Leonardo Bonucci su Kean e il razzismo/ Video Le Iene: “Chiedo scusa”

- Silvana Palazzo

Leonardo Bonucci su Kean e il razzismo a Le Iene: video. L’inviato Nicolò De Devitis si presenta dal difensore della Juventus, che gli dice: “Chiedo scusa”

bonucci razzismo iene 640x300
Leonardo Bonucci su Kean e il razzismo

Leonardo Bonucci e il “caso Kean” a Le Iene. Nicolò De Devitiis si è presentato dal difensore della Juventus per chiedergli spiegazioni sulle sue dichiarazioni post Cagliari. Dopo il suo commento sull’esultanza del compagno di squadra era stato rivolto da una marea di critiche. «La colpa è al 50 e 50. Kean ha sbagliato, la curva ha sbagliato», aveva dichiarato Bonucci subito dopo il fischio finale. «Kean sa che quando si fa gol deve pensare a esultare con la squadra e basta, abbracciarci tutti insieme. È stato un episodio e sa anche lui che poteva fare qualcosa di diverso», aveva aggiunto. Ma proprio queste parole gli sono costate numerose critiche, anche da parte degli stessi tifosi della Juventus, i quali gli hanno rimproverato il fatto di non essersi schierato apertamente in difesa dell’attaccante. Qualcuno è arrivato addirittura ad accusarlo di razzismo. E allora “Le Iene” lo hanno cercato per fargli dare i “numeri giusti”.

LEONARDO BONUCCI SU KEAN E IL RAZZISMO

«Hanno fatto bene, perché il razzismo è una cosa scandalosa e nel 2019 non dovrebbe esistere. Chiedo scusa a chi ha capito male perché la mia risposta non era stata esaustiva. Detto questo sono contro il razzismo al 100 per cento». Così Leonardo Bonucci ha commentato la vicenda attraverso i microfoni de “Le Iene”. Il difensore della Juventus ha voluto chiudere un caso che aveva fatto discutere anche all’estero. Mentre sui social Kean raccoglieva il sostegno di tanti colleghi, il polverone è arrivato in Inghilterra, dove Raheem Sterlin ha deciso di dire la sua su Instagram. Vittima in passato di razzismo, l’attaccante del Manchester City si è rivolto direttamente a Leonardo Bonucci: «La colpa è 50 e 50? Non ci resta che ridere». E quindi il difensore ha messo le cose in chiaro con un post su Instagram. «Condanno ogni forma di razzismo e discriminazione. Certi atteggiamenti sono sempre ingiustificabili e su questo non ci possono essere fraintendimenti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA