PAGELLE/ Torino-AlbinoLeffe 0-0 (serie B, ventunesima giornata): i voti, la cronaca e il tabellino

- La Redazione

Gara senza reti oggi tra Torino e AlbinoLeffe: un buon pareggio per i bergamaschi, indenni in una trasferta difficile; il Torino invece voleva festeggiare meglio il primato d’inverno.

ventura_r400
Giampiero Ventura, allenatore del Torino (Infophoto)

Termina sul risultato di 0-0 il lunch match della 21esima giornata tra Torino e AlbinoLeffe. Nel giorno della Befana, a parte il punticino che sa tanto di carbone, gli uomini di Ventura regalano ai propri tifosi il titolo di campione d’inverno. I dati degli ultimi anni confermano come questo risultato porti bene a fine stagione. Tutti gli scongiuri possibili sono consentiti ai tifosi granata, i quali quest’oggi hanno assistito ad una gara al di sotto delle aspettative. I granata in campo hanno dato l’impressione di non essere al meglio dopo il ritorno dal ritiro di Malta. Capita spesso dopo la sosta, nessun allarme. Anche perché la gara è stata comunque avvincente e non solo per le tre espulsioni (Girasole per i gli ospiti, Iori ed Ebagua per il Toro). Quest’oggi, però, la giocata individuale, nonostante i tentativi di Bianchi ed Antenucci, non ha saputo rimediare ad una condizione fisica da calibrare.
CRONACA PRIMO TEMPO – Avvio di gara piuttosto statico all’Olimpico di Torino. I granata smettono subito di pressare a tutto campo, favorendo il gioco dell’AlbinoLeffe più preoccupato all’ordine in campo, piuttosto che a far male agli avversari. Al ventunesimo Stevanovic, dopo la solita percussione, trova Bianchi in area, ma il capitano torinista si fa chiudere lo specchio dall’uscita di Offredi. Il Toro si sveglia e ci prova con più convinzione. I bergamaschi però non hanno fretta e si chiudono tutti dietro la palla, aspettando un contropiede per impensierire Morello. Tutto ciò si realizza alla mezzora, ma Cocco è troppo lento nello stop a seguire permettendo all’estremo difensore granata di intervenire. Nel finale una disattenzione di Girasole (già ammonito) costringe i compagni a rimanere in dieci, quando mancano più di 45 minuti alla fine.
CRONACA SECONDO TEMPO – L’approccio alla gara degli uomini di Ventura sembra inizialmente più deciso rispetto alla prima frazione. Pressing a tutto campo e ritmo in possesso più rapido. Dopo dieci minuti un tiro angolato di Antenucci si stampa sul palo con i tifosi granata già pronti all’esultanza. Non passano nemmeno 60 secondi ed accade l’imprevisto. Da un contropiede dell’AlbinoLeffe nasce l’incursione solitaria di Foglio, il quale dopo aver superato in velocità Glik e Iori si fa stendere al limite dell’area da quest’ultimo. Espulsione sacrosanta e parità numerica ristabilita.

Ventura non vuole sacrificare l’equilibrio dei suoi e toglie Verdi, inserendo Basha. Toro che a questo punto, di fronte ad un avversario sempre più chiuso, si affida alle giocate dei singoli per sbloccare un match già indirizzato al pari finale. Ci prova prima Antenucci con una percussione dalla sinistra, ma il destro fischia il palo più lontano e termina sul fondo. Più tardi sempre dalla stessa fascia arriva un ottimo suggerimento alto per Bianchi, il quale dopo essersi smarcato non riesce a trovare la porta. Con gli ospiti ormai in campo con l’obiettivo esplicito di non prendere gol si ha l’ultima occasione con Antenucci. L’ex Catania si libera bene dai difensori e coglie in area un servizio preciso di Vives. La conclusione però trova pronto alla ribattuta con i piedi il portiere Offredi. Sul finale la terza uscita anticipata dal campo di gioco viene conquistata per proteste da Ebagua. Inizia quindi con un leggero senso di amaro in bocca il 2012 granata, ma la vetta solitaria dopo metà stagione non può passare in secondo piano e deve far guardare con molta speranza al futuro.

TORINO (4-2-4): Morello; Darmian, Glik, Ogbonna, Parisi; Iori, Vives; Verdi (58′ Basha), Bianchi (84′ Ebagua), Antenucci, Stevanovic (70′ Surraco). All. Ventura.
ALBINOLEFFE (4-1-4-1): Offredi; Luoni, Lebran, Bergamelli, Piccinni; Cristiano, Hetemaj, Girasole, Laner; Foglio, Cocco (58′ Cissè). All. Fortunato.
AMMONITI: Girasole A, Hetemaj A, Ogbonna T, Piccinni A, Surraco T.
ESPULSI: Girasole A, Iori T, Ebagua T.
ARBITRO: Nasca di Bari.

MORELLO 6,5 Deve compiere solo due parate, ma si fa trovare sempre pronto. Splendida lettura sull’occasione di Cocco nel primo tempo.
DARMIAN 6 Doti offensive non all’altezza del gioco di Ventura.
GLIK 5,5 Rischia di farla grossa in più occasioni. Non sembra aver ancora psicologicamente recuperato dall’errore di Modena.
OGBONNA 6,5 Cairo lo valuta 20 milioni. Di sicuro la prestazione odierna lo conferma al top nella categoria.
PARISI 6 Spinge molte volte in avanti. Forse avrebbe dovuto evitare i troppi cross dalla tre quarti, mai pericolosi.
VIVES 6,5 Non sbaglia nulla in appoggio. Un po’ in affanno sui contropiedi avversari. Vedi azione del rosso a Iori.
IORI 5,5 Primo tempo da protagonista assoluto. La seconda frazione però lo vede in affanno su Foglio e si sacrifica per evitare il gol avversario.
STEVANOVIC 6 Spinge e corre più di tutti i suoi compagni, nonostante non sia al 100%.
(Dal 25 s.t. SURRACO 6,5 Bell’approccio alla gara. Mette in difficoltà Piccinni e per poco non si guadagna un rigore…)
VERDI 6,5 Bella gara nonostante Ventura per ritrovare l’equilibrio del match lo deve sacrificare.
(Dal 13 s.t. BASHA 5,5 Troppo confuso. )
BIANCHI 6,5 Grandi movimenti senza palla. Non sempre servito al meglio. 
(Dal 39 s.t. EBAGUA 4 Riesce a farsi espellere in 8 minuti per futili motivi.)
ANTENUCCI 6 Salva la prestazione grazie al secondo tempo. Quando attacca palla al piede dalla fascia è sempre pericoloso. Sfiora il gol a metà secondo tempo.
ALL: VENTURA 6 I suoi non sono in condizione e lo capisce dall’avvio. Nonostante ciò il titolo d’inverno è raggiunto.

OFFREDI 6 Un paio di risposte quando ce n’è bisogno. Un po’ incerto nelle uscite.
LUONI 5 Sbaglia troppi appoggi. Ringrazia prima Ventura per aver tolto Verdi, poi torna ad affaticarsi quando è affrontato da Antenucci.
LEBRAN 6,5 Bella prova. Anticipi e marcature mai sbagliati.
BERGAMELLI 7,5 Si prende la palma da migliore in campo dopo una prova condita da numerosi stacchi di testa a liberare e anticipi sul sempre attivo Bianchi. Da segnalare sul taccuino degli osservatori.
PICCINNI 5,5 Non riesce a limitare Stevanovic. Rimane insicuro fino al termine di gara.
FOGLIO 6 Il più reattivo sui contropiedi, costringe all’espulsione Iori.
HETEMAJI 7 Tanti recuperi e prova sopra le righe. 
GIRASOLE 4,5 Ingenuamente si fa espellere lasciando in 10 i suoi.
CRISTIANO 6,5 Cerca e trova conclusioni da fuori e servizi in verticale per l’attaccante centrale.
(Dal 34’ s.t. SALVI s.v.)
LANER 6 Al servizio della squadra. Sempre in raddoppio.
COCCO 6 Si mangia un gol nel primo tempo. Non regge per tutti i 90’ il peso dell’attacco.
(Dal 19 s.t. K. CISSE’ 6 La sua velocità viene limitata da Ogbonna. Ma fa sempre movimento)
ALL: FORTUNATO 6,5 Porta a casa un punto importante. Riesce nell’obiettivo di non far allungare i suoi.

ARBITRO: NASCA 5,5 Rigore più che dubbio su Surraco recriminato dai granata. Tutto giusto sulle espulsioni.

(Francesco Davide Zaza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori