SS LAZIO/ Europa League, l’UEFA ha deciso: con lo Stoccarda a porte chiuse

- La Redazione

Lazio-Stoccarda, partita di ritorno degli ottavi di Europa League in programma allo stadio Olimpico il prossimo 27 marzo, si giocherà e porte chiuse: questa la decisione dell’UEFA

tribuna_vuota
(INFOPHOTO)

Lazio-Stoccarda, partita di ritorno degli ottavi di finale dell’Europa League, si giocherà a porte chiuse. Questa è la decisione dell’UEFA, che ha preso tale provvedimento a seguito dei fatti relativi all’ultima partita europea giocata in casa dalla Lazio. Contro il Borussia Monchengladbach circa 300 tifosi biancocelesti hanno rivolto il saluto fascista contro i sostenitori avversari, gesto che dunque costerà alla squadra di Petkovic il supporto dei tifosi nel ritorno contro lo Stoccarda. La partita dell’Olimpico è prevista per il 27 marzo p.v., mentre quella di andata si giocherà settimana prossima, giovedì 7 marzo. Il provvedimento dell’UEFA era nell’aria dal momento che la Lazio era già stata diffidata, per i precedenti casi di razzismo. In questo senso la punizione potrebbe essere appesantita: è la quarta volta che la società capitolina viene deferita dal’UEFA quest’anno. Sulla Lazio pesa anche il precedente caso di violenza contro i tifosi del Tottenham, in occasione della partita della fase a gironi. 

Aggiornamento: la squlifica dell’Olimpico, per le partite casalinghe della Lazio, è stata estesa a due giornate. Il presidente Lotito ha fatto sapere che la società farà ricorso contro questo provvedimento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori