UN MATRIMONIO/ Anticipazioni terza puntata e riassunto seconda

- La Redazione

Un matrimonio, le anticipazioni della terza puntata della fiction di Rai Uno diretta da Pupi Avati che andrà in onda domenica 5 gennaio 2014. Francesca resta incinta

un-matrimonio-r439
Un matrimonio

Il secondo appuntamento della fiction Un matrimonio di Pupi Avati non è stata avara di sorprese. Durante la prima puntata abbiamo assistito allinizio della storia tra Francesca Osti (Micaela Ramazzotti) e di Carlo Dagnini (Flavio Parenti). Il tenore di vita che il capofamiglia Giuseppe Pippo Dagnini (interpretato magistralmente da Christian De Sica) aveva assicurato alla sua famiglia anche non potendolo fare più a causa dei debiti contratti per giocare ai cavalli, aveva mascherato la vera situazione finanziaria in cui versava la sua famiglia che continuava a vivere senza avere una visione reale dei guai che questo vizio stava causando. Dopo la morte di Giuseppe Dagnini il figlio Carlo, eredita la pesante verità che mette a nudo la condizione economica. Carlo deve assumere il non facile compito di gestire tutto: le richieste dei debitori, il dover mandare avanti la famiglia che vede oltre alla centenaria zia anche le due sorelle e la madre, sempre più legata al ricordo dello scomparso marito e poco incline a vendere il patrimonio di famiglia perché troppo legata ai ricordi che questo rappresenta. Carlo inizia a cercare lavoro in una Bologna che appare improvvisamente una città difficile per lui. Come difficile è il suo rapporto con la fidanzata Valeria Zabban (Chiara Ricci) che, dallalto della sua nobiltà e non avendo problemi economici, non riesce a offrire una reale vicinanza al ragazzo. Ma il rapporto è reso difficile anche perché Carlo non può dimenticare Francesca anche se la loro frequentazione fino a quel momento è stata del tutto casuale.

Mentre Carlo gira Bologna alla ricerca di un lavoro e continua a dibattersi tra solleciti di pagamento dellaffitto della grande casa e il dover rimediare dei soldi per sopravvivere, la madre Medea trova consolazione solo quando si reca, insieme alla figlia, al Cimitero Monumentale per rendere omaggio alle spoglie del marito. durante una di queste visite la sorella di Carlo, Laura (Marta Iagatti) incontra Tini Saccenti (Andrea Santanastaso), un giovane del quale è immediatamente colpita e che incontrerà ogni volta accompagnerà la madre al cimitero. Durante una visita Medea viene colpita da un infarto dal quale non si riprenderà più. A Carlo non resta neppure lappoggio di quellaffetto e ancora più solo, deve affrontare anche questo secondo lutto. Vicino a lui nel giorno delle esequie non ci sarà la sua fidanzata ma Francesca che, casualmente era venuta a conoscenza dellaccaduto. La sua visita sarà breve: il tempo di salutare Carlo del quale è innamorata e per il quale ha lasciato il suo fidanzato Joseph Cialfi ( Maximilian Dirr) studente svizzero che studia al conservatorio, e di sussurrargli allorecchio una breve dichiarazione damore. Carlo si rende conto che ama Francesca e riesce a prendere una posizione nei confronti di Valeria alla quale comunica la fine della relazione, tra laltro rinunciando anche allaiuto del padre di lei che avrebbe significato la fine delle preoccupazioni economiche.

La vita di Carlo prosegue tirando a campare, vendendo quello che può del patrimonio famigliare e trovando dei lavoretti precari. La storia con Francesca prosegue in modo clandestino: la ragazza ha paura che sia suo padre (Andrea Roncato) che il fratello Taddeo (Francesco Brandi) di fede comunista, non accettino di buon grado la storia con il borghese Carlo, rampollo di una famiglia bene di Bologna.Francesca trova un lavoro presso la Timo come centralinista e inizia un nuovo corso della sua vita mentre Carlo, continua a vendere oggetti darte e, dentro a un negozio di un antiquario presso il quale aveva portato un quadro da vendere, conosce Lele (Jacopo Maria Bicocchi) che gli propone di entrare in affari con lui. Lidea è semplice: comprare e rivendere oggetti darte. La nuova situazione di Francesca e Carlo gli fa prendere la decisione di sposarsi. I due comunicano alle famiglie la loro intenzione e il matrimonio si celebra nella chiesa di San Giuseppe a Bologna. Durante il pranzo di nozze, allestito in un garage il cognato Taddeo si ubriaca e insulta e aggredisce Carlo per via delle sue convinzioni politiche. Anche la sorella di Carlo, Laura sembra non essere daccordo con queste nozze per via della differenza di ceto sociale che esiste tra le due famiglie.

Nellinverno del 1956 Bologna si trova bloccata dalla neve e Francesca non ha la vita facile a casa Dagnini, con Laura, sorella di Francesco, che la tratta molto male, pur essendo lei lunica donna di casa a portare a casa uno stipendio importante per tutti. Il marito le dà tutto il suo sostegno. La coppia viene anche allietata dalla notizia dellarrivo di un bambino. E proprio mentre Francesca è incinta e le domande sul futuro economico della famiglia crescono, Carlo riesce a trovare un quadro importante in un magazzino e a concludere con Lele un affare importante che migliora la sua situazione finanziaria. 

Cinquanta anni insieme, cinquantanni di storia italiana e bolognese grazie a un cast sterminato e a tanti personaggi del posto. Un Matrimonio torna questa sera su Rai Uno (più in basso trovate le anticipazioni) con lintento di provocare e rispolverare i vecchi valori che una volta servivano a tenere le famiglie unite nonostante la crisi, i tradimenti e gli alti e bassi. Matrimonio significa famiglia e la famiglia in questione è quella di Pupi Avati che ha voluto regalarci e regalarsi la storia dellamore tra i suoi genitori conosciutisi sul finire degli anni 40 e non lasciatisi più.

I protagonisti della fiction avranno il privilegio di rivivere questi anni nel corso delle sei puntate e da ragazzi ventenni li ritroveremo anziani e tremanti ripercorrere quella navata per festeggiare, insieme ai figli e ai nipoti, i loro 50 anni di matrimonio. Nelle foto tratte dalla fiction possiamo ben notare lottimo lavoro di truccatori e attori nel percorrere questi lunghi 50 anni senza scadere né in materia di effetti che di recitazione e su questo ha lavorato anche tanto Avati che mai ha lasciato da solo il suo cast seguendolo in tutto e per tutto. Clicca qui per vedere le foto

Questa sera, lunedì 30 dicembre, va in onda in prima serata su Rai Uno la seconda puntata di Un matrimonio, la fiction diretta da Pupi Avati con Micaela Ramazzotti e Flavio Parenti. Alla fine del primo episodio Francesca (Micaela Ramazotti) rifiuta di partire con Joseph (Maximilian Dirr) per la Svizzera, per rimanere al fianco di Carlo (Flavio Parenti) alle prese con i debiti lasciati dal padre Pippo (Christian De Sica). Il giovane Dagnini, però, è ancora fidanzato con Valeria (Chiara Ricci) e non sembra aver intenzione di lasciarla. Ma vediamo le anticipazioni di questa sera. Il rapporto tra Francesca e Carlo diventa ancora più stretto quando Medea Dagnini (Mariella Valentini) muore, logorata dalla perdita del marito. All’improvviso Carlo si trova solo con due sorelle e unanziana zia da mantenere. Il ragazzo si rende conto dellimportanza che Francesca ha nella sua vita: lascia Valeria e si fidanza con Francesca, che nonostante le differenze, è davvero innamorata di lui. Dopo poco Carlo le chiede di sposarlo. Francesca è felice, ma la madre (Franca Valeri), il padre (Andrea Roncato), di fede socialista, e il fratello Taddeo (Francesco Brandi), aspirante giornalista e fervente comunista, non accolgono con entusiasmo lidea che la ragazza possa legarsi a un borghese democristiano, rampollo della buona società e pieno di debiti. I due giovani sono così costretti a rinviare il loro sogno.

Francesca inizia a lavorare come centralinista alla Timo, mentre Carlo conosce Lele (Jacopo Maria Bicocchi), commesso in un negozio di antiquario, col quale entra in affari e gira la provincia bolognese in cerca di oggetti darte da comprare e rivendere. Le prime soddisfazioni lavorative, riempiono i giovani di ottimismo: Francesca e Carlo decidono di affrontare nuovamente i genitori della ragazza e questa volta non incontrano ostacoli. Il matrimonio viene celebrato nella chiesa di San Giuseppe a Bologna e il pranzo è allestito in un garage. Durante la festa Taddeo, ubriaco, aggredisce il cognato per le sue posizioni politiche e anche Laura (Marta Iagatti), sorella di Carlo e fidanzata di Tini (Andrea Santonastaso) sembra non approvare pienamente la moglie del fratello.

Questa sera andrà in onda la seconda puntata della fiction di Rai Uno Un matrimonio, diretta da Pupi Avati. Più in basso trovate le prime anticipazioni, cui presto ne aggiorneremo di più dettagliate. Chi si fosse perso la prima puntata di ieri può trovare qui sotto il riassunto dettagliato oppure cliccare qui per avviare il video integrale.

Domenica 29 dicembre 2013 è andata in onda su Rai Uno la prima puntata della fiction Un matrimonio, diretta da Pupi Avati. Rivediamo cosa successo nel primo episodio. A Bologna, ai nostri giorni, Anna Paola Dagnini (Antonella Ferrari) sta guardando al computer le foto dei suoi genitori, Francesca e Carlo, che stanno per festeggiare le nozze d’oro. La donna comincia così a raccontare la storia d’amore dei suoi genitori, partendo dall’inizio. Estate del 1948: Francesca Osti (Michaela Ramazzotti) è a Sasso Marconi per trascorrere le vacanze estive dalla zia (Katia Ricciarelli), proprietaria di un bar. Francesca sta prendendo il sole sulle rive del Reno, in compagnia di due amiche, ed è colpita dalla presenza di un ragazzo, Carlo Dagnini (Flavio Parenti), in compagnia della sua fidanzata, la nobile Valeria Zabban (Chiara Ricci). Nella locanda della zia arriva Joseph (Maximilian Dirr), spasimante della bella Francesca. Joseph è un violinista svizzero e sta per diplomarsi al conservatorio. Francesca si mostra fredda nei suoi confronti, perché profondamente colpita dal ragazzo che ha visto al fiume. Il giorno successivo Francesca si reca nuovamente al fiume e ritrova Carlo, in atteggiamenti amorosi con Valeria. Decisa a farsi notare, Francesca si tuffa da una piccola cascata. Carlo, divertito, cerca di imitarla ma non sa nuotare e Francesca lo salva dall’annegamento. La sera Francesca riceve una lettera di Carlo che la ringrazia per avergli salvato la vita, regalandole un disco, “Sweet Lorraine”. Il giorno successivo arriva la notizia dell’attentato a Togliatti. Francesca, preoccupata da una possibile insurrezione, decide di tornare a casa a Bologna. Prima di partire cerca Carlo alla villa di Valeria, ma sono tutti tornati in città.

Francesca vive a Bologna con il padre operaio (Andrea Roncato), la madre casalinga (Valeria Fabrizi), e il fratello Taddeo (Francesco Brandi), aspirante giornalista a “Il resto del Carlino”. Anche Carlo vive a Bologna, assieme al padre Giuseppe (Christian De Sica), proprietario di una camiceria, alla madre Medea, alle due sorelle e a zia Celeste, novantenne ex dama di compagnia di Elena del Montenegro convinta della presenza della monarchia in Italia. Giuseppe e la sua famiglia vivono apparentemente nello sfarzo, ma sono in realtà in grosse difficoltà economiche, a causa del vizio del padre per l’ippica. A casa di Francesca (che continua a pensare a Carlo) le cose vanno male. Il padre tradisce la moglie con un’operaia (che lavora nella camiceria di Dagnini). Taddeo non riusce a superare l’esame da giornalista, condizionato dalle sue idee politiche fortemente orientate al comunismo, e viene licenziato dal giornale. Nell’attesa che si coroni il suo sogno, quello di lavorare per “L’Unità”, lavora come facchino in un mercato ortofrutticolo. Francesca riesce, grazie al padre, a trovare lavoro come dattilografa ma abbandona l’impiego alcuni mesi dopo a causa delle molestie subite dal datore di lavoro (che è anche il proprietario della fabbrica dove lavora il padre), ma non dirà nulla dell’accaduto ai genitori.

Intanto Giuseppe continua a sperperare grandi somme di denaro nelle corse dei cavalli. Le domestiche hanno abbandonato la casa e l’utenza telefonica è stata staccata. L’uomo è braccato dai creditori e non riesce a pagare i suoi dipendenti. Persino la commessa e la cassiera, stanche dei mancati pagamenti, abbandonano la camiceria. Il padre di Francesca viene a sapere dalla sua amante di questa opportunità lavorativa e propone alla figlia, che sta cercando nuovamente lavoro, di recarsi alla camiceria. La madre di Francesca nel frattempo ha scoperto il tradimento, trovando una foto dell’amante nella giacca del marito e va su tutte le furie. Il giorno successivo Francesca si reca alla bottega di Giuseppe e ottiene, con gran sorpresa, il lavoro con estrema facilità. Giuseppe le propone due settimane di prova. Francesca non risponde più alle lettere di Joseph, che va a trovarla a casa sua portando regali a tutti i familiari, che lo accolgono con entusiasmo. Il giovane musicista chiede a Francesca di seguirlo a Losanna, per conoscere la sua famiglia. Francesca è titubante: il pensiero di Carlo la tormenta, ma il padre cerca in ogni modo di convincerla, perché Joseph è un bravo ragazzo e le offrirebbe una vita molto diversa da quella attuale. Francesca accetta a malincuore.

I quindici giorni di prova sono trascorsi: Giuseppe assume Francesca ma non le paga i giorni di prova, dicendole che avrebbe ricevuto tutto con la mensilità. Un ragazzo entra nel negozio: è Carlo, figlio del proprietario della camiceria. I due ragazzi sono stupiti di rincontrarsi dopo l’episodio del fiume e in particolare Francesca vede in tutte quegli avvenimenti un segno del destino. Giuseppe è al collasso finanziario. Vince una grossa cifra con le corse dei cavalli ma sperpera tutto, offrendo da mangiare e da bere a chiunque incontri per strada. Giuseppe torna a casa stremato e confida alla moglie di aver chiesto alla Madonna di guarirlo dalla sua malattia. Il giorno successivo Carlo chiama in camiceria e comunica a Francesca la morte del padre. La ragazza, dispiaciuta, si reca a casa sua per le condoglianze. Qualche giorno dopo Carlo e Francesca stanno esaminando le carte lasciate da Giuseppe in camiceria. La situazione finanziaria è critica e a causa di debiti nei confronti delle banche tutti i beni potrebbero essere pignorati. Joseph ha acquistato i biglietti per Losanna ma Francesca decide, irrazionalmente, di non seguirlo, sacrificando la certezza economica all’amore per Carlo, nonostante non conosca bene il ragazzo che oltretutto è fidanzato con Valeria.

I dolori per Carlo non sono finiti. Dopo suo padre Pippo muore anche sua madre Medea, che non riesce a superare il dolore della perdita del marito. Questo porta il giovane a prendersi la responsabilità di mantenere le sorelle e la zia e sentire forte il sostegno che Francesca continua a darle. Si rende quindi conto di quanto importante sia per lui la Osti e decide di lasciare Valeria per fidanzarsi con lei.

Il regista Pupi Avati intervistato da Francesca Lisa per RB Casting ha raccontato come è nata la fiction Un Matrimonio, prodotta da Duea Film e Rai Fiction, in onda dal 29 dicembre su Rai Uno. Intorno al mio 40esimo anno di matrimonio ho cominciato a sentirmi legittimato a raccontare un matrimonio. Ho iniziato a capire cosa sia un matrimonio. I matrimoni si disfano dopo pochi anni senza capire cosa sia esattamente, senza aver assaporato la parte più misteriosa di ciò che è il matrimonio. Secondo me raccontarlo oggi era importante. Ho spesso a che fare con ragazzi che sono cresciuti con genitori separati che hanno pagato un prezzo.. Ci ho messo 6 anni per convincere a fare questa fiction in tanti pensavano che sarebbe stato una fiction in costume. La tv parla solo di matrimoni che finiscono. Secondo il regista, era importante raccontare una storia a lieto fine: Raccontare una storia attraverso migliaia di difficoltà anche tradimenti, ma il matrimonio si ricompatta sempre, passando inosservato. Non vale la pena raccontare le cose belle? I protagonisti sono persone che hanno resistito.  Il regista partendo dalla storia raccontata ha voluto richiamare le persone a non lasciarsi contagiare dal pessimismo e di non sopravvalutare i politici, perché lunico modo per uscire dalla crisi è credere in se stessi: Sono io che posso creare il mutamento.

Pupi Avati ha anche molto elogiato Micaela Ramazzotti, lattrice protagonista: Si è presa sulle spalle tutto il film con latteggiamento positivo che aveva mia madre tutte le mattine. Micaela arrivava sul set con una positività e un senso della provvidenza contagiosi. Lei è stata il punto di forza si questa meravigliosa storia che ho raccontato.

Questa sera, domenica 29 dicembre, va in onda su Rai Uno la prima puntata di Un matrimonio, la fiction in sei puntate diretta da Pupi Avati. il racconto di un amore lungo più di 50 anni, dal primo incontro nel 1948 alle nozze doro nel 2005. I protagonisti sono Carlo Dagnini (Flavio Parenti) e Francesca Osti (Micaela Ramazzotti), giovani bolognesi appartenenti a contesti sociali diversi: lui, figlio di un commerciante benestante; lei, figlia di un operaio dellArsenale. Sullo sfondo della loro storia, scorrono alcuni eventi della cronaca dellItalia della seconda metà del Novecento: lavvento della tv, il referendum sul divorzio, il rapimento di Aldo Moro, la strage di Bologna. “Nove anni fa, il 27 giugno del 2004, mia moglie ed io, abbiamo festeggiato quarantanni di matrimonio. Quale misterioso intuito mi aveva guidato nel decidere che lei e nessunaltra delle tante ragazze dei tempi della jazz band dovesse essere la donna della mia vita? a questa domanda che ho cercato di dare una risposta con un film lungo seicento minuti (definirlo fiction mi pare rinunciatario) che narra la storia di un matrimonio, dal primo momento in cui i due protagonisti della vicenda si incontrano per concludersi con la celebrazione delle nozze doro. Cinquantanni di vita di una famiglia Bolognese, dal primo dopoguerra al presente“, ha detto Pupi Avati presentando la serie.

Ma vediamo le anticipazioni della prima puntata in onda questa sera. Anna Paola Dagnini (Antonella Ferrari), quarantenne psichiatra bolognese, ha organizzato la festa per le nozze doro di Carlo e Francesca, i suoi genitori adottivi. Da qui Anna Paola inizia a raccontare la storia del matrimonio di suo padre e sua madre, da quando si conobbero, cinquanta anni prima. Carlo e Francesca sincontrano nell’estate del 1948. Lei, figlia di operai, sinnamora perdutamente del bello e aristocratico Carlo Dagnini. I due però sono già impegnati: Francesca ha una relazione con Joseph (Maximilian Dirr), mentre Carlo è fidanzato con Valeria Zabban (Chiara Ricci) che lo ospita nella sua villa.

Tornati a Bologna i due si perdono di vista, ma il caso vuole che i due si incontrino nuovamente quando Francesca viene assunta come commessa nel negozio di camicie del padre di Carlo, Pippo Dagnini (Christian De Sica). Il rapporto fra loro si stringe quando il padre di Carlo muore lasciando moglie e figli in un mare di debiti. Francesca è la sola a rimanere accanto a Carlo. Joseph arriva a Bologna e invita Francesca a seguirlo a Losanna per farle conoscere sua madre. Inizialmente Francesca accetta, soprattutto per non deludere le speranze dei suoi genitori, ma alla fine decide di restare a Bologna per non perdere Carlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori