dopo 17 soporiferi minuti di gioco quando la retroguardia del Rende ha perso un sanguinoso pallone sulla trequarti che ha permesso a Sparacello di poter tentare una conclusione a giro dal limite dell’area che troppo debole è stata bloccata da Forte.

 

SI COMINCIA!

La gara Reggina-Rende vede gli amaranto costretti a fare un risultato importante per riuscire a fare un salto di qualità in classifica. Ha parlato il componente del consiglio di amministrazione Giuseppe Praticò ai microfoni di TuttoReggina per analizzare il momento della squadra calabrese. Questi ha sottolineato: “La stagione tutto sommato è in linea con quelle che erano le prospettive all’inizio della stagione. Dopo la bella prestazione contro il Lecce e la relativa sconfitta si è aperta una crisi di risultati che ha ridimensionato l’entusiasmo che si era creato”. Il lavoro sta regalando però una ripresa come spiega Praticò: “I segnali sono molto incoraggianti per il futuro e ci fanno sperare bene. L’auspicio è quello di chiudere l’anno cercando di dare ossigeno alla classifica e portare serenità in questo ambiente. Dopo aver battuto una squadra candidata alla promozione in B come il Catania la squadra composta da molti giovani si è lasciata andare all’entusiasmo che si respirava”. (agg. di Matteo Fantozzi)

STREAMING VIDEO E TV, DOVE VEDERE LA PARTITA

Reggina Rende sarà una sfida che non sarà possibile seguire in diretta tv su nessun canale tra quelli in chiaro o a pagamento, ma che gli abbonati al sito elevensports.it potranno vedere in diretta streaming video via internet, collegandosi sul portale anche acquistando il match come evento singolo.

I BOMBER

In Reggina-Rende si sfideranno due attacchi in grande crisi, peggio di loro infatti nel Gruppo C della Serie C ha fatto solo l’Akragas fanalino di coda. La Reggina ha segnato appena 14 reti, peggio ha fatto Rende che seppur sopra di sette punti ha segnato solo 13 gol. Tra gli amaranto quello che ha fatto meglio fino a questo momento è Andrea Bianchimano che ha segnato cinque reti. Attaccante classe 1996 di Carate Brianza è dotato di un fisico molto importante e grazie a 196 centimetri diventa devastante quando va a colpire di testa sotto porta. Dall’altra parte invece Gustavo Actis Goretta è l’attaccante che ha segnato di più nel Rende, appena due reti rappresentano il suo bottino. L’argentino classe 1989 è arrivato a Rende nell’estate del 2015 riuscendo a trascinare la sua squadra senza riuscire però a crescere in modo da meritarsi di salire in un’altra categoria. Staremo a vedere chi avrà la meglio tra i due e se saranno oggi protagonisti. (agg. di Matteo Fantozzi)

LE STATISTICHE

Derby calabrese fra la Reggina e il Rende: sfida certamente intrigante, eccovi i numeri stagionali delle due formazioni che oggi si affronteranno per la prima giornata di ritorno del girone C del campionato di Serie C. I padroni di casa al Granillo hanno vinto tre volte, ottenendo anche due pareggi e subendo tre sconfitte. I gol fatti dalla Reggina in casa sono sette e quelli subiti nove. In totale invece per gli amaranto ci sono quattro vittorie, sei pareggi e otto sconfitte, con 14 gol segnati a fronte di ben 22 subiti. Il Rende nelle gare in trasferta ha il secondo peggior attacco del girone C, con appena sei gol segnati, infatti ha ottenuto solo due vittorie. Per i biancorossi le reti subite fuori casa sono invece 12. In totale però i numeri del Rende sono molto buoni: sette vittorie, quattro pareggi e sette sconfitte, con 13 gol segnati e 18 subiti. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

TESTA A TESTA

Sono quattro i precedenti della gara Reggina-Rende che però all’Oreste Granillo si è giocata solo in un’altra occasione. Il match in questione risale alla stagione 2015/16 quando entrambe le compagini erano relegate in Serie D. Fu brava la Reggina a vincere quel match col risultato di 2-1. A campi invertiti invece arrivarono due vittorie degli amaranto e una del Rende. Quest’anno le due squadre si sono affrontate ben due volte e nessuna di queste a Reggio Calabria. In campionato il Rende ha vinto col risultato di 1-0 e decisivo è stato il gol di Ricciardo a nove minuti dal triplice fischio finale. In Coppa Italia di categoria invece la gara vide la Reggina imporsi con i gol di Silenzio e Tazza. Al momento Rende è in piena lotta per i playoff agganciata a questo treno con venticinque punti come Juve Stabia e Catanzaro. Invece la Reggina viene da un momento durissimo con appena un punto conquistato nelle ultime cinque gare giocate, questo la costringe a stare appena due punti sopra la zona retrocessione. (agg. di Matteo Fantozzi)

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Reggina-Rende, diretta dal signor Pasciuta di Agrigento, sabato 23 dicembre 2017 alle ore 14.30, sarà un derby calabrese nel programma della prima giornata di ritorno nel girone C del campionato di Serie C. Nella prima giornata di campionato il Rende si è presentato con una vittoria sulla Reggina, al rientro tra i professionisti dopo molte stagioni. Davvero niente male considerando che si è trattato di un derby vinto contro una squadra che per giunta nel quindicennio precedente ha disputato diverse stagioni di Serie A. E probabilmente nessuno si sarebbe aspettato di vedere il Rende alla fine del girone d’andata avanti di sette punti nel girone C di Serie C rispetto ai cugini di Reggio Calabria. Entrambe le squadre arrivano comunque a giocarsi questo derby di ritorno in un momento piuttosto difficile.

Il Rende è reduce da due sconfitte consecutive, in trasferta contro l’Andria e in casa contro il Catania, subendo in entrambe le occasioni tre gol. La preoccupazione è che forse, in piena zona play off e lontana nove punti dai play out, la squadra possa vivere ora il girone di ritorno con un certo appagamento. Deve sicuramente scuotersi invece la Reggina che dalla zona retrocessione ha solo due lunghezze di vantaggio. Il tecnico Maurizi ha incassato di nuovo la fiducia della società, ma la squadra è reduce da tre sconfitte consecutive contro Akragas, Sicula Leonzio e Juve Stabia, e tra campionato e Coppa Italia ha perso ben sei degli ultimi sette incontri ufficiali disputati.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Allo stadio Granillo di Reggio Calabria si confronteranno le seguenti probabili formazioni. Reggina in campo con Cucchietti in porta, Pasqualoni schierato sullout difensivo di destra e Solerio sullout difensivo di sinistra, mentre Laezza e Gatti giocheranno al centro della retroguardia. A centrocampo spazio a Marino, al brasiliano Mezavilla e a De Francesco come centrocampisti, mentre Fortunato si muoverà come trequartista alle spalle del tandem offensivo Tulissi-Bianchimano. Il Rende risponderà con Porcaro, Sanzone e Pambianchi titolari nella difesa a tre con Viteritti che si muoverà come esterno di fascia destra e il francese Blaze che sarà invece il laterale mancino. Il marocchino Laaribi, Rossini e Franco saranno schierati come centrali di centrocampo, mentre in attacco Ricciardo farà coppia con largentino Actis Goretta.

LA CHIAVE TATTICA E I PRECEDENTI

Scontro tattico tra il 4-3-1-2 del tecnico della Reggina, Agenore Maurizi, ed il 3-5-2 dellallenatore del Rende, Bruno Trocini. Due i confronti ufficiali in questa stagione già disputati dalle due squadre, entrambi i match giocati a Rende con i padroni di casa che hanno vinto uno a zero in campionato con gol decisivo di Ricciardo e perso zero a due in Coppa Italia. A Reggio Calabria le due squadre non si affrontano invece dal campionato di Serie D 2015/16, con vittoria per due a uno della Reggina il 10 febbraio 2016.

QUOTE E SCOMMESSE

Le agenzie di scommesse vedono la partita in grande equilibrio, con la quota per la vittoria interna fissata a 2.40 da Betclic, mentre Bwin propone a una quota di 2.95 laffermazione esterna e William Hill moltiplica per 3.00 quanto investito sulleventuale pareggio. Per Bet365, over 2.5 fissato a una quota di 2.50, under 2.5 proposto da Unibet a una quota di 1.54.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori