Pagelle/ Lazio-Cagliari (4-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2016-2017, 10^giornata)

Le pagelle di Lazio-Cagliari: Fantacalcio, i voti della partita di Serie A disputata mercoledì 26 ottobre 2016 allo stadio Olimpico di Roma, valida per la 10^giornata

26.10.2016 - La Redazione
keitabalde_petto
Il senegalese Keita Balde Diao, 21 anni, attaccante della Lazio (LAPRESSE)

Al fischio finale di Lazio-Cagliari possiamo leggere le pagelle della partita dello stadio Olimpico, valida per la decima giornata del campionato di Serie A 2016-2017. La Lazio vince per 4-1 contro il Cagliari. Decidono le reti di Keita, Immobile (doppietta di cui il primo su rigore), Felipe Anderson e l’autogol di Wallace. Nel prossimo turno di A la Lazio giocherà di nuovo in casa, affrontando il Sassuolo, mentre il Cagliari ospiterà il Palermo nel posticipo del lunedì sera.

I biancocelesti si fanno trovare pronti e determinati a far bene. In meno di mezzora la pratica è sbrigata. Il centrocampo tiene bene mentre in attacco la qualità non manca. Nel secondo tempo gestione del vantaggio. Primo tempo sciagurato. La squadra si presenta scarica e poco concentrata e viene puntualmente colpita sia a difesa schierata che in contropiede. La prestazione odierna vale la palma di peggior difesa del campionato. Giusto concedere i due rigori, uno per parte. Forse ce n’era un altro per la Lazio in apertura di match. 

Ecco le pagelle con i voti dopo i primi 45 minuti di Lazio-Cagliari, partita che ha chiuso il primo tempo sul parziale di 3-0. Decidono le reti di Keita e Immobile, in doppietta. Simone Inzaghi schiera la Lazio con il consueto 4-3-3. Marchetti tra i pali è protetto da Patric, Wallace, Hoedt e Radu. A centrocampo Parolo, Cataldi e Lulic mentre il reparto d’attacco è composto da Felipe Anderson, Immobile e Balde Keita. Il Cagliari di Rastelli risponde con il 4-3-1-2. In porta Storari, linea difensiva composta da Bittante, Ceppitelli, Bruno Alves e Murru. A centrocampo gli ex juventini Isla e Padoin si dispongono come interni mentre a Tachtsidis spetta schermare le incursioni avversarie. In avanti Barella supporta la coppia Melchiorri – Borriello. L’arbitro designato per l’incontro è Domenico Celi, fischietto iscritto alla sezione AIA di Bari. La Lazio parte forte offendendo un Cagliari poco incline alla pressione mediana. La difesa ospite scricchiola fin dall’avvio. Parolo prova a colpire con puntuali inserimenti ma l’appuntamento con il gol è fissato per il sesto minuto. In pratica appena il Cagliari si avventura in area avversaria. Sugli sviluppi di un corner a proprio favore i rossoblù si scoprono eccessivamente provocando un pericoloso 3 contro 2 nella propria area. Immobile – Lulic – Keita. Quest’ultimo sfoggia buona parte del suo bagaglio tecnico controllando e concludendo con estrema precisione in area. Lo svantaggio scuote gli ospiti ma gli errori sono sempre gli stessi. Manovra poco precisa e pericoli sui contropiedi avversari. Keita trova Immobile ma il suo tiro è impreciso. L’ex Barcellona ci riprova, questa volta dalla distanza, non mostrando la stessa precisione di qualche minuto prima. La Lazio affonda facilmente in area rossoblù. Keita accarezza palla liberando Immobile che in area sceglie un colpo di testa molto complicato che finisce la sua traiettoria morbidamente tra le braccia di Storari. Intorno al 20esimo gli uomini di Rastelli sembrano trovare la quadra. Marchetti esce male rischiando molto ma il tiro di Borriello esce di poco. Poi è Melchiorri a spaventare l’ex di turno con una saetta dal cuore dell’area, terminata fuori di qualche centimetro. La Lazio colpisce ancora stroncando le intenzioni avversarie. Ceppitelli stecca Immobile in area regalando un rigore che il campano non sbaglia. Il Cagliari si mostra imbarazzante in difesa. Qualche minuto dopo Barella corre all’indietro per eludere la pressione di Immobile. Cerca di appoggiarsi su Storari ma becca Ceppitelli. La palla schizza in avanti e Immobile si ripresenta a tu per tu con il portiere avversario. Tocco semplice e tris biancoceleste. Nel finale di tempo ammoniti Tachtsidis e Balde Keita. MIGLIORE IN CAMPO LAZIO: BALDE KEITA 7 – PEGGIORE IN CAMPO LAZIO: MARCHETTI 5,5 – MIGLIORE IN CAMPO CAGLIARI: BORRIELLO 6,5 – PEGGIORE IN CAMPO CAGLIARI: CEPPITELLI 5 (Francesco Davide Zaza)

MARCHETTI 6 Dopo un’uscita abbastanza inspiegabile che sull’1-0 rischiava di rovinare i piani della squadra si riprende nel secondo tempo. Ottima parata su colpo di testa di Dessena.

PATRIC 6,5 Sta progressivamente migliorando. Oggi due ottimi interventi, uno per tempo.

WALLACE 5,5 Nel finale sbaglia realizzando un autogol che si poteva evitare. Prestazione poco convincente.

HOEDT 6 Amministra bene gli attaccanti avversari.

RADU 6,5 Entra con coraggio sul pallone stroncando diverse azioni del Cagliari.

PAROLO 6,5 Nel primo tempo impensierisce la difesa avversaria con inserimenti profondi. Sembra attivo e risolutivo.

(dal 21’ s.t. MURGIA 6 Riparte con buona frequenza supportando bene l’attacco.)

CATALDI 6,5 Mantiene la posizione rimanendo vigile e concentrato fino allo scadere.

LULIC 6,5 Accompagna bene le offensive biancocelesti. La sua presenza si avverte, eccome, a centrocampo.

(dal 38’ s.t. LEITNER s.v.)

FELIPE ANDERSON 7 Si sacrifica con utilità dietro. Cerca e trova il gol al momento giusto. Tanta classe e tenacia in occasione della prima rete in campionato.

IMMOBILE 7 Sempre pericoloso. Ha 4-5 occasioni per colpire. Ne sfrutta 2 portandosi a 8 gol stagionali.

(dal 27’ s.t. C. LOMBARDI 6 Si muove molto proponendosi di continuo.)

B. KEITA 6,5 Inizio di gara scintillante. Tiri e servizi precisi che mandano in tilt la retroguardia avversaria. Poi si innervosisce più del dovuto causando anche un rigore.

ALL. S. INZAGHI 6,5 Presenta una squadra affamata e pronta a prendersi la posta in palio. Prestazione sicura e convincente.

STORARI 6 Fa quel che può salvando addirittura in diverse occasioni i compagni.

BITTANTE 4,5 Soffre la spinta di Keita alzando ben presto bandiera bianca.

CEPPITELLI 4,5 Tanti errori. Causa il rigore, perde l’uomo in marcatura, si rivela lento e impacciato. Giornata da dimenticare.

BRUNO ALVES 5,5 Compensa nel primo tempo a una prestazione orribile del reparto difensivo. Nella ripresa la concentrazione cala anche per lui.

MURRU 5,5 Non riesce a coprire la zona di sua competenza arrivando spesso in ritardo. Esce per in lacrime per infortunio di sospetta gravità.

(dal 22’ s.t. M. CAPUANO 6 Spinge bene causando anche l’autogol che segna il gol della bandiera.)

ISLA 4,5 Errori a gogò. Sbaglia le verticalizzazioni, non fa le diagonali. Confuso e inadeguato.  

(dal 10’ s.t. DESSENA 6 Migliora la circolazione palla dei sardi offrendo diverse soluzioni.)

TACHTSIDIS 5,5 Si fa sorprendere in troppe situazioni in ritardo. Dopo l’ammonizione si calma e migliora.

PADOIN 5 Non riesce a schermare la spinta del centrocampo avversario.

BARELLA 4,5 Una sua indecisione regala a Immobile la palla del 3-0. Poco incisivo, molto dispersivo.

MELCHIORRI 6 Le sue accelerazioni mettono in difficoltà la difesa laziale. Bravo a procurarsi il penalty.

BORRIELLO 6 Si sbatte più di tutti nel primo tempo. Nella ripresa fallisce il rigore e si spegne.

(dal 30’ s.t. GIANNETTI 6 Crea un paio di occasioni. Il corner dal quale arriva l’autogol è provocato da uno suo squillo.)

ALL. RASTELLI 4,5 Dopo i 5 gol incassati 3 giorni fa in molti si aspettavano un Cagliari più accorto e attento. Niente. Gol presi in contropiede e tanti errori probabilmente dovuti a un alto grado di insicurezza. Equilibrio cercasi.

(Francesco Davide Zaza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori