Video/ Italia-Ungheria (75-41): gli highlights del match (basket qualificazioni)

- Stefano Belli

Video Italia-Ungheria (risultato finale 75-41): gli highlights del match che ha riportato gli azzurri alla fase finale di un mondiale di basket dopo 13 anni dall’ultima volta.

polonara_gentile
(dall'account Twitter ufficiale @Italbasket)

Video Italia-Ungheria 75-41

: gli highlights del match valevole per le qualificazioni ai mondiali di basket (FIBA World Cup) che si disputeranno in Cina dal 31 agosto al 15 settembre 2019. Ne faremo parte anche noi, visto che grazie a questo successo gli azzurri sono riusciti a staccare il pass per la fase finale. Sul parquet la supremazia del quintetto di Romeo Sacchetti è stata evidente fin dall’inizio, i magiari sono rimasti diversi minuti senza segnare nemmeno un punto, mentre l’Italia trovava la via del canestro con una facilità disarmante, esaltando il pubblico dell’Enerxenia Arena che ha avuto il piacere e la fortuna di vedere i loro beniamini cuocere a fuoco lento gli avversari. Apparsi troppo lenti e con una pessima mira soprattutto dall’arco, tantissimi i rimbalzi conquistati dai nostri soprattutto in difesa, è stata una serata da ricordare per parecchi interpreti che hanno recitato un ruolo da protagonista: Gentile, Della Valle, Amadori, Biligha su tutti, senza dimenticare Abass, Ricci e Cinciarini che non hanno affatto sfigurato quando sono stati chiamati in causa. Una vittoria del gruppo, che ha saputo fare a meno delle individualità più carismatiche e di maggior talento, assenti per cause di forza maggiore: non sarà facile per coach Sacchetti inserire un Datome o un Belinelli (tanto per citarne due) in un meccanismo che sembra funzionare alla perfezione anche senza di loro, una sfida che il ct dell’Italbasket raccoglierà con entusiasmo affinché gli azzurri possano recitare un ruolo importante nella kermesse iridata che prenderà il via tra poco più di sei mesi. CLICCA QUI PER IL VIDEO DI ITALIA UNGHERIA (da Sky)

VIDEO ITALIA UNGHERIA: LE DICHIARAZIONI

Affollato come sempre in questi casi il carro dei vincitori, a bordo del quale troviamo il presidente della Federazione Italiana Pallacanestro, Gianni Petrucci: “La nazionale ha raggiunto un obiettivo importante ma il prossimo sarà ancora più difficile da conquistare, non andremo in Cina solo per far numero, questo è poco ma sicuro. Il mio grazie va in primis ai giocatori e allo staff tecnico, e sono enormemente grato alle società per aver collaborato in maniera proficua in questi mesi”. La parola passa ovviamente al coach Meo Sacchetti: “Grazie di cuore ai ragazzi che si sono alternati in questi mesi, mi sento fortunato ad allenare un gruppo così unito. Aver raggiunto la fase finale rappresenta una grossa soddisfazione ma non arricchisce la nostra bacheca, tra 6 mesi in Cina dovremo dare il massimo per andare il più lontano possibile”. Gli fa eco capitan Amadori: “Due anni di sacrifici ripagati con il premio più bello, la qualificazione alla fase finale di un mondiale dove mancavamo da 13 anni. Sono fiero e orgoglioso di essere tra gli autori di questa grande impresa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA