FORMULA 1 / Toro Rosso, Sainz: Non miro al podio (7 marzo 2016)

- La Redazione

Formula 1 news, ultime notizie al 7 marzo 2016. Aggiornamenti in tempo reale, parla Sebastian Vettel che dichiara di non aver dato ancora un nome alla nuova monoposto Ferrari. 

Ferrari_classifiche
Ferrari Infophoto

, pilota del Toro Rosso, ha parlato a poco più di dieci giorni dall’inizio del Mondiale di Formula 1 decidendo di voler restare con i piedi per terra per questa stagione. “Abbiamo fatto due buoni test, la squadra ha fatto il possibile per consentirci di stare in pista il maggior tempo possibile. L’affidabilità era il nostro tallone d’Achille, in Australia puntiamo alla Q3, nonostante la squadra sia molto in forma ed anche io lo sono. Il mio obiettivo non è certo il podio, ma a Melbourne andremo molto forte. Ferrari e Mercedes sono di un altro pianeta, così come la Red Bull e la Williams. Abbiamo il dovere di iniziare bene questo Campionato del Mondo” conclude lo spagnolo Sainz. 

, pilota della Williams, ha parlato a due settimane dall’inizio del Campionato del Mondo di Formula 1 per commentare le novità della nuova monoposto dopo i test a Barcellona. “I cambiamenti si avranno soprattutto sul corpo vettura, nella parte posteriore e sono tutti dettagli che vedremo in Australia. Ci sarà sicuramente una novità sull’ala anteriore, ma dobbiamo ancora superare i crash test per assicurarci di poterla utilizzare. Sarebbe davvero un bene per le prestazioni della macchina” conclude Felipe Massa. La Williams è arrivata terza nella classifica costruttori nel 2015 ed il pilota crede di poter eguagliare quella posizione anche in questo Mondiale che sta per iniziare. “Se dovessi fare una scommessa metterei la Mercedes davanti alla Ferrari, noi poi saremmo terzi” conclude Massa. 

, pilota Red Bull, ha parlato dopo i test di Barcellona in vista della prima tappa del Mondiale di Formula 1 che si terrà nel weekend del 20 marzo. “Secondo me siamo sicuramente la terza forza. Mercedes e Ferrari sono superiori, forse a Monaco avremo una possibilità di salire sul podio ma su piste come questa spagnola avremmo bisogno di un pizzico di fortuna per arrivarci. La macchina è nettamente migliorata rispetto a quella di un anno fa, quindi in questo Mondiale potremmo fare molto meglio. La Williams e la Force India hanno migliorato di un gradino, la battaglia per il quinto posto nella classifica piloti sarà serrata quest’anno ma se tutto andrà bene potremo anche aggiudicarcela” conclude il pilota Red Bull. 

Mancano solo due settimane all’inizio del Campionato del Mondo e la Ferrari ha deciso di non appoggiare il nuovo format delle qualifiche, che comprenderebbe il regime ad eliminazione in tutte e tre le sue fasi. Come riporta questa mattina “La Gazzetta dello Sport”, la scuderia di Maranello si sarebbe opposta al voto unanime della scorsa settimana, e per fare in modo che questa norma non venga approvata il team principale Ferrari, Arrivabene, avrebbe invocato un vizio di procedura. La proposta del nuovo format della sedia rovente, infatti, è stata inserita solo all’ultimo nella riunione del 4 marzo, ed approvata dalla F1 Commission solo “per quanto riguarda il principio della regola”, fanno sapere da Maranello. La norma però è già stata rettificata e difficilmente si potrà procedere con un annullamento. 

Parla a poche settimane dall’inizio del Mondiale di Formula 1 dichiarando di non aver ancora deciso quale nome dare alla nuova monoposto con la quale gareggerà quest’anno. “Io ed i miei meccanici troveremo qualche nome prima della gara inaugurale. Le mie aspettative sono più elevate rispetto a quelle dello scorso anno, è sicuramente positivo sentire che sono così alte. Significa che le persone hanno fiducia in noi e nella Ferrari, il mio obiettivo è quello di diventare Campione del Mondo. Ci sono ancora molte cose da fare ma dopo i test le impressioni sono buone, abbiamo fatto dei passi in avanti” conclude il pilota Vettel che in questa stagione vuole arrivare prima di Hamilton e Raikkonen, contendendo il titolo ai piloti Mercedes. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori