RITIRO FC INTER / News: gli orari delle amichevoli. Quinto giorno a Brunico (9 e 8 luglio 2015)

- La Redazione

Ritiro Inter news 9 e 8 luglio 2015: quinto giorno di allenamenti in Alto Adige per la squadra di Roberto Mancini. Tutti gli aggiornamenti sulla preparazione dei neroazzurri

Kondogbia_R400
Geoffrey Kondogbia (Infophoto)

Nel ritiro dell’Inter a Riscone di Brunico si avvicina il momento delle prime amichevoli della nuova stagione per la squadra di Roberto Mancini. A questo proposito, c’è da segnalare un piccolo cambio di programma nel debutto di sabato pomeriggio contro i tedeschi dello Stuttgarter Kickers, partita che era inizialmente prevista per le ore 16.00 ed invece è stata spostata alle 17.00, come da comunicazione sul sito ufficiale della società. Si giocherà naturalmente nel centro sportivo di Riscone, che già ospita tutti gli allenamenti. Mercoledì 15 luglio l’Inter giocherà contro il Carpi alle ore 18.00. Il prezzo del biglietto per queste partite è di 20 Euro per l’intero, 7 Euro invece per il ridotto.

Come abbiamo già detto, l’Inter ha fatto una breve e piacevole parentesi al ritiro di Riscone di Brunico andando a pranzare nella vicina Plan di Corones, godendo di una spettacolare vista su tutte le più belle montagne dell’Alto Adige. Padrone di casa da queste parti è il celebre alpinista Reinhold Messner, che i nerazzurri hanno incontrato proprio in questa escursione in alta montagna prima di tornare a Riscone di Brunico.

Al termine dell’allenamento mattutino nel ritiro di Riscone di Brunico, un pranzo speciale per l’Inter che infatti per mangiare si è spostata a Plan de Corones, località panoramica a pochi km da Brunico, dalla quale si dominano le Dolomiti e rinomata sia per lo sci sia per alcuni durissimi arrivi del Giro d’Italia. Un’occasione dunque di fare gruppo per la squadra di Roberto Mancini in uno scenario incantevole. Si tornerà poi a Brunico, dove alle ore 17.00 è in programma la sessione pomeridiana di allenamento.

Splende di nuovo il sole a Riscone di Brunico, clima ideale per il ritiro dell’Inter, che comunque è circondata anche fra i monti dell’Alto Adige dall’entusiasmo dei tifosi, come ha dimostrato la festa in piazza di ieri sera. Addirittura commosso il nuovo acquisto Geoffrey Kondogbia, sorpreso dall’amore dei tifosi tanto da non riuscire a dire una parola mentre si alza il coro “Che ce frega de Pogba, noi abbiamo Kondogbia”. A proposito di cori, ci ha pensato Mauro Icardi ad arringare la folla saltellando sul classico “chi non salta rossonero è”. Grandi applausi anche per Mateo Kovacic e Xherdan Shaqiri, nonostante si parli di loro come possibili partenti. Le ambizioni sono affidate alle parole del capitano Andrea Ranocchia: “Stiamo lavorando bene e siamo contenti di riabbracciarvi, stiamo preparando una grandissima annata”.

Comincia una nuova giornata del ritiro dell’Inter a Riscone di Brunico, ma è doveroso parlare della grande serata di festa che si è svolta ieri in paese davanti a oltre 2.000 tifosi. Ecco le parole che Roberto Mancini ha usato davanti a loro: “Ci fa molto piacere vedervi in tanti perché arriviamo da un’annata un po’ particolare: siete il miglior pubblico d’Italia. Se i ragazzi continuano così i risultati arriveranno, potremo toglierci delle soddisfazioni tutti insieme”. Soddisfazioni che non mancavano di certo quando in campo c’era Dejan Stankovic, ora tornato come team manager e accolto da una vera e propria ovazione: “E’ bello tornare a casa, ricominciare di nuovo”, le parole del serbo.

Una notizia importante arriva dal ritiro dell’Inter a Riscone di Brunico: oggi pomeriggio infatti c’è stato il primo allenamento nerazzurro del nuovo acquisto Geoffrey Kondogbia, il colpaccio di questa prima fase del calciomercato sul quale si concentrano le attenzioni e le speranze dei tifosi dell’Inter (non a caso la sua maglietta è la più venduta in questi giorni). Come era ampiamente previsto, Kondogbia è arrivato in ritiro con qualche giorno di ritardo e da oggi inizia il suo lavoro insieme a Roberto Mancini e ai nuovi compagni di squadra

Brutta notizia per l’Inter nel ritiro di Riscone di Brunico, e non stiamo certo parlando della pioggia che è arrivata a rinfrescare le temperature insolitamente alte per l’Alto Adige. Il problema è la distorsione di cui è rimasto vittima Mateo Kovacic nell’allenamento di ieri. Oggi dunque non abbiamo visto sul campo il centrocampista croato che si è limitato a svolgere delle terapie, tuttavia non si tratta di un infortunio serio e dunque è possibile che Kovacic possa tornare ad allenarsi già domani insieme ai compagni.

Buona notizia per Jeison Murillo. Il difensore colombiano è stato operato questa mattina presso l’Humanitas: l’intervento di riposizionamento in asse della piramide nasale è perfettamente riuscito, lo rende nono l’Inter attraverso l’account Twitter ufficiale @Inter. Murillo tornerà a disposizione di Roberto Mancini dall’inizio della prossima settimana, per proseguire regolarmente il ritiro precampionato. 

Parla Martin Montoya, introdotto dal direttore generale Marco Fassone. Domanda: che cosa ti ha convinto del progetto Inter? Risponde: “E’ stato un pò difficile lasciare il Barcellona, perché sono stato lì per quindici anni. Ma sono contento ed emozionato per essere arrivato in una grande squadra, mi emoziona la voglia di vincere dei titoli“. Quanto vuoi essere protagonista? L’ultima stagione hai giocato poco: “Ho tantissima voglia di tornare ad essere un giocatore importante, proprio perché nell’ultimo periodo al Barcellona ho giocato poche partite“. Hai vinto l’ultima Champions League contro la Juventus, cosa pensi del calcio italiano? E’ molto diverso da quello spagnolo? Risponde Montoya: “Per quello che ho visto alla televisione la differenza principale è che c’è un gioco più tattico e più squadre difensive. Noi comunque cercheremo di giocare un bel calcio, che possa piacere ai tifosi“. Al Barcellona avevi davanti Dani Alves, qui all’Inter c’è stato Maicon: c’è qualche giocatore che ti ispira qualcosa di particolare? Risposta: “Mi paragono ad entrambi: sia Alves che Maicon sono giocatori rapidi, potenti, molto offensivi, a cui piace attaccare come a me“. Quali sono le cose che i tifosi devono aspettarsi da te? Come si insegna a vincere ai nuovi compagni? Dice Montoya: “I tifosi possono sperare che la squadra sarà unita, forte, con molta voglia di lottare per il campionato; da parte mai posso portare la voglia di sentirmi un giocatore vero e di riportare l’Inter dove era, e spero che in questo i compagni mi aiutino“. Hai detto ‘spero di tornare un giorno al Barcellona’, sei in prestito: ti senti di passaggio?La verità è che si tratta di voci travisate, io sono qui per rimanere molti anni, come ho detto prima per essere un calciatore a tutti gli effetti e con voglia di vincere molti titoli. Il presente per me è l’Inter“. Domanda: senti particolari pressioni dopo che Moratti ha detto che per te parla il fatto che vieni dal Barcellona? Risponde Montoya: “Non mi sento sotto pressione, vengo da un grandissimo club come il Barcellona e passo in un altro top club come l’Inter“. Temi di trovare concorrenza anche all’Inter? Hai avuto da Mancini garanzie su un posto da titolare? Risposta: “Anche nel Barcellona c’erano quattro terzini in squadra, sono venuto qui per poter giocare più minuti ma comunque un calciatore dimostra ogni giorno con l’allenamento quanto vale, poi sarà il mister a decidere chi giocherà“. Che opinione hai dei tuoi compagni?I compagni mi hanno trattato molto bene fin dal primo giorno, con gli argentini come Palacio, Icardi e Carrizo posso parlare in spagnolo. A poco a poco imparerò l’italiano“. Sul numero di maglia: “Mi piacciono il 2 e il 14, il 2 perché è il numero del terzino destro e l’avevo al Barcellona, il 14 perché è il giorno del mio compleanno. Sceglierò“.

Nel ritiro dell’Inter a Riscone di Brunico tutto è pronto per la presentazione di Martin Montoya, l’esterno che i nerazzurri hanno acquistato dal Barcellona e che è il primo volto nuovo ad essersi messo a disposizione dell’allenatore Roberto Mancini. L’appuntamento per seguire le prime parole da interista di Montoya è in diretta tv sul canale tematico Inter Channel (numero 232 della piattaforma satellitare Sky) ma anche in diretta streaming video tramite il canale ufficiale dell’Inter su Youtube, raggiungibile anche dal sito Internet della società e visibile a tutti.

Ieri la presentazione della seconda maglia, oggi invece ci saranno prima la presentazione di Martin Montoya (ore 12.15) e poi della squadra intera nella festa serale in piazza (ore 21.00). Insomma, le occasioni per i tifosi accorsi in massa nel ritiro dell’Inter a Riscone di Brunico non mancano e forse anche per questo l’entusiasmo non manca. Il coro più gettonato parla chiaro, chiedendo a Roberto Mancini “portaci in Europa”. Intanto però la squadra è tornata al lavoro per la sessione mattutina di allenamento al termine della quale sentiremo appunto le prime parole nerazzurre dell’ex Barcellona, al cui fianco sarà presente il direttore generale Marco Fassone.

La stagione dell’Inter 2015-2016 nasce nel ritiro montano esivo di Riscone di Brunico, la località altoatesina che torna ad ospitare i nerazzurri dopo alcuni anni di attesa. Era il primo ciclo di Roberto Mancini che tanti successi ha regalato ai nerazzurri, che ora tornano fra le montagne dell’Alto Adige sperando che possa nasce una nuova epoca di successi.

Anche oggi ci sarà la consueta doppia razione di allenamenti presso il parco sportivo di Riscone di Brunico, ma sarà una giornata decisamente interessante per i tifosi che hanno la fortuna di trascorrere in questo incantevole panorama qualche giorno di vacanza. Infatti alle ore 12.15 avrà luogo la presentazione di Martin Montoya, l’esterno spagnolo ex Barcellona che è stato il primo dei nuovi acquisti nerazzurri ad aggregarsi alla squadra lavorando a Brunico fin dal primo giorno di questo ritiro estivo. Non solo, perché alla sera ci sarà la presentazione della squadra davanti ai tifosi, l’ormai consueto momento di festa presentato dal direttore di Inter Channel, Roberto Scarpini. Non è finita qui, perché ai tifosi – che devono tenere d’occhio l’Hotel Royal Hinterhuber dove soggiorna la squadra – tutti i giorni è dedicato l’Inter Village, oltre al Day Camp riservato ai bambini nati tra il 2002 e il 2009, insieme a uno spazio per il Centro Coordinamento Inter Club e il ticketing per la campagna “Niente è come esserci”. Quanto alle amichevoli, gli appuntamenti saranno per sabato 11 e mercoledì 15: la prima contro lo Stuttgarter Kickers, club tedesco (fischio d’inizio alle ore 16.00), e la seconda alle ore 17.30 contro il Carpi, neopromosso in Serie A. Giovedì 16, infine, allenamento mattutino e poi il rientro a Milano in vista della tournée intercontinentale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori