Cashback di Natale non pagato a tutti/ Mancano alcuni rimborsi: ecco perché

- Alessandro Nidi

Cashback di Natale, effettuati tutti i bonifici o… quasi: una minima percentuale di italiani non ha ricevuto nulla. Inoltre, il Codacons segnala una pioggia di reclami

Pos cashless pagamenti Lapresse1280 640x300
Lapresse

Il cashback di Natale, tanto chiacchierato pochi mesi fa, ha dato in questi giorni i tanto attesi frutti: sono stati infatti effettuati, mediante bonifici sui conti correnti degli italiani aventi diritto, i rimborsi del 10% delle spese eseguite nel periodo incluso tra l’8 e il 31 dicembre scorsi mediante carte di credito o altre tipologie di pagamento virtuale presso negozi fisici. La comunicazione è giunta dalla Concessionaria servizi assicurativi pubblici (Consap), la quale ha reso noto ufficialmente che gli ultimi accrediti avverranno nel rispetto delle tempistiche bancarie, ma tutti i movimenti sono già stati portati a termine.

L’importo medio rimborsato si attesta a quota 69 euro, per un ammontare complessivo di 223 milioni di euro, ma c’è chi è rimasto scontento; una minima percentuale dei rimborsi, infatti, non è andata a buon fine per via dell’inserimento di codici IBAN sbagliati o per conti correnti bloccati o non esistenti. Parliamo dello 0,04% dei bonifici, una cifra irrisoria, ma comunque esistente: per i cittadini appartenenti a questo poco ambìto novero, tuttavia, recuperare l’importo loro spettante sarà ancora possibile, inserendo un IBAN valido mediante l’applicazione “Io”.

CASHBACK DI NATALE: PIOGGIA DI RECLAMI

Tuttavia, qualcosa pare non avere funzionato al meglio per quanto riguarda il discorso legato al cashback di Natale, dal momento che, come riferisce il quotidiano “Il Messaggero”, a detta del Codacons migliaia di utenti lamentano il mancato rimborso per via del non riconoscimento delle loro transazioni da parte del sistema: “Continuiamo a ricevere segnalazioni da parte di consumatori che, pur avendo registrato le proprie carte e compiuto operazioni valide, non hanno raggiunto la soglia dei 10 pagamenti minimi per ottenere il rimborso, a causa del mancato riconoscimento di alcune transazioni da parte del sistema”, ha spiegato il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. Per poi asserire: Migliaia di cittadini sono stati esclusi dai rimborsi e i loro reclami inviati attraverso l’app Io non hanno ricevuto alcun riscontro. Abbiamo chiesto a Consap di svolgere un’approfondita indagine e fornire risposta a tutti coloro che hanno visto sparire operazioni correttamente eseguite, perché tali situazioni scoraggiano il programma Cashback e arrecano un danno sul fronte della fiducia dei cittadini”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA