MAURO CORONA/ AllIsola dei famosi 2011 ci sarà lalpinista scrittore. In onda nella primavera prossima

- La Redazione

Le prime anticipazioni sul reality che vedrà di nuovo alla conduzione Simona Ventura

corona_mauroR375
Mauro Crorona, naufrago all'Isola dei Famosi 2011
Pubblicità

Mauro Corona allIsola del famosi 2011 Lisola dei famosi 2011 ha il suo primo naufrago: è Mauro Corona, lalpinista scrittore e scultore avrebbe deciso di prendere parte al reality show che sarà di nuovo condotto da Simona Ventura e presumibilmente andrà in onda nella primavera del 2011 su Rai Due. Per un personaggio abituato alle asperità delle vette più alte del mondo non saranno certo in problema le condizioni tuttaltro che agevole di naufrago in qualche paradiso tropicale. Non è dato ancora sapere chi potrebbe essere nel cast della prossima isola e soprattutto quale sarà la location.

Già dalla scorsa settimana erano trapelati rumors sulla presenza di Corona al reality, ma nella giornata di ieri leclettico artista alpinista avrebbe detto ai microfoni di Radio Due che si sente attirato dalla situazione che si crea tra i naufraghi del reality, che gli piacerebbe stare almeno una settimana e quindi andrà allIsola.

Mauro corona ha 60 anni, è nato a Piné il 9 agosto 1950 ed è uno scrittore, alpinista e scultore italiano. Dopo i primissimi anni trascorsi in trentino la famiglia decide di riportare lui e il fratello Felice al paese d’origine, Erto, nella Valle del Vajont, in provincia di Pordenone. Per ciò che riguarda la sua passione di arrampicare, in pochi anni scala le montagne del Friuli, volando poi fino in Groenlandia e in California, sulle pareti della Yosemite Valley.

 

Pubblicità

Oggi diverse vie di scalata portano la sua firma. Corona è anche autore di quindici libri, alcuni divenuti famosi bestseller, tra cui Nel legno e nella pietra e Cani, camosci, cuculi (e un corvo). Ha partecipato anche alla realizzazione di alcuni documentari sulla sua vita e ha preso parte al film Vajont – La diga del disonore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori