Diretta/ Olimpia Armani Milano-Nizhny Novgorod (59-79 risultato finale): crollo nel secondo tempo. Brooks 18 punti (2 gennaio basket Eurolega)

- La Redazione

Diretta streaming Olimpia Milano-Nizhny Novgorod basket Eurolega: risultato finale 59-79. L’EA7 crolla letteralmente nel secondo tempo e consegna due sanguinosi punti alla formazione russa

Olimpia_1415
(Infophoto)

 59-79 risultato finale. L’EA7 crolla e regala una vittoria ai russi nella prima giornata del girone F di Top 16, rendendo complicato il suo cammino in Eurolega. Serata nerissima per la squadra di coach Luca Banchi; si era capito già nei primi 4 minuti di partita, quando il Niznhy era volato sullo 0-8 grazie a errori aperti da parte degli avversari. A dire il vero però l’Olimpia risorgeva a fine primo quarto; 9 punti di MarShon Brooks portavano al primo vantaggio di serata (16-14), poi nel secondo periodo arrivava anche l’allungo firmato da Samardo Samuels. Milano toccava il +9 sul 33-24, ma qui si fermava: nel secondo tempo il parziale recita 48-24 per il Nizhny, che è quindi riuscito a doppiare gli avversari grazie alla super prestazione di Trey Thompkins (19) e Taylor Rochestie al rientro (19 anche per lui) e alle percentuali da 3 punti. La difesa russa teneva alla grande e costringeva a tiri forzati, palle perse e stoppate subite (4 dal solo Joe Ragland). Milano non ci credeva più: Brooks si fermava a 18 punti (con 8/18 dal campo e una stoppata subita), nessuno degli altri raggiungeva la doppia cifra e il finale non serviva nemmeno per migliorare la differenza canestri. Adesso la speranza è che non sia necessario andare in Russia a ribaltare il -20; significherebbe essere quasi fuori dalla competizione. Per fortuna il girone è lungo ed equilibrato: pulò ancora succedere di tutto, a patto che l’Olimpia Milano di questa sera scompaia subito dai radar e si ripresenti la versione che ha brillantemente chiuso la prima fase con un record al 50% e la vittoria contro il Panathinaikos.

Al 30′ minuto. Clamoroso crollo EA7 nel terzo periodo: un parziale di 9-28 spinto da Rochestie (14 punti) e soprattutto Trey Thompkins – giunto a 19 – mette con le spalle al muro la squadra di Luca Banchi che trova qualcosa soltanto dall’atletismo di Samardo Samuels ma dà la netta sensazione di non essere più in partita. MarShon Brooks tocca quota 18 punti ma predica nel deserto; male davvero la fluidità in attacco e a questo punto rimettere in piedi la situazione non sarà affatto semplice.

All’intervallo lungo. L’EA7 sta giocando una partita dai due volti: ha iniziato il secondo quarto piazzando il parzialone e si è portata anche sul +9 (33-24) ma poi il Nizhny è rientrato e con un 7-2 è riuscito a chiudere i primi 20 minuti ancora a contatto. Le cifre: MarShon Brooks ha 11 punti, sono 6 per Alessandro Gentile mentre Daniel Hackett ne ha ancora 0 ma con 4 rimbalzi e 3 assist. Per il Nizhny Novgorod 9 di Parakhouski, 8 per Tarence Kinsey che ci aggiunge 4 rimbalzi, sono invece 4 gli assist per Khvostov.

Il punteggio è 16-14 al termine del primo quarto. Inizio lentissimo dell’EA7 che si trova sotto 0-8 dopo pochi minuti, ma pian piano ritrova ritmo e convinzione per la rimonta e riesce a portarsi avanti grazie soprattutto a 9 punti in un amen di MarShon Brooks e ai 3di David Moss. Per il Niznhy vanno segnalati i 4 punti con 2/2 da 2 punti (ma 0/2 dall’arco) di Trey Thompkins, già 2 falli per Tarence Kinsey che potrebbe ora vedere limitato non di poco il suo contributo.

Ci siamo, è tutto pronto per la palla a due che darà il via alla prima partita che l’EA7 affronta nel girone F di Eurolega 2014-2015. E’ fondamentale vincere: non tanto per una questione già ora matematica, quanto perchè il Nizhny è una delle squadre che Milano deve assolutamente lasciarsi alle spalle se vuole costruirsi la possibilità di accedere ai quarti della competizione per il secondo anno consecutivo. E’ naturalmente presto per dire su chi l’Olimpia debba fare la corsa, ma sulla carta possiamo dire che sia l’Anadolou Efes la squadra “di riferimento”; contando che Unicaja Malaga e Laboral Kutxa Vitoria sono inferiori e la coppia Olympiacos-Fenerbahçe probabilmente destinata a chiudere in testa. Ma ora senza indugiare ci tuffiamo nelle emozioni del Mediolanum Forum per questa scintillante Olimpia Armani Milano-Niznhy Novgorod… 

L’EA7 arriva alla prima partita delle Top 16 con un bilancio di 5 vittorie e 5 sconfitte, lo stesso dei russi. Nella prima fase ha portato due soli giocatori in doppia cifra: il primo è Daniel Hackett, vero e proprio trascinatore della squadra con 13,2 punti, 4,8 assist e 3,6 rimbalzi ma soprattutto i canestri pesanti quando contava, su tutti la conclusione sulla sirena che ha permesso di battere il Bayern Monaco e di fatto blindare il pass per la Top 16. Per il resto abbiamo Samardo Samuels con 12,6 punti e 5,8 rimbalzi; ormai il centro giamaicano è una stella di prima grandezza non solo della squadra ma di tutta la competizione. Alessandro Gentile sfiora la doppia cifra: 9,9 punti mentre MarShon Brooks nonostante un avvio stentato fa 8,5 ad allacciata di scarpe. L’Olimpia realizza 77,5 punti a partita; tira con il 48,4% da 2 punti e con il 35,2% da 3 (il migliore in questo senso è Hackett, che ha il 40,5% dall’arco). Si può sicuramente fare meglio ai liberi: avere il 74% di squadra potrebbe pagare in finali punto a punto. I rimbalzi sono 33,1 in media mentre ci sono 15 assist a gara solo in tre però (gli altri oltre ad Hackett sono Gentile e Joe Ragland) ne hanno almeno uno (escludendo Angelo Gigli, che ha giocato appena una partita). 

La prima avversaria dell’EA7 nel girone di Top 16 è la squadra russa allenata dal lettone Ainars Bagatskis. E’ la grande sorpresa della prima fase: si è qualificata con la terza posizione nel girone A e un record di 5-5, eliminando grazie alla classifica avulsa i ben più quotati connazionali dell’Unics Kazan. Il miglior marcatore del Nizhny è Tarence Kinsey, con 14,4 punti di media ai quali aggiunge 5,4 rimbalzi; l’ala americana ha una grande esperienza in Eurolega avendola giocata per cinque stagioni – precedenti a questa – con le maglie di Fenerbahçe, Anadolou Efes e Partizan Belgrado. Prodotto di South Carolina, ha giocato in NBA con i Memphis Grizzlies e i Cleveland Cavaliers e per un breve periodo (16 partite) è stato alla Scavolini Pesaro, prima parte della stagione 2012-2013, con 12,4 punti di media. Raggiungono la doppia cifra in termini di punti anche Trey Thompkins (12,9) che ha una breve apparizione nei Los Angeles Clippers, e Artsiom Parakhouski, centro greco già visto in Eurocup con VEF Eifa e Hapoel Gerusalemme. Thompkins è anche il miglior rimbalzista del Nizhny con 7,2 a partita, mentre per quanto riguarda gli assist a 5,6 troviamo Taylor Rochestie, 10 partite a Siena la scorsa stagione con 6,5 punti di media. 

L’anno nuovo inizia con il grande basket, perché questa sera alle ore 21.00 il Mediolanum Forum di Assago ospita Olimpia Armani Milano-Nizhny Novgorod, partita valida per la prima giornata del girone F delle Top 16 dell’Eurolega 2014-2015 di basket. Inizia dunque la seconda fase della massima competizione europea, una fase lunghissima dal momento che le sedici squadre partecipanti sono state divise in due gruppi da otto squadre ciascuno, dunque ci attendono ben quattordici partite da qui ad aprile per stabilire le otto formazioni (quattro per ciascun girone) che accederanno ai quarti di finale. Sarà un cammino lungo, ma la partita di oggi si annuncia già molto importante per gli uomini di coach Luca Banchi. Infatti, non c’è dubbio che questa è una partita da vincere, visto che Milano gioca in casa contro una squadra sulla carta inferiore ai campioni d’Italia: non succederà spesso a questo livello, quindi è facile intuire che perdere metterebbe già in salita la strada. Sulla carta, le due formazioni più forti del gruppo sono il Cska Mosca e l’Olympiakos, ma Milano dovrebbe avere le carte in regola per entrare fra le prime quattro: lo dimostri allora contro la squadra russa allenata dal lettone Ainars Bagatskis, che in Italia abbiamo imparato a conoscere perché nella prima fase ha affrontato Sassari battendola sia in casa sia in trasferta – segnale del fatto che si tratta di un avversario comunque da non sottovalutare. La diretta televisiva di Olimpia Armani Milano-Nizhny Novgorod sarà come di consueto affidata a Fox Sports 2, canale che trovate al numero 213 del pacchetto satellitare Sky e che di conseguenza è disponibile per tutti gli abbonati, senza costi aggiuntivi, anche in streaming video grazie all’applicazione Sky Go, che si può attivare e scaricare su PC, tablet e smartphone. La telecronaca sarà affidata a Geri De Rosa, affiancato dal commento tecnico di Hugo Sconochini, e non mancheranno le consuete interviste pre e post partita, così come all’intervallo, direttamente dal campo del Forum di Assago. Andando sul sito Internet www.euroleague.net troverete inoltre il livescore della partita con il play by play aggiornato in tempo reale, mentre le pagine ufficiali dei social network – in particolare Facebook e Twitter – vi terranno informati su quanto succede in campo. L’Eurolega mette a disposizione i profili facebook.com/TheEuroleague ed @Euroleague, che naturalmente vi permetteranno di avere un quadro completo della situazione di tutte le partite, mentre per quanto riguarda le due squadre abbiamo facebook.com/OlimpiaMilano1936 e @OlimpiaEA7Mi per quanto riguarda Milano, facebook.com/nnbasket e per quanto riguarda la formazione russa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori