VOLARE – LA FICTION/ Anticipazioni seconda e ultima puntata: Modugno sbarca a Sanremo. Riassunto prima

- La Redazione

Ieri, lunedì 18 febbraio 2013, è andata in onda la prima puntata della fiction Volare, la grande storia di Domenico Modugno. Le anticipazioni della seconda parte in onda stasera

modugno-fiorello
Beppe Fiorello nei panni di Modugno

Ieri, lunedì 18 febbraio 2013, è andata in onda la prima puntata della fiction Volare, la grande storia di Domenico Modugno. Prima di scoprire le anticipazioni della seconda e ultima puntata, in onda stasera sempre sulla prima rete, ecco il riassunto di quanto successo ieri. Domenico Modugno (Beppe Fiorello) comincia a raccontare la sua storia durante un concerto dedicato a tutte le persone che hanno fatto parte della sua vita. Parte dallinizio, da quando ancora bambino viveva in un paesino della Puglia e sognava il cinema immaginando di diventare un grande attore. Finché un giorno arriva a casa sua la lettera di risposta a una domanda di ammissione per il Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma. Il padre è contrario, non vuole che il figlio parta per andare a fare il provino. Non ha soldi da dargli e non potrebbe mai mantenerlo a Roma, ma Domenico è caparbio e chiede aiuto a suo cugino Sergio dal quale riesce a ottenere sessantamila lire con la promessa di da restituirgliele entro un anno.

Quando Mimmo va dal parroco per chiedere informazioni sulle partenze per Roma questo lo coinvolge in unemergenza alla cava. Il ponteggio ha ceduto è un uomo è morto. Mimì entra nella cava per portare fuori il cavallo Peppino e lo conduce a malincuore al macello insieme al suo amico o Frasuriello. Un volta arrivato a Roma trova alloggia in un convento. Il giorno dellesame di ammissione alla scuola di cinematografia conosce subito Riccardo Pazzaglia (Antonio DAusilio), un giovane aspirante regista napoletano che gli regala una poesia di Salvatore di Giacomo da portare al provino, dato che Mimì non ha preparato nulla. Mentre cerca di imparare la poesia, in giardino incontra Giulia Lazzarini (Federica De Cola), anche lei agitata per il provino.

Dopo aver fatto il provino Domenico si adopera subito per cercare di guadagnare qualcosa facendo la comparsa a Cinecittà insieme a Riccardo. I due conoscono Franco Migliacci (Alessandro Tiberi) e tutti e tre vengono presi per alcune comparsate. Mentre Mimmo suona nel cortile del convento per caso si trova ad ascoltarlo la principessa Olga Villi. La donna, profondamente colpita da quello che ha ascoltato, lascia un indirizzo a Frate Merlo. La principessa gli dà la possibilità di esibirsi durante una serata e di conoscere suo marito il principe Raimondo Lanza di Trabia (Cesare Bocci).

Finalmente arrivano i risultati del provino e Modugno è stato ammesso. Inizia per lui una vita di stenti, ma anche di tante gioie e soddisfazioni. Racconta che fu uno dei periodi più belli della sua vita, sempre alla ricerca di un lavoro, sempre di corsa e perennemente in ritardo. Ma lanno più importante della sua vita fu il secondo quando conobbe Franca (Kasia Smutniak). Allora era una giovane ragazza, figlia di buona famiglia che voleva fare lattrice. Per il suo provino a fargli da spalla chiamano Mimmo e insieme recitano una scena dello spettacolo Un tram chiamato desiderio. Rapito dai suoi occhi e dalla bellezza del momento Mimmo finisce per baciarla trasgredendo ciò che era previsto nel copione.

Durante una comparsa in un film di guerra Mimmo, appartatosi con una ragazza, vede De Sica (Michele Placido) guardare il suo nuovo film proiettato sullo schermo. Entusiasta Mimmo lo aspetta fuori, ma non riesce a fermarlo. Riesce però a ottenere il suo indirizzo di casa. Gli chiede una particina in un suo film, ma De Sica non avendo nulla in programma gli dice di presentarsi da De Robertis, che sta preparando un film sulla campagna in Russia, a nome suo e gli regala anche delle banconote. Mentre aspetta per incontrare De Robertis, Mimmo si fa prestare una chitarra e comincia a suonare e cantare una ninna nanna. De Robertis in persona lo ascolta e gli dice di presentarsi il giorno dopo con quella stessa canzone. Arriva per Mimì la sua prima parte importante in un film dove, vestito da militare, suonare la sua ninna nanna per addormentare una bambina.

Nel cortile della scuola Franca si scusa con Mimì per essersela presa dopo il provino. Anche lei è riuscita a superare l’esame e a entrare a far parte della scuola. Domenico intanto continua a cercare lavoretti per potersi affermare non come cantante, ma come attore. Partecipa a una trasmissione radiofonica dove gli consigliano di scrivere i suoi testi in italiano. Demoralizzato Domenica va via, ma Franca lo raggiunge per dirgli che la sua canzone l’ha molto commossa. Domenico allora le chiede di vedersi da soli, ma lei rifiuta non volendo fare le cose in segreto per via di Giulia.

Il biennio volge al termine e per festeggiare i ragazzi organizzano una cena. Fu in quella cena ci, racconta un Modugno più maturo, che lui e Giulia si dissero addio e lei partì per Milano per diventare una grande attrice. Mimmo, con l’aiuto di Franco e Riccardo, trasloca in una nuova casa e viene a sapere per bocca di Franco che Franca sarà la sera stessa ospite durante una serata organizzata dal principe Trabia. Mimmo fa di tutto per farsi invitare e lì la rincontra. Franca gli racconta di essere molto felice e di essere stata presa per una piccola parte in un film di Fellini. L’accompagnatore di Franca, indispettito dalla presenza di Mimmo, lo offende e lui reagisce scatenando una lite. Franca va su tutte le furie.

Intanto Il dottor Palmieri (Pierluigi Misasi), dirigente Rai, lo ingaggia per cantare alla radio per Frank Sinatra a cui la sua canzone piace a tal punto da volerne il testo per tradurla in inglese. Purtroppo però Mimmo arriverà tardi all’aeroporto per consegnargli il suo spartito e il progetto andrà in fumo. Dopo quello che è successo a casa del principe, Palmieri vuole affidargli un programma radiofonico sull’amore, ma per condurlo c’è bisogno anche di Franca. Mimmo va a casa della ragazza dato che quest’ultima non gli risponde più al telefono. Franca accetta e insieme vivono questa meravigliosa esperienza in cui finiscono per innamorarsi. Franca è impegnata in un musical con D’Apporto mentre Mimmo fa ascoltare la canzone “Io mammata e tu” di Riccardo a un discografico che però ha bisogno di altre canzoni per poter stipulare un contratto.

Il principe gli procura intanto una parte per un musical con un regista un po’ eccentrico ma con un’ottima pausa. Durante una pausa dalla sua tournée, Franca decide di fare una sorpresa a Mimmo, ma mentre sta per entrare nel suo camerino lo vede intrattenersi con un’attrice. Decide allora di rifugiarsi a Messina a casa della nonna dove gli scrive una lettera. Mimmo le confessa di amarla e la invita a venire a cantare con lui in un paese della sua terra. Franca accetta. Il concerto è un successo e Mimmo porta Franca a vedere il suo paese. In riva al mare le racconta di suo padre, di come ha imparato a suonare la chitarra, del suo amore per il mare e per il cinema. Mimmo non ha voglia però di passare a salutare i genitori e va dall’unica persona che vorrebbe vedere veramente o’ fasuriello.

Mimmo partirà poi alla volta di Parigi dove non tutte le sue aspettative verranno deluse e poi per il Canada. Qui è stato chiamato per una tournée per emigranti italiani. Le telefonate a Franca sono continue. In quel Paese straniero Mimmo mette in discussione tutta la sua vita. Non ha parole per spiegare a Franca quante le manca e che cosa rappresenta per lui. Le troverà solo dopo scrivendo per lei “Tu si na cosa grande”.

 

Trama ultima puntata 19 febbraio 2013 Mimmo decide di intraprendere la carriera di cantautore e di sposare Franca. Riesce a ottenere un contratto discografico, ma le vendite dei suoi 45 giri non vengono giudicate sufficienti e dopo due anni Modugno si ritrova senza più nulla. Ma non demorde e riesce a trovare un’altra casa discografica pronta a puntare su di lui e sul suo progetto di cominciare a cantare in italiano. E decide di sfidare il “tempio” della musica italiana: il Festival di Sanremo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori