Chi trova un amico trova un tesoro/ Le perle nel film con Bud Spencer e Terence Hill

- Bruno Zampetti

Il film del 1981 con Bud Spencer e Terence Hill nasconde alcune perle che possiamo considerare un tesoro del cinema italiano

chi trova amico tesoro web1280
Una scena del film

Chi trova un amico trova un tesoro sembra il titolo giusto per un film (del 1981) con protagonisti Bud Spencer e Terence Hill. Il proverbio sembra infatti addirsi allo stile delle pellicole con protagonisti i due attori, spesso nei panni di fratelli o di amici più o meno volontari. Come nel caso di Alan (Terence Hill) e Charlie (Bud Spencer). Il primo è un incallito scommettitore che, sullo stile di Mandrake e der Pomata, non azzecca mai il cavallo vincente e finisce per dovere 15.000 dollari a Frisco Joe, un delinquente in grado di controllare l’esito delle corse. Suo zio Brady da tempo sta cercando di spingerlo ad andare a recuperare un tesoro nascosto su un’isola che lui stesso ha sorvegliato per tanto tempo. È difficile però credergli, dato che ha il vizio di alzare il gomito. Charlie, invece, è un esperto di imprese in solitaria pronto a salpare e intascare così un nuovo premio. In fuga dagli uomini di Frisco, Alan si intrufola quindi sulla sua barca.

Una volta scoperto, Charlie comincia a sabotare l’impresa di Alan per poter raggiungere l’isola indicata da suo zio Brady e trovare il tesoro che potrebbe finalmente cambiargli la vita. Quando il rude navigatore si accorge anche di questo inganno ne nasce una rissa che fa finire naufraghi entrambi i protagonisti, che così raggiungono a nuoto un’isola, Chaviki, che è proprio quella cercata da Alan. Che così propone a Charlie di cercare insieme il tesoro. Chaviki non è però disabitata: c’è una tribù locale, vittima spesso di assalti di improbabili pirati, oltre che Kamasuka, un soldato giapponese ancora convinto che la guerra con gli americani non sia finita.

Tra scazzottate, equivoci e risate, Alan e Charlie riusciranno a trovare il tesoro dal valore di oltre 300 milioni di dollari, una cifra enorme che rischierà anche di dividerli, ma entrambi si faranno trovare pronti a difendere la tribù di Chaviki quando questa si troverà nei guai proprio a causa di quel tesoro. Il film si chiude proprio con il famoso proverbio del titolo, seguito da una domanda dubitativa. A ciascuno spetta la risposta, a seconda di quello che può considerarsi o meno un tesoro.

Di certo questo film con Bud Spencer e Terence Hill nasconde alcune perle che possiamo considerare un tesoro del cinema italiano. A dirigerlo è infatti Sergio Corbucci, considerato uno dei maestri dello spaghetti western (suo il Django con Franco Nero) e regista anche di diverse commedie, come il fratello Bruno. La sceneggiatura, oltre che da Corbucci, è firmata da Mario Amendola, zio del noto Ferruccio (che è tra i doppiatori della stessa): la sua carriera copre di fatto quasi 50 anni di commedia italiana, da Macario a Lino Banfi. La colonna sonora è invece curata dai fratelli La Bionda: oltre che essere considerati tra i padri della discomusic italiana, dal 1970 collaborano con diversi cantanti italiani (Michelangelo La Bionda ha scritto insieme a Bruno Lauzi “Piccolo uomo” cantata da Mia Martini) e sono attivi anche nel campo pubblicitario (“Sorrisi is magic” è una delle loro creazioni, come “Cuore di panna”).

Qualche curiosità sul film: la bella e sperduta Chaviki è in realtà Key Biscane, isola dell’Atlantico vicinissima a Miami. In Germania, dove Bud Spencer e Terence Hill sono molto amati, qualcuno ha pensato di creare davvero la marmellata Puffin, sponsor dell’impresa di Charlie. E ricordate: “Solo Puffin ti darà forza e grinta a volontà”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA