Calciomercato Milan/ News, Calandra (ag. FIFA): Obi Mikel, problema ingaggio. Inzaghi e la sfida Balotelli (esclusiva)

- int. Giuseppe Calandra

Calciomercato Milan news, in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Giuseppe Calandra ha parlato delle strategie rossonere e in particolare della situazione di Mario Balotelli

obimikel_mariogomez
(INFOPHOTO)

Il Milan pende dalle labbra di Inzaghi che vuole riportare i rossoneri in alto. SuperPippo potrebbe tentare di recuperare Mario Balotelli anceh a suon di consigli da ex attaccante navigato. Intanto i rossoneri sono pronti a prendere un esterno d’attacco come Lavezzi che piace all’allenatore e potrebbe creare in avanti quelle situazioni di superiorità numerica in grado di rendere vita facile al numero 45 rossonero. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Giuseppe Calandra ha parlato del calciomercato Milan.

Come giudica i primi giorni di Inzaghi da allenatore del Milan? Ha voluto essere molto chiaro con tutti, ha stabilito delle regole importanti e sono convinto che c’è stato un messaggio proprio per Balotelli.

Tutti devono dare l’anima per il Milan… Esatto, io sono convinto che Inzaghi abbia voglia di puntare su SuperMario per la prossima stagione, potrebbe essere l’uomo giusto per il giovane attaccante italiano.

Nel mirino del Milan ci sarebbe un esterno d’attacco come Lavezzi. Solo un sogno? E’ difficile prendere questo tipo di giocatori per il Milan e per l’Italia in generale. Lavezzi oggi ha un costo importante e un ingaggio da top player.

Ripensamento per Taarabt? Tutto può succedere, anche perché il marocchino al Milan ha fatto bene ed ha convinto tutti. Il calciomercato è lungo e potrebbero cambiare tante cose.

Per il centrocampo è spuntato il nome di Mikel. Che pensa del calciatore nigeriano? E’ un giocatore sicuramente di livello, nel Chelsea potrebbe non trovare spazio. Ma c’è un problema economico per lui.

In che senso? Ha un ingaggio fuori dalla portata del Milan, dipenderà molto dalla sua volontà di andare incontro ai rossoneri abbassandosi l’ingaggio.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori