PAGELLE/ Lazio-Pescara (3-0): i voti e il tabellino della partita (serie A 2012-2013, 26esima giornata)

- La Redazione

Le pagelle e il tabellino di Lazio-Pescara 2-0, partita valida per la ventiseiesima giornata del campionato di serie A 2012-2013: voti, marcatori e ammoniti del monday night dell’Olimpico

candreva_hernanes
La Lazio festeggia un gol (Infophoto)

La Lazio batte il Pescara per 2-0 e rinsalda il proprio terzo posto in classifica salendo a 47 punti, +2 dal Milan che affronterà in trasferta nella prossima giornata. All’Olimpico i gol di Radu e Lulic affossano il Pescara, che resta al penultimo posto assieme al Siena (21 punti), e si prepara ad ospitare l’Udinese nella prossima partita.

Primo tempo davvero piacevole, grazie alla disinvoltura con cui gioca la Lazio, facilitata anche dalla pochezza tecnico-tattica degli avversari. I due gol splendidi, poi, valgono da soli il prezzo del biglietto. Il secondo tempo invece è noiosissimo, visto che la Lazio non ha interesse a spingere, e la reazione del Pescara è davvero poca roba.

Avversario molto modesto, è vero, ma la risolve alla grande nella prima frazione, con due gol da cineteca e un fraseggio fluido e disinvolto, mentre nel secondo tempo si limita ad amministrare senza correre pericoli nè versare gocce di sudore.

È evidente che la squadra non merita la categoria in cui gioca. Il mercato invernale non sembra aver risolto le lacune strutturali che erano palesi nel primo semestre, e la partita di stasera ne è la controprova. Non mette mai seriamente in difficoltà gli avversari, e di contro dietro è estremamente fragile.

Giornata di lavoro più che tranquilla. Nessun contatto duro, nessuna situazione sospetta…

Lazio 

Marchetti 6: spettatore non pagante.

Konko, s.v.: esce dopo 3 minuti per infortunio.

Cana 7: sbaglia un solo intervento in 90 minuti, e poi vi rimedia. Per tutto il resto, impeccabile.

Dias 6.5: grande partita anche per lui, qualche leggerezza ma nulla di grave.

Radu 7: primo tempo da leone, con un gol fantasmagorico.

Ledesma 6: ha gioco facile contro un centrocampo inesistente.

Candreva 6.5: 

Gonzalez 6+: partita diligente, si muove tanto e crea il vantaggio con un gran cambio di gioco.

Hernanes 5.5: nel primo tempo sembra ingranare dopo un paio di conclusioni velenose. Poi pian piano si eclissa.

Lulic 7: inizialmente devastante, corre, pressa, dribbla, destro e sinistro è lo stesso: gol strepitoso più assist. Dopo tira il fiato. 

Floccari 5.5: si pappa almeno due occasioni giganti nella ripresa: non è il Floccari che ci eravamo abituati a vedere.

Pereirinha 6: dopo qualche minuto di assestamento, cresce, sopratutto nella ripresa, quando si fa apprezzare per diverse discese pericolose ed altrettante importanti chiusure difensive.

Onazi s.v.

Ederson s.v.

All.Petkovic 6.5: squadra solida, serena, rilanciata nella corsa Champions dopo un periodo di annebbiamento. Il miglior viatico in vista del Milan.

Pescara 

Pelizzoli 6: nei due gol non può davvero nulla. Per il resto, regge come può.

Balzano 4.5: sottomesso e dominato nel primo tempo, quando si fa saltare costantemente.

Zauri 5.5: inizia bene, sente l’aria di casa, poi rincula quando cresce Candreva.

Cosic 5: poco in partita sin dall’inizio.

Capuano 4.5: non trova mai riferimenti.

Bocchetti, 6: l’unico a salvarsi, grazie a qualche disimpegno ben effettuato.

Rizzo 4.5: perde la bussola nel primo tempo, spuntano maglie biancocelesti ovunque e lui annega.

Cascione 6: qualità isolata in tanta cafonaggine calcistica. Predica nel deserto, lui che è di una qualità superiore ai suoi compagni. Ma da solo, che può fare?

Bjarnason 5: pochissimi sprazzi in un mare di mediocrità.

Abbruscato 4.5: non si vede mai, lascia Celik solo al suo destino e non incide. Anzi, sciupa una bella punizione a fine primo tempo.

Celik 6: nella prima parte è molto attivo, quantomeno è l’unico che sembra avere il coraggio di proporsi. Nel secondo finisce la benzina.

Caprari 6: entra e riaccende la sua squadra. Corre e salta l’uomo, costantemente, ma ormai è troppo tardi…

Caraglio s.v.

Sculli s.v.

All. Bergodi 5: rosa inadeguata, non è che possa farci più di tanto..

 

(Giovanni Gazzoli @giogazzoli)

Il tabellino

Marcatori: 29’pt Radu, 35’pt Lulic

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Konko (5’pt Pereririnha), Cana, Dias, Radu; Ledesma; Candreva (36’st Ederson), Gonzalez (21’st Onazi), Hernanes, Lulic; Floccari (Bizzarri, Strakosha, Biava, Kozak, Saha). All.Petkovic.

Pescara (5-3-2): Pelizzoli; Balzano, Cosic, Bocchetti, M.Capuano, Zauri; Rizzo, Cascione (42’st Sculli), Bjarnason; Abbruscato (15’st Caprari), Celik (26’st Caraglio) (Perin, Bianchi Arce, Modesto, D’Agostino, Vukusic). All.Bergodi.

Arbitro: Romeo di Verona.

Ammoniti: nessuno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori