Calciomercato Milan/ News, De Sciglio: Real interessato, se il club volesse cedermi… Notizie al 22 Aprile 2014 (Aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Milan, il giovane terzino rossonero, De Sciglio, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 del proprio futuro, ammiccando alle avance del Real Madrid: ecco le dichiarazioni

kaka_desciglio
Mattia De Sciglio, terzino sinistro Milan (Infophoto)

Mattia De Sciglio apre all’addio al Milan durante il calciomercato estivo. Il giovane terzino rossonero è stato interpellato dai microfoni di Sky Sport 24 sulle proposte che gli sono giunte negli ultimi mesi, a cominciare da quella del Real Madrid. Il talentuoso calciatore del Diavolo non si è affatto nascosto, esternando: «Sicuramente fa molto piacere ricevere gli interessi da parte di squadre come il Real Madrid. Mi auguro di continuare a giocare nel Milan e che torni ad essere competitivo come negli anni passati, ma ormai nel calcio non si sa mai. Se il club dovesse decidere di cedermi per questioni economiche, valuterei le offerte che arriverebbero». Il Real Madrid segue De Sciglio già dalla scorsa estate e in diverse occasioni avrebbe tentato il Milan con delle offerte pari a circa 18/20 milioni di euro. Tali proposte sono sempre state rimandate al mittente ma in vista della prossima estate, quando i rossoneri saranno costretti a fare la campagna acquisti senza gli introiti Champions, potrebbero decidere di accogliere eventuali nuove offerte, alla luce anche delle dichiarazioni dello stesso De Sciglio che ha fatto capire di essere disposto a svestire la casacca del Diavolo per iniziare una nuova avventura.

C’è il nome di nuovo candidato per la panchina del Milan 2014-2015. Secondo quanto raccoglie il quotidiano sportivo catalano, El Mundo Deportivo, qualora la dirigenza rossonera esonerasse Clarence Seedorf, potrebbe puntare su Mauricio Pochettino, allenatore del Southampton con un passato fra le fila dell’Espanyol. Il 42enne tecnico argentino sarebbe onorato di ricevere una chiamata così importante, e sempre in base a quanto scritto dalla stampa iberica, vi sarebbe già stato un primo contatto preliminare fra il Milan e l’entourage del tecnico albiceleste. A spaventare il Diavolo, l’ingaggio percepito da Pochettino nella Premier League, più di un milione e mezzo di euro a stagione, una cifra un po’ troppo alta per i rossoneri. La scelta principale resta comunque quella targata Pippo Inzaghi, seguito a ruota da Donadoni e Spalletti. Attenzione anche a Montella, che però è blindato dalla Fiorentina, e alla novità di ieri riguardante Michael Laudrup.

C’è un nome nuovo sul taccuino dell’ad del Milan Galliani, in vista del calciomercato estivo. Stando alle ultime indiscrezioni circolanti il club rossonero starebbe pensando a Cristian Tello, attaccante classe 1991 del Barcellona che in estate lascerà quasi sicuramente il Camp Nou. Il 22enne calciatore della nazionale spagnola viene da una stagione ai margini dell’11 titolare, con 799 minuti distribuiti su 27 partite totali, circa 25 minuti di media a gara. Il giovane iberico vuole una squadra con la quale trovare continuità e il Milan potrebbe offrirgli questa chance. Tello è un esterno d’attacco di sinistra che all’occorrenza può occupare anche il versante opposto e il di Clarence Seedorf si sposerebbe alla perfezione con le sue caratteristiche. In casa Milan c’è da fare i conti con la possibile partenza di Kakà, tentato dalla Major League Soccer, e qualora il 32enne brasiliano dicesse addio ai rossoneri, a quel punto la dirigenza di via Aldo Rossi potrebbe fiondarsi sul giovane spagnolo. Tello ha un valore che si aggira sui 10 milioni di euro alla luce del suo contratto in scadenza al 30 giugno del 2018. Sulle sue tracce anche la Roma e il Napoli.

Clarence Seedorf ha saputo rialzare la testa nel momento più buio. Cinque le vittorie consecutive del suo Milan, precisamente Fiorentina, Catania, Chievo, Genoa e Livorno. Se ci aggiungiamo anche il pareggio contro la Lazio all’Olimpico fanno un totale di sei risultati utili in fila, roba d’altri tempi. Il tecnico olandese non ha risposto a parole, rimandando al mittente ogni critica, ma con i fatti, e sul campo ha ottenuto tutto ciò che poteva ottenere. I rossoneri sono tornati in piena corsa per l’Europa League e il sesto posto soltanto poche settimane fa appariva quasi un mezzo miracolo. Nel contempo Seedorf ha saputo rivitalizzare calciatori che sembravano sul viale del tramonto, come ad esempio Philippe Mexes, tornato ai suoi massimi livelli dopo un periodo di appannamento. Importante anche il lavoro su Bonera, rispolverato nel ruolo di terzino, ma anche quello su Taarabt, giocatore fortemente voluto dallo stesso olandese, capace di segnare quattro reti nelle ultime 10 gare. Come dimenticarsi poi di Balotelli, altro giocatore che sembra finalmente rinato dopo un periodo turbolento. Ci si interroga quindi sul futuro di Seedorf ma soprattutto se non sia un azzardo eccesivo, esonerare l’ex Botafogo dopo il buon lavoro svolto: la società cosa deciderà?

Ogni qual volta Adel Taarabt segna, Adriano Galliani ha un colpo al cuore. L’ad rossonero, se da una parte si gode il magic moment del nazionale marocchino, capace di segnare quattro gol nelle ultime 10 gare, dall’altra, pensa alla prossima estate, quando il Milan dovrà versare nelle casse del Queens Park Rangers 8 milioni di euro per riscattarlo. Il manager monzese, naturalmente, vorrebbe dimezzare tale cifra ma sembra davvero difficile pensare ad uno sconto degli inglesi alla luce appunto delle prestazioni di cui sopra. Per completare il quadro della situazione, vanno aggiunte le offerte che negli ultimi giorni stanno giungendo in casa QPR proprio per Taarabt. Si mormora che lo United sia pronto a versare nelle casse della società britannica ben 8,5 milioni di euro ed è per questo che il Milan dovrà trovare assolutamente la cifra necessaria altrimenti c’è il rischio di perdere il giocatore. C’è chi ipotizza uno scenario di questo tipo: Taarabt non riscattato e poi messo sul mercato dal QPR con i rossoneri che partecipino ad un’asta. Una situazione davvero particolare che cambierebbe ben poco la posizione del club di via Aldo Rossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori