Calciomercato Juventus/ La Ferla (procuratore): non credo alla conferma di Conte. E Pirlo…(esclusiva)

- int. Jano La Ferla

In esclusiva per IlSussidiario.net, Jano La Ferla ha parlato del calciomercato della Juventus e in particolare del possibile addio di Pirlo, centrocampista bianconero in scadenza.

Prandelli_voxpopuli
Cesare Prandelli (Infophoto)

La Juventus non ha ancora rinnovato il contratto di Andrea Pirlo, centrocampista bianconero che potrebbe lasciare i bianconeri in scadenza di contratto. La Juventus ha parlato molto con l’agente del giocatore che però non ha ancora firmato. E nel mirino della Juventus ci sarebbe anche un calciatore in scadenza di contratto come Xabi Alonso. E poi c’è la situazione di Antonio Conte, tecnico della Juventus, che potrebbe andare via a giugno. In esclusiva per IlSussidiario.net, il procuratore sportivo e Avvocato Jano La Ferla ha parlato del calciomercato Juventus.

La Juventus non ha ancora rinnovato il contratto con Pirlo. Cosa succederà? Io credo che Pirlo abbia ancora tanto da dare, per questo ha sicuramente varie offerte dall’estero.

Crede che potrebbe andare via? Secondo me non si sta trovando un accordo dal punto di vista contrattuale, la Juventus vorrebbe offrire un contratto non molto lungo.

Potrebbe arrivare Xabi Alonso come possibile sostituto? Dipenderà molto dal tecnico che ci sarà nella prossima stagione e che potrebbe non essere Antonio Conte.

Come mai? Secondo me andrà via a fine stagione, ha parecchie offerte da parte di club stranieri, in particolare dall’Inghilterra. Potrebbe andare via a fine stagione per trovare una squadra pronta a vincere la Champions League.

Il sostituto di Conte chi potrebbe essere? Aldilà delle smentite di rito io credo che Prandelli possa diventare il tecnico della Juventus al posto di Conte.

Su Prandelli c’è anche il Tottenham… 

Io credo che Prandelli per ora non prenda nessuna iniziativa perché vuole giocarsi il Mondiale fino alla fine. Però la Juventus è più vicina al c.t.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori