Cassese: Dl Semplificazioni “fuorilegge”/ Modello Genova? Impossibile senza privati

- Niccolò Magnani

Sabino Cassese “il Decreto Semplificazione fatto male e “fuori” legge. Modello Genova? Non è replicabile, non ci sono i privati qui”

conte 24 lapresse1280
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte (LaPresse)

Secondo il Presidente emerito della Corte Costituzionale Sabino Cassese, intervistato dall’Huffington Post, il Decreto Semplificazioni varato nella notte dal Governo Conte “salvo intese” è tutt’altro che un buon provvedimento: «Si è fatto il meno possibile, sul maggior numero di materie, e quel poco è stato fatto male. Se si fossero messe insieme le proposte maturate a Palazzo Vidoni in questi anni si sarebbe fatto meglio. Il decreto legge Semplificazioni è poi divenuto una nuova norma omnibus, su cui sono saliti tutti, per approfittare della decretazione d’urgenza».

Per Cassese, mai troppo tenero con il Governo Conte e le disposizioni politico-giuridiche dei decreti durante la pandemia Covid-19, il problema del Dl Semplificazioni riguarda la sostanziale “eterogeneità” dei contenuti, troppo vaghi e senza un obiettivo concreto secondo il giurista emerito: davanti alla possibilità di “modello Genova”, voluto da buona parte della maggioranza (M5s e Italia Viva), Cassese spiega nel dettaglio perché non possono ripetersi le condizioni che hanno portato la ricostruzione del Ponte Morandi in 2 anni. «Non si sburocratizza con un provvedimento di 96 pagine, 48 articoli, approvato tra le 23 della notte e le 4.10 del mattino. Il modello Genova non è esportabile perché riguarda la ricostruzione di un’opera già esistente e perché quell’opera non è stata finanziata con risorse provenienti dal Tesoro», sentenzia l’ex Presidente della Consulta.

CASSESE: “L’ITALIA NON RIPARTIRÀ (COSÌ)

Non deve preoccupare la possibile infiltrazione di organizzazioni mafiose e criminali davanti all’allargamento delle “maglie” con il nuovo decreto del Governo, ma per Cassese «Più che corruzione e mafia deve preoccupare l’inerzia prodotta dai controlli preventivi e dalla previsione di troppe responsabilità con sanzioni sproporzionate per le amministrazioni». A non convincere il giurista anche l’ipotesi di “soli commissari” per portare avanti le opere pubbliche: «commissari sono organi straordinari. La procedura per scegliere le opere e i commissari sarà lunga. Gli interventi straordinari rallentano quelli ordinari. Quindi, nel complesso il ricorso a procedure e organi straordinari non serve a semplificare. L’esempio della Cassa del mezzogiorno, nella seconda parte della sua vita, dovrebbe insegnare qualcosa».

Per questo motivo, l’ipotesi più probabile per Cassese è che i risultati  in termini di accelerazione dell’azione pubblica saranno «molto limitati». Chiosa finale sulle difficoltà della maggioranza con Conte nel dirimere un serio piano di rilancio per il Paese: «rinvii sono prodotti da molti fattori concomitanti. Una classe di governo con scarsa esperienza e poca competenza. Il M5S animato da furori ideologici transeunti (chi ricorda la democrazia diretta?). Una alleanza costituita solo con finalità “ad excludendum”. Cultura politica a cui sono estranee le politiche. Inesperienza amministrativa». Per Cassese dunque lo scenario per l’Italia futuro è tutt’altro che roseo: «ma so che gli annunci non possono sostituire i progetti, e che con gli annunci si creano aspettative che vengono deluse dalle mancate realizzazioni. Donde, delusioni e nuovi rivolgimenti».



© RIPRODUZIONE RISERVATA