LA PARTITA DELLAMORE/ Il film sullamore a tutte le età. La trama

- La Redazione

Questa sera, sabato 18 maggio 2013, su Rai Uno va in onda in prima tv il film La partita dellamore (2009). Si tratta di una commedia del 2009 diretta da Marc Flienberg

Partita_amoreR439
Una scena del film
Pubblicità

Questa sera, sabato 18 maggio 2013, su Rai Uno va in onda in prima tv il film La partita dellamore (2009). Si tratta di una commedia della durata di circa 90 minuti per la regia di Marc Flienberg e nel cast figurano Paul Campbell, Andy Griffith e Doris Roberts. Per ottenere il maggior riscontro tra il pubblico televisivo dovrà battere unagguerrita concorrenza. Infatti, su Rai Due va in onda la finale dellEurovision Song Contest dove è in gara Marco Mengoni, mentre su Rai Tre è in programmazione una nuova puntata della trasmissione Ulisse – Il piacere della scoperta. Su Rete 4 va in onda il film azione Rambo III, mentre su Canale 5 viene trasmessa la settima puntata serale del talent Amici di Maria De Filippi. Infine, su Italia 1 va in onda il film commedia La casa dei fantasmi, mentre La7 offre il talk In onda con Luca Telese e Nicola Porro.

Pubblicità

Vediamo ora la trama de La partita dellamore. David (Paul Campbell) è un ragazzo molto brillante e di talento dotato di una straordinaria voglia di vivere e particolarmente avvezzo alla conquista di belle ragazze. Suo padre è un uomo tutto di un pezzo che cerca di metterlo su quella che secondo lui è la buona strada e per questo lo vuole responsabilizzare quanto più possibile inserendolo nella piccola azienda di famiglia. Il padre ha infatti un punto vendita di auto sia nuove che usate e David, nonostante la cosa non gli aggradi più di tanto, è costretto a passare intere giornate nel tentativo di vendere ai clienti quante più auto possibili. Nel tempo libero, David da sfogo a tutta la sua vitalità trascorrendo intere serate e nottate insieme agli amici e soprattutto alla ricerca e alla conquista della donna giusta.

Un brutto giorno, nella sua attuale famiglia avviene un tragico evento. Sua nonna muore lasciando così solo il nonno Joe (Andy Griffith). Per lanziano uomo è un durissimo colpo anche perché lui era straordinariamente innamorato della sua compagna e per questo entra in una fase molto difficile, di grande depressione. Joe va a vivere in un triste pensionato dove per lappunto sono presenti tantissime persone della sua stessa età e nella sua stessa situazione. Il contatto con altre persone non sembra cambiare per nulla il suo umore e Joe è ormai convinto che per lui la vita voglia dire soltanto attendere il giorno nel quale passerà allaltro mondo ricongiungendosi con la propria amata.

Pubblicità

David, che da sempre è molto attaccato al nonno, decide di spendere buona parte del suo tempo libero standogli vicino e vuole convincere Joe a ricostruirsi una propria vita con unaltra donna. David, con grande piacere, si reca quotidianamente a trovare il proprio nonno anche per insegnargli quelle che definisce le sue infallibili tecniche di conquista delle donne. Joe è praticamente travolto dallaffetto del nipote e un giorno con animo molto cambiato vede allinterno della struttura una donna che gli fa tornare a battere forte il cuore.

Si tratta di una vedova come lui che ha dei modi raffinati, molti eleganti, e con un sorriso tale per cui Joe nonostante la sua età è praticamente “vittima” del classico colpo di fulmine. Joe riesce ad avere un primo contatto con lei e mano mano a trovarsi sempre più a suo agio fino a che sembra proprio che i due formino una coppia perfetta. A questo punto il compito di David pare essere stato centrato se non fosse per il fatto che l’anziana donna ha una incantevole nipote che colpisce al cuore lo stesso David. A questo punto la frequentazione di David nella struttura incomincia ad aumentare in maniera cospicua anche se nonostante le sue infallibili tecniche non riesce a ottenere nessun risultato. Allora ecco che i ruoli si capovolgono: tocca a Joe dare dei consigli su come conquistare il cuore della bellissima ragazza..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori