CARLO CONTI/ Con la Rai un matrimonio che funziona: “Perché divorziare?” (Tv Talk)

- Rossella Pastore

Carlo Conti ospite a Tv Talk per una summa della stagione televisiva appena trascorsa. Parlerà anche dei suoi progetti futuri, tra Rai e – forse – anche Mediaset.

Carlo Conti
Carlo Conti ospite a Tv Talk

Cambio di casacca per Carlo Conti? A quanto pare no. Eppure, mai come adesso, le voci sul suo presunto trasferimento in Mediaset si sono fatte insistenti. Sarà questa, probabilmente, una delle domande che si sentirà rivolgere a Tv Talk, nel corso della puntata di oggi di cui sarà ospite. “Stiamo facendo serenamente una trattativa e come sempre sono sicuro che troveremo un punto di incontro”, anticipa il conduttore a Tv Sorrisi e Canzoni, “se c’è la volontà da tutte e due le parti, la soluzione si trova, d’altronde perché interrompere un matrimonio che funziona bene? E poi le dico che abbiamo già cominciato a fare i provini per preparare una bella edizione di Tale e Quale Show a settembre”. Di fatto, i casting per il programma sono partiti in questi giorni.

Carlo Conti al Festival di Sanremo? “Assolutamente no”

Quanto a Sanremo, Carlo Conti ha le idee chiare: “Non ci penso proprio. Ho fatto tre anni di Festival, è andata bene e non so fra quanto tempo ci tornerò, e se ci tornerò. Sanremo non l’ho mai rincorso. E se mai dovesse essere, non sarà adesso perché è troppo presto, sono passati solo due anni. Poi, come disse un mio illustre concittadino, ‘di doman non c’è certezza’… (…) E’ impensabile fare la direzione artistica con la conduzione di un collega o di una collega. Diverso è se ci fosse un’idea dietro, come magari la conduzione corale di un gruppo di conduttori giovani, oppure di cantanti o sportivi, allora in quel caso sarebbe utile la direzione artistica di qualcuno con esperienza che tiri le fila”. Niente Festival, dunque, nemmeno da solo direttore artistico.

Carlo Conti resta in Rai

Carlo Conti è apparso più volte in Mediaset, contribuendo ad alimentare le dicerie suddette. Su Repubblica sono apparse le ragioni (o presunte tali) che andrebbero a giustificare una tale scelta. La Rai gli avrebbe proposto un taglio dello stipendio di almeno il 10%, che il conduttore avrebbe (ancora il condizionale) prontamente rifiutato. In più, si è parlato di “gelosia” rispetto all’ipotesi Cattelan a Sanremo, cosa che Conti, come si è visto, ha prontamente smentito. Se pure il trasloco dovesse avvenire, il conduttore porterebbe con sé il suo storico gruppo di autori, costituendo una grave perdita per l’azienda e le sue trasmissioni. Insomma: Conti e la sua squadra vincente resteranno dove sono ancora per un po’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA