DIRETTA/ Sassari Milano (risultato finale 75-82): capolista corsara in Sardegna (Lega A 2017)

- La Redazione

Diretta Sassari Milano: info streaming video e tv, risultato live della partita che si disputa al PalaSerradimigni ed è valida per la ventiduesima giornata del campionato di basket Lega A

olimpia_milano_sassari
Diretta Milano Sassari (LaPresse - immagine di repertorio)

Un altro capitolo della sfida infinita tra Sassari e Milano si sta per aprire al PalaPentassuglia: alla vigilia della sfida il general manager dell’Olimpia, Flavio Portaluppi, ha parlato dell’eventualità di acquistare altri due giocatori da inserire nel roster. Eventualità concreta, visto che le sue parole sono state esplicite: “Siamo attenti sul mercato, abbiamo a disposizione altri due tesseramenti e non li vogliamo salvare fino al termine della stagione”. Tuttavia, Portaluppi ha anche detto che la società cercherà di spendere queste due tessere con oculatezza; gli inserimenti riguardano un americano e un europeo, “non vogliamo però trovarci senza tesseramenti per troppa fretta o frenesia”. Escluso il ritorno di Alessandro Gentile – che è in prestito e in ogni caso avrebbe riguardato un altro discorso – il GM di Milano ha fatto sapere che il roster è sovraffollato di guardie e ali piccole, “un po’ per situazioni di mercato, come la disponibilità di Fontecchio – e un po’ per una nostra strategia”. Ci sono altri tre ruoli scoperti, in particolare “vicino a canestro ci mancano presenza, verticalità, capacità di rimbalzo e intimidazione”. Le parole sembrano essere una bocciatura piuttosto netta per Miroslav Raduljica; ora bisognerà abbinare queste esigenze ad un giocatore, “cosa non proprio semplicissima”. Intanto però c’è una partita sentita da vincere per proseguire la marcia: diamo dunque la parola al campo e stiamo a vedere come andrà a finire. 

Nelle ultime due stagioni la sfida tra Sassari e Milano è sempre stata appannaggio dell’Olimpia, che ha fatto sentire il suo maggior peso specifico sfruttando anche il calo strutturale della Dinamo, che non è riuscita a reggere il livello dopo aver vinto tutto nella stagione 2014-2015. Proprio a quei momenti risalgono le ultime gioie degli isolani contro l’Olimpia: gli allenatori non erano quelli di oggi, perchè sulla panchina di Sassari c’era Meo Sacchetti – oggi a Brindisi – mentre su quella di Milano sedeva Luca Banchi, attualmente fermo dopo il biennio al Mediolanum Forum. Il 22 febbraio 2015 la Dinamo conquistava la finale di Coppa Italia al PalaDesio (attuale casa di Cantù) battendo in finale l’Olimpia: finiva 101-94 con il trio Jerome Dyson-David Logan-Rakim Sanders che infilava la bellezza di 72 punti, mentre Rakim Sanders (oggi a Milano) catturava 7 rimbalzi. Dall’altra parte Joe Ragland ne metteva 21 e MarShon Brooks contribuiva con 18; partita da 18 punti, 6 rimbalzi e 9 assist per Daniel Hackett ma non bastava per la vittoria. La Dinamo festeggiava il primo trofeo stagionale: sarebbe poi arrivato lo scudetto, con una serie di semifinale vinta proprio contro l’Olimpia con gara-7 conquistata al Forum. 

La partita di andata tra Sassari e Milano è stata soltanto una delle tante che hanno caratterizzato le ultime stagioni nella pallacanestro italiana; una “semplice” sfida di campionato tra finali di Coppa e Supercoppa e serie playoff. L’Olimpia – era il 13 novembre – aveva portato a casa la vittoria al Forum: era finita 86-77 con la squadra di casa che era riuscita ad accelerare nel primo e nel terzo periodo, impedendo alla Dinamo di rientrare pienamente in partita. Alessandro Gentile vestiva ancora la maglia dei campioni d’Italia e quella sera aveva infilato 13 punti tirando 5/8 dal campo e catturando 3 rimbalzi, con 6 assist e una valutazione di 15; come sempre però a decidere la sfida era stato Kruno Simon, dominante nonostante i “soli” 11 punti (5/9) grazie a 7 rimbalzi e la bellezza di 8 assist. In doppia cifra erano finiti anche Miroslav Raduljica (miglior marcatore Olimpia con 17 punti), Zoran Dragic (16) e Rakim Sanders (16 anche per lui); per la Dinamo grande prestazione di Darius Johnson-Odom, 25 punti anche se con 3/10 da oltre l’arco, conditi da 4 assist e 20 di valutazione. Aveva segnato 15 punti (con 7 rimbalzi) Tautvydas Lydeka mentre Rok Stipcevic aveva infilato 11 punti con 4 assist, la chiave della partita era stata la diversa fisicità a rimbalzo, con l’Olimpia che ne aveva catturati 40 contro i soli 25 di Sassari. 

È una partita che, diretta dalla terna arbitrale Sahin-Rossi-Borgioni, va in scena al PalaSerradimigni domenica 12 marzo con palla a due alle ore 20:45 nella ventiduesima giornata del campionato di basket Lega A 2016-2017. E’ anche una gara delicata per la capolista Emporio Armani Milano, contro un Banco di Sardegna particolarmente caricato in questi ultimi tempi, sia per i risultati in campionato che in Champions League, dove si è qualificato per i quarti di finale con due vittorie contro il Le Mans. 

E’ una sfida che richiama anche un passato molto recente con il successo della Dinamo, allora guidata da Sacchetti, nella semifinale scudetto, in una stagione che vide Sassari conquistare il suo primo titolo di campione d’Italia, ed una sfida che si è recentemente ripetuta nella finale di Coppa Italia, con l’Olimpia che si è aggiudicata il match ma con Sassari in grado di impegnarla seriamente fino al termine. Ora le due squadre sono anche cambiate, con i sardi che hanno inserito nel roster l’ex Trento, Lighty, che ha aumentato l’equilibrio di squadra, fornendo anche una buona dote di punti, e Milano che si trova a dover fare a meno di tre dei suoi esterni, ed un reparto lunghi dove Raduljca continua a latitare, con prestazioni al disotto della sufficienza sia in campionato che in Eurolega.

Una gara, quella del PalaSerradimigni, più importante per la Dinamo di Pasquini, che è impegnata nella lotta playoff che coinvolge molte squadre, e potrebbe, con una serie di successi nell’ultima parte di stagione, avanzare anche al ruolo di sfidante numero 1 di Milano, che invece conta su 10 punti di vantaggio sulla seconda in classifica ed ha, ragionevolmente, già conquistato il primo posto della stagione regolare, per cui le prossime gare, sia in campionato che in Eurolega, hanno lo scopo principale di compattare il gruppo in vista della post season e di recuperare gli infortunati, non escludendo nemmeno qualche nuovo inserimento nel roster. Nell’ultima di campionato la Dinamo ha vinto la gara interna contro The Flexx Pistoia, ed anche l’Olimpia ha fatto sua la sfida con la Fiat Torino, riuscendo a staccarsi però solo nel finale. In Eurolega in settimana la formazione di Repesa, che non era in panchina a Tel Aviv per un attacco influenzale, ha perso contro il Maccabi in un match tra ultime della classe, che in anni passati era stato una sfida di ben altro livello.

La gara di andata si chiuse con il successo dell’Olimpia per 86–77 con una accelerazione decisiva nel terzo quarto di gara da parte dei milanesi, dopo che nei primi due periodi si era visto abbastanza equilibrio, con la formazione di Repesa che portò cinque uomini in doppia cifra, tra i quali Gentile, approdato prima al Panathinaikos e recentemente rilasciato anche dai greci, Simon e Dragic, attualmente infortunati, Raduljca, che da quel momento è andato fortemente in calando, e l’ex Rakim Sanders. Nelle file della Dinamo il miglior marcatore, con 25 punti, risultò un altro giocatore che ha cambiato casacca, Johnson-Odom, approdato poi alla Vanoli Cremona, e con lui il centro Lydeka e il play croato Stipcevic. 

La gara di campionato della Dinamo contro Pistoia è stata tirata ma si è conclusa con una vittoria meritata dei sardi, che hanno giocato anche ad amministrare, una volta ottenuto il vantaggio, con Lacey e Savanovic che sono stati tra i migliori. Con loro in doppia cifra anche il play Bell, il suo cambio, Stipcevic, Lighty, ed i due lunghi Lawal e Lydeka. La sfida del forum si è risolta definitivamente solo nel finale, con coach Repesa ad amministrare le rotazioni ridotte e Hickman e Sanders che mettono la parola fine alla gara nell’ultimo minuto e mezzo, dopo che Torino poteva anche pareggiare nell’azione precedente. Tra i singoli buone le prove di Pascolo, Hickman e McLean.

La partita di basket tra Banco di Sardegna Sassari e EA7 Olimpia Milano sarà trasmessa in diretta tv sul canale Rai Sport 1 HD, il numero 57 del digitale terrestre e 227 di Sky: collegamento dalle ore 20:30 e telecronaca dalle 20:45, a seguire il postpartita fino alle 22:45. Il match si potrà seguire anche in diretta streaming video gratuita, sul sito internet www.raiplay.it. Il sito ufficiale legabasket.it metterà a disposizione una pagina azione per azione della sfida, con punteggio e statistiche aggiornate in tempo reale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori