BASKET EUROLEGA/ Mascolo: Cantù e Milano si giocano la qualificazione (esclusiva)

Turno decisivo di Eurolega, soprattutto per Milano e Cantù, impegnate in gironi equilibratissimi. Siena invece potrebbe chiudere il discorso qualificazione. Intervista a Massimiliano Mascolo

gallinari_r400
Gallinari è alle ultime battute del ritorno a Milano (Ansa)

Una giornata probabilmente decisiva quella di stasera in Eurolega maschile per le squadre italiane. Si gioca infatti la settima giornata, con alcuni incontri di notevole interesse. C’è nel girone A la Bennet Cantù che ospita il Caja Laboral Vitoria. In questo girone guida proprio la formazione spagnola con otto punti, poi ci sono l’Olympiakos, la Bennet Cantù, il Fenerbahce e il Nancy con sei punti. Chiude la classifica il Gescrap Bizkaia Bilbao Basket con quattro punti. Nel girone C c’è l’Emporio Armani Milano contro il Real Madrid. In questo girone guida la formazione israeliana del Maccabi Electra con dieci punti. Segue il Real Madrid con otto,  poi Anadolu Efes e Partizan con sei; a quattro c’è l’Emporio Armani Milano, chiude il Belgacom Spirou Charleroi a due. Nel girone D c’è Union Olimpija Lubiana-Montepaschi Siena. In questo girone in testa c’è il Regal FC Barcellona con dodici punti, poi Montepaschi Siena e Unics con otto punti; quindi GS Medical Park con sei punti, Union Olimpija Lubiana con due punti e a zero c’è l’Asseco Prokom. Per Cantù e soprattutto Milano quindi vedendo la classifica un successo è fondamentale. Siena invece potrebbe chiudere la qualificazione proprio stasera. E per parlare di questo turno di Eurolega, abbiamo sentito uno dei maggiori conoscitori di basket, il giornalista Rai Massimiliano Mascolo. Eccolo così in questa intervista in esclusiva a IlSussidiario.net.

Giornata importante di Eurolega; iniziamo da Milano, come vedi la sua partita con il Real Madrid?
Molto importante, perché Milano deve assolutamente vincere per non rischiare di essere estromessa dalle top 16. La squadra diretta da Sergio Scariolo deve tirare fuori l’orgoglio, giocare una grande partita contro un avversario decisamente di livello.

Come giudichi il Real Madrid?
E’ un’ottima squadra, che sta attraversando un buon periodo di forma, molto temibile, con Kyle Singler che è un giocatore di grande valore e con un allenatore come Pablo Laso molto valido.

Come dovrà giocare Milano per vincere questo match?
Non ci sono particolari chiavi tattiche, bisognerà andare in campo con una mentalità vincente, dimostrare di essere quella squadra che era stata costruita per fare bene sia in Italia sia in Europa.
Magari saranno importanti i consigli di Sergio Scariolo che conosce i giocatori di Madrid, essendo anche allenatore della nazionale spagnola di basket?

Non so fino a che punto questo possa contare. Certo Scariolo ha dalla sua anche questo vantaggio.

Milano fra poco tempo perderà Danilo Gallinari, vista la ripresa del campionato NBA…

Certamente questa non è una buona cosa perché Gallinari con Mancinelli aveva fatto ottime cose per l’Armani.

Passando a Siena, a Lubiana la Montepaschi parte nettamente favorita, potrebbe chiudere già il discorso qualificazione?

Credo che Siena dopo lo stop interno con il Kazan abbia assolutamente voglia di rifarsi e ha tutte le possibilità di andare a vincere contro una squadra in realtà molto debole, lontana parente del club un tempo molto forte.

Siena potrebbe puntare alla vittoria dell’Eurolega?

Credo che ci siano squadre superiori a Siena, come il Cska e lo stesso Barcellona. Credo anche che se vogliamo parlare delle probabili squadre che parteciperanno alle finali di Istanbul non possiamo non inserire una formazione turca. Il fatto di giocare in casa queste Final Four spingerà sicuramente le squadre di questa nazione ad arrivare fino in fondo nell’Eurolega.

E chiudiamo con Cantù che ospita stasera Vitoria. Come vedi questo match?

E’ una partita molto difficile, perché il Vitoria è una buonissima squadra in grado di mettere in difficoltà Cantù, ma un successo stasera è veramente necessario per la Bennet, anche perché poi si troverà ad affrontare un calendario durissimo. Certo nella Bennet potrebbe pesare un’assenza molto importante come quella di Marko Scekic.

Qaulche rimpianto per Cantù?

Forse il fatto di aver sfiorato la vittoria in Turchia contro il Fenerbahce e in Francia contro il Nancy e non esserci riuscita. In Francia c’era quel Nicolas Batum che ha favorito certamente la formazione transalpina.

Ci fai un pronostico, quante squadre italiane hanno la possibilità di passare il turno?
Sulla carta tutte e tre. Penso che potrebbero essere due quelle che accederanno al prossimo turno di Eurolega ed entreranno così a far parte delle Top 16.

 

 (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori