Nazionale, Buffon/ Scala e Cannavaro in coro: “Meglio il ritiro, questa non è la strada giusta”

- Matteo Fantozzi

Nazionale, Buffon: il capitano della Juventus svela il motivo del suo ritorno in nazionale per le due amichevoli che si giocheranno nel mese di marzo contro Inghilterra e Argentina.

Candreva_Buffon_Italia_lapresse_2017
Per Gigi Buffon c'è ancora futuro in Nazionale? (foto LaPresse)

Non tutti sono d’accordo che riniziare da Gigi Buffon in Nazionale sia la scelta giusta. A parlare prima è stato Fabio Cannavaro che ha parlato a La Gazzetta dello Sport, sottolineando: “Gigi Buffon ancora in nazionale? Non è la strada giusta se si pensa anche a Sudafrica 2010. Sono legato più di ogni altro a Gigi Buffon e Daniele De Rossi per quell’irripetibile esperienza nel 2006, ma sappiamo che certe scelte non hanno funzionato già in passato e l’esperienza dovrebbe insegnare qualcosa“. Anche Nevio Scala è tornato sulla questione, proprio lui che Gigi Buffon l’aveva fatto esordire in Serie A. A Radio Cusano Campus spiega: “Se fossi Gigi Buffon toglierei l’imbarazzo al commissario tecnico e lascerei spazio al suo successore. Lo vedrei molto bene nello staff dell’Italia”. Ricorda poi che quando lo lanciò titolare rischiò anche l’esonero. (agg. di Matteo Fantozzi)

GIGI SUL NAPOLI

Tanti gli argomenti trattati dal portiere della Juventus e della nazionale italiana, Gigi Buffon, in occasione dellintervista rilasciata nella serata di ieri alla trasmissione Tiki Taka. Scontato parlare della corsa scudetto, con la Vecchia Signora e il Napoli che sono appaiate in vetta, anche se in realtà gli azzurri sono ora a +4, visto che i bianconeri devono recuperare una partita. Un Buffon che non si nasconde, e che ammette che la squadra di Sarri si meriterebbe il tricolore: «Se non fossi il portiere della Juve mi piacerebbe lo scudetto a Napoli? Mi piacciono le storie di sport, di passione e a Napoli tutto questo c’è afferma il capitano dei campioni dItalia in carica – e da italiano mi è dispiaciuta l’uscita del Napoli dall’Europa League, perché una squadra come gli azzurri poteva vincere la competizione. Avrei tifato per la loro vittoria a differenza di Ferlaino, che ha detto che tiferebbe per la Juve solo sino alla finale. Sulla corsa scudetto, Buffon ha quindi spiegato che questanno bisognerà dare vita a qualcosa di strepitoso e straordinario se si vorrà ottenere la settima vittoria consecutiva. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

ALLEGRI RILANCIA BUFFON

Mentre le parole di Gigi Di Biagio e Gianluigi Buffon fanno molto rumore per il ritorno in nazionale del portierone, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri lo rilancia in vista dell’importanissima semifinale di Coppa Italia che si disputerà domani contro l’Atalanta. In questa stagione Buffon e Szczesny si sono alternati offrendo sempre prestazioni importanti. Massimiliano Allegri non ha dubbi però e quando glielo chiedono in conferenza stampa sottolinea: “Gioca Buffon dal primo minuto”. Ennesima occasione per un campione incredibile di andare a preparare la strada per il successo in un’altra competizione. La Juventus infatti se riuscisse a segnare un gol, in virtù del risultato d’andata, dovrebbe subirne tre per uscire dalla competizione italiana. (agg. di Matteo Fantozzi)

“ECCO COSA HO DETTO A TOLOI CON LA MANO DAVANTI ALLA BOCCA”

Gianluigi Buffon nelle sue uscite non è mai banale e anche ieri a Tiki Taka il portiere della Nazionale e della Juventus ha svelato diverse situazioni interessanti sul suo presente e sul futuro. Il portierone ha parlato anche della gara rinviata contro l’Atalanta per la neve: “Ci siamo detti che al di là del tempo che si poteva magari anche aspettare diventava veramente pericoloso per noi calciatori, per l’incolumità perché si scivolava ogni tre passi. Poi anche la gente che era sugli spalti non volevamo farla aspettare un’altra ora, magari un’ora e mezza perché la neve stava cadendo in maniera copiosa”. C’è poi una curiosità che viene chiesta a Gigi Buffon che si è coperto la bocca per parlare con il capitano dell’Atalanta Rafael Toloi, sottolineando: “Stavamo parlando della partita col Borussia Dortmund visto che avevo seguito la Dea”. (agg. di Matteo Fantozzi)

“COMUNICHEREMO LA SCELTA CON LA SOCIET AL MOMENTO GIUSTO”

La notizia della convocazione di Gigi Buffon per le prossime due amichevoli dell’Italia non sposta l’attenzione sul suo possibile ritiro dal calcio giocato a fine stagione. A Tiki Taka il portierone della Juventus ha svelato: “Comunicheremo la scelta con la società quando sarà il momento giusto”. Da queste parole sorge spontaneo chiedersi se questa decisione sia stata già presa, se Buffon sottolinea che la scelta sarà comunicata quando sarà arrivato il momento. Inoltre Buffon svela anche il bel rapporto con Szczesny: “Siamo veramente molto amici, siamo legati perché alla fine abbiamo creato una collaborazione stupenda tanto che si vede anche in campo. Tek ogni volta che gioca è protagonista positivo e ci ha regalato tantissimi punti permettendoci di essere vicini al Napoli. Perché Tek? Lui vuole farsi chiamare così perché tra nome e cognome si fa fatica e ha trovato una formula per aiutare un po’ tutti”. (agg. di Matteo Fantozzi)

“ECCO PERCH GIOCHER LE AMICHEVOLI CON LA NAZIONALE”

Dopo le parole di Gigi Di Biagio anche Gianluigi Buffon ha deciso di commentare il suo ritorno in Nazionale dopo l’addio nella gara contro la Svezia di alcuni mesi fà. L’estremo difensore della Juventus ha parlato a Tiki Taka su Italia 1, sottolineando: “Farò le prossime amichevoli con la Nazionale per un senso di attaccamento e fedeltà verso l’Italia”. Intanto però il portierone della Juventus apre la porta a qualche suo collega pronto a diventarne l’erede: “Non ho incoronato io Gigio Donnarumma come mio erede, ma le sue doti e le splendide prestazioni mostrate in campo. Non sono sorpreso da Alisson, lo è chi non conosce il ruolo del portiere. L’avevo già adocchiato qualche anno fa, mi ha sempre colpito per la tranquillità con cui gestisce le partite e per come riesce a trasformare in facili le parate difficili. Riesce a dare grande sicurezza a tutta la difesa con le sue prestazioni“. Sull’avversario più forte incontrato in carriera poi Gigi Buffon non ha dubbi: “Ronaldo, il Fenomeno”.

L’ADDIO DOPO LA SVEZIA

Gianluigi Buffon aveva detto addio alla Nazionale nella più brutta notte sportiva della storia recente del nostro calcio. Il capitano alzava bandiera bianca alla fine di Italia-Svezia terminata 0-0 dopo la sconfitta 1-0 in trasferta, gara che sanciva l’esclusione della nostra nazionale dal Mondiale che si disputerà la prossima estate in Russia. Un addio amaro per Gigi Buffon che avrebbe voluto chiudere la sua carriera proprio con una gara del Mondiale, per iniziare una vita nuova magari dietro a una scrivania. Invece non sarà così, perché Gigi Buffon, neo commissario tecnico azzurro, ha svelato in conferenza stampa che il portierone sarà convocato per le amichevoli che la Nazionale giocherà a marzo contro l’Inghilterra e l’Argentina. Vedremo se poi dopo le due partite l’estremo difensore cambierà ancora idea per un ritiro rimandato a data da destinarsi con la sensazione che Gigi Buffon continuerà a giocare anche l’anno prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori