DIRETTA/ Cantù Olimpia Milano (risultato finale 64-75) streaming video e tv: L’Olimpia conquista la semifinale

- Claudio Franceschini

Diretta Cantù Olimpia Milano, info streaming video e tv: orario e risultato live. Gara-3 dei quarti playoff al PalaDesio, con la EA7 che avanti 2-0 nella serie ha il primo match point

Micov_Chappell_Milano_Cantu_lapresse_2018
Diretta Cantù Olimpia Milano (Foto LaPresse)

DIRETTA OLIMPIA MILANO CANTU’ (64-75): L’OLIMPIA CONQUISTA LA SEMIFINALE

E’ terminato da pochissimi minuti l’incontro tra Cantù e Milano sul punteggio di 64-75, una vittoria che chiude la serie sullo 0 a 3 regalando così l’accesso alle semifinale dove l’Olimpia attenderà la vincente della serie tra Varese e Brescia. Le scarpette rosse, dopo aver dominato la prima metà di gara chiusa avanti di sedici lunghezze, ha iniziato ad abbassare l’intensità consentendo alla Red October di riaprire un match che sembrava chiuso anche grazie al calorosissimo pubblico del PalaDesio. La squadra di Pianigiani ha iniziato malissimo l’ultimo quarto consentendo a Cantù di ridurre il gap a sole quattro lunghezze sul 56-60 con Culpepper che ha sfruttato al meglio il doppio errore dalla lunetta di uno smarrito Cinciarini. A riportare avanti gli ospiti ci ha poi pensato il micidiale Micov che con due canestri consecutivi ha portato il punteggio sul 58-66, il match è stato poi definitivamente chiuso dal cecchino Goudelock che con due triple consecutive ha  allungato ancora fino al 60-72 che ha di fatto chiuso la sfida e la serie. L’Olimpia come da pronostico si regala la semifinale ma la Red October è uscita tra gli applausi del suo pubblico che ha coperto i suoi beniamini di applausi nonostante la sconfitta, i tifosi hanno premiato la voglia di lottare dei giocatori che hanno provato a tenere testa ai più forti avversari.

BERTANS RESPINGE IL TENTATIVO DI RIMONTA DI CANTU’

E’ appena terminato il terzo periodo dell’incontro tra Cantù e Milano sul punteggio di 45-55. Ripartono decisamente meglio i padroni di casa che riescono ad accendere il PalaDesio con le prime due triple consecutive realizzate da Culpepper che hanno portato il punteggio sul 41-47 costringendo coach Pianigiani ad affidarsi ad un time-out che è riuscito a spezzare il ritmo della Red October che dopo la sosta ha iniziato a sbagliare subendo il ritorno dell’Olimpia che è stata trascinata dal micidiale Bertans che è riuscito a segnare ben otto punti consecutivi che hanno portato il risultato sul 41-55. Culpepper non si arrende e con due canestri consecutivi prova ad aprire una rimonta che si ferma sulla sirena del terzo quarto che registra il risultato di 45-55; il match sembra ormai definito anche se la Red October ha dimostrato di potersi esaltare grazie al proprio calorisissimo pubblico.

GOUDELOCK TRASCINA L’OLIMPIA

Quando siamo giunti all’intervallo del match tra Cantù e Milano il punteggio è ora di 27-43. Ripartono decisamente meglio le scarpette rosse che grazie a due veloci canestri di Micov riescono subito ad allungare sul 14-19 che ha costretto coach Sodini ad affidarsi ad un time-out; la sosta non riesce a cambiare l’inerzia di un match che registra due triple consecutivi di Jerrells e Bertan che riescono a portare il punteggio su un impressionante 15-27. Dopo un tentativo di rimonta dei ragazzi di Caja, gli ospiti hanno poi dilagato grazie ad uno straordinario Goudelock che con due triple consecutive e 16 punti realizzati nella prima metà di gara, ha mandato le squadre sul 27-43, un vantaggio importante che appare difficilmente colmabile dalla Red October che è trascinata da Burns e Thomas autori ciascuno di 10 punti.

AVVIO EQUILIBRATO AL PALADESIO

Al PalaDesio i padroni di casa di Cantù stanno affrontando l’Olimpia Milano nell’incontro valido come gara-3 dei quarti di finale dei playoff scudetto ed il primo periodo si è appena concluso sul punteggio di 14-15. Gara vitale per la Red October che deve assolutamente vincere per lasciare aperta la serie che vede avanti per 2 a 0 le scarpette rosse che hanno stravinto le prime due sfide rispettivamente con 32 e 12 punti di vantaggio. Partono subito forte gli ospiti che grazie alla tripla firmata da Goudelock riesce ad allungare fino al 2-8 ma i ragazzi di coach Sodini non mollano e riescono a riequilibrare velocemente il punteggio sull’8-8 grazie al positivo Culpepper. La Red October riesce a rimanere in partita firmando il primo sorpasso grazie a due canestri consecutivi di Thomas che hanno portato il punteggio sul 11-10; il primo quarto si è poi concluso con l’errore dall’arco di Smith che ha così lasciato il punteggio sul 14-15.

PALLA A DUE!

Siamo pronti all’inizio di Olimpia Milano Cantù. Avanti 1-0, la EA7 vuole il 2-0 per avvicinare la qualificazione alla semifinale dei playoff di Serie A1. Va ricordato che l’ultima volta in cui l’Olimpia ha conosciuto l’eliminazione al primo turno della post season risale a cinque anni fa: in panchina c’era Sergio Scariolo, la squadra si era classificata quarta con un record di 19 vittorie e 11 sconfitte e aveva incrociato la Mens Sana Siena, reduce da sei scudetti consecutivi e dall’addio a Simone Pianigiani, sostituito con il suo storico allenatore Luca Banchi – che l’anno seguente avrebbe riportato lo scudetto a Milano. La serie era stata spettacolare: Milano aveva vinto le prime due partite in casa ma Siena aveva risposto al PalaEstra, poi una vittoria interna per parte e dunque gara-7 al Mediolanum Forum, dove la Montepaschi grazie ai 59 punti combinati di Daniel Hackett, Bobby Brown e Viktor Sanikidze aveva trovato la vittoria esterna ed era volata in semifinale. Quella squadra aveva poi vinto lo scudetto; particolare non indifferente, visto come sono andate le cose in questa serie tra Olimpia e Red October, la EA7 aveva vinto gara-1 con un eloquente +24 (20 punti di Malik Hairston). Adesso parola al campo: finalmente la palla a due di Olimpia Milano Cantù sta per alzarsi! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Cantù Olimpia Milano viene trasmessa in diretta tv su Eurosport 2, e dunque è un appuntamento esclusivamente riservato ai possessori di un abbonamento alle pay tv a pagamento (satellite o digitale terrestre). In assenza di un televisore sarà disponibile il servizio di diretta streaming video – come per ogni altra gara – grazie a Eurosport Player, la piattaforma che fornisce in mobilità tutte le partite del campionato di basket a condizione che venga sottoscritto un abbonamento e, naturalmente, si possa usufruire di dispositivi come PC, tablet e smartphone.

IL RITORNO DELL’EX MICOV

Cantù Olimpia Milano rappresenta il ritorno di Vladimir Micov in Brianza per la prima volta da avversario: nella vittoria della EA7 di metà aprile infatti il serbo era assente per infortunio, e dunque è questo il momento in cui si verificherà il nuovo “contatto” tra il giocatore e il pubblico che lo ha ammirato per due stagioni, tra il 2010 e il 2012. A Cantù Micov ha lasciato un ottimo ricordo: la squadra era fortemente competitiva e, lui in arrivo dal Baskonia, aveva dato una grossa mano ai brianzoli che avevano prima raggiunto la finale scudetto (1-4 contro Siena) dal secondo posto in regular season e poi i quarti nei quali però Pesaro aveva avuto la meglio (3-2) pur senza il fattore campo. Nel primo anno Micov si era incrociato in semifinale proprio contro l’Olimpia Milano: la Pallacanestro Cantù, che aveva fatto fuori Varese con un secco 3-0 nel primo turno, aveva vinto i primi due episodi della serie (giocati al Pianella), aveva perso gara-3 al Mediolanum Forum ma aveva chiuso nella quarta partita, nella quale Micov aveva chiuso con 12 punti, 10 rimbalzi, 4 assist e 5/9 al tiro per un ottimo 22 di valutazione, miglior giocatore in campo. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Cantù Olimpia Milano, al PalaDesio, sarà diretta dagli arbitri Carmelo Paternicò, Michele Rossi e Beniamino Manuel Attard e, mercoledì 16 maggio alle ore 20:30, è valida come gara-3 dei quarti di finale nei playoff di basket Serie A1 2017-2018. La serie fino a questo momento ha preso una direzione piuttosto evidente: la EA7 è in vantaggio per 2-0 e ha dominato entrambi gli episodi casalinghi del derby. La Red October si trova con le spalle al muro: deve necessariamente vincere per mettere le mani sulla quarta partita – che si giocherebbe sempre al PalaDesio – in caso di sconfitta invece Milano chiuderà la serie sul 3-0 e volerà in semifinale avendo giocato il minimo indispensabile di partite, e forse anche in maniera più semplice di quanto si potesse immaginare.

RISULTATI E PRECEDENTI

Vittoria di 32 punti in gara-1, +12 in gara-2 che però è “bugiardo”, nel senso che l’Olimpia ha preso subito un evidente vantaggio (ha chiuso sul +15 il primo tempo) e ha poi gestito i ritmi senza troppi problemi, evitando di alzarli per non spendere energie preziose che serviranno per questa trasferta. La serie parla chiaro: se la EA7 aveva mostrato qualche difficoltà di troppo nel finale della regular season, arrivata ai playoff ha fatto vedere perchè resta la squadra favorita per lo scudetto. Roster troppo profondo, nel quale i minuti sono perfettamente distribuiti: il solo Vladimir Micov (13 punti e 6 rimbalzi anche se con 1/4 dall’arco) ha raggiunto i 30 minuti di utilizzo, per il resto cinque giocatori sopra i 20 e uno come Arturas Gudaitis, che dominerebbe nel pitturato in quasi tutte le altre squadre di A1, che in 14 minuti ha messo 8 punti tirando 3/3 e ha catturato 5 rimbalzi per 16 di valutazione.

Cantù ha ben poche armi a disposizione se non il talento individuale: non è però bastato nemmeno un Randy Culpepper da 24 punti (anche perchè ha tirato 2/7 dal perimetro), gli unici altri in doppia cifra sono stati, con 18 punti a testa, Christian Burns (anche 11 rimbalzi) e Charles Thomas ma giocatori come Jeremy Chappell (6 punti e 1/6 dal campo) e Jaime Smith (5 punti e 6 assist, 1/5 al tiro) non si possono permettere di sbagliare la partita. Ora vedremo se la Red October, ritrovando l’ambiente caldissimo del suo palazzetto, riuscirà a girare questa serie arrivando a giocare anche gara-4, o se Milano diventerà la prima squadra qualificata alla semifinale dei playoff continuando la sua caccia al terzo scudetto in cinque anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori