Casaleggio, sms a parlamentari M5s: “Non mi fido del Pd”/ I “due forni” e la smentita

Casaleggio e il retroscena di Dagospia sulla politica dei due forni del M5s: “Vediamo margini con la Lega”. Arriva la smentita, ma…

casaleggio
Davide Casaleggio ospite di Wired nel 2018 (LaPresse)

Davide Casaleggio al centro dei rumors nelle ore della trattativa tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico per la formazione di una nuova maggioranza parlamentare dopo la crisi del Governo gialloverde. Il presidente della Casaleggio Associati, nonchè presidente e fondatore dell’Associazione Rousseau, ha preso parte al vertice di Marina di Bibbona a casa di Beppe Grillo sul da farsi in casa pentastellata e, secondo quanto riporta Dagospia, non rientra tra i principali fautori di un accordo con i dem di Nicola Zingaretti. Matteo Salvini nelle scorse ore ha lasciato una porta aperta per un nuovo dialogo tra Lega e 5 Stelle, messaggio condiviso da altri esponenti del Carroccio, e Casaleggio sembrerebbe aver accolto l’invito: «Del Pd non mi fido. meglio capire se esistono margini di ricomposizione. Mi spiace per Beppe ma dobbiamo essere coerenti. da domenica sono cambiate tante cose. vedremo», il messaggio inviato ai parlamentari grillini…

CASALEGGIO, LA POLITICA DEI DUE FORNI E LA SMENTITA

Il portale di Roberto D’Agostino ha inoltre evidenziato che il Movimento 5 Stelle è totalmente spaccato in due: c’è chi spinge per l’accordo con il Partito Democratico e chi, invece, è pronto a tornare a dialogare con la Lega di Matteo Salvini. Non è tardata ad arrivare la presa di posizione dello stesso Davide Casaleggio, che ha smentito l’indiscrezione lanciata da Dagospia: «Non ho mai inviato l’sms di cui parla Dagospia. E’ l’ennesima notizia inventata che leggo sul mio conto sulla stampa italiana». Dago però ha subito ribattuto: «E’ un messaggio che ha inviato ad alcuni parlamentari. Ovvio che smentisca». Politica dei due forni o no? L’incontro tra le delegazioni di M5s e Partito Democratico è stato definito positivo da entrambi, ma non ci resta che attendere lo sviluppo degli avvenimenti…



© RIPRODUZIONE RISERVATA