Amore criminale, puntata 20 ottobre 2014: la storia di Lisa Pozzuoli

- La Redazione

Amore Criminale, anticipazioni prima puntata 20 ottobre 2014: riparte la 15 stagione del programma condotto da Barbara De Rossi, ospite fissa sarà Veronica De Laurentiis

amore_criminale_de_rossi_439
Amore Criminale, diretto da Barbara De Rossi
Pubblicità

Barbara De Rossi introduce il caso di cui si parlerà nella prima puntata di “Amore criminale”, di lunedì 20 ottobre, quello relativo alla morte di Lisa Puzzoli, uccisa dal suo ex compagno Vincenzo Manduca. Prima della ricostruzione, l’attore Blas Roca Rey legge una pagina degli atti giudiziari. Nel servizio la mamma di Lisa, Mariella Zainer, parla di un delitto annunciato ed evidenzia che le loro denunce sono rimaste inascoltate. Lisa, 18enne di Villaorba di Basiliano (provincia di Udine), e Vincenzo, 27enne di Forlì, si conoscono in chat nel 2008 grazie ad alcune passioni comuni, come quella per l’Inter. Vincenzo lavorava in un macello, mentre Lisa era ancora una studentessa. La madre di Lisa era inizialmente diffidente, preferisce la comunicazione diretta a quella virtuale, ma si lascia convincere dalle parole di Lisa, che definisce Vincenzo un ragazzo dolcissimo. Chi sono Lisa Puzzoli e Vincenzo Manduca? Lisa è nata nel 1990 a San Vito al Tagliamento da una famiglia operaia, suo padre, Maurizio, è un autotrasportatore, sua madre, Mariella lavora in una conceria. Lisa ha un fratello, Luca, di due anni più piccolo, a cui è molto legata e, secondo sua madre, è una ragazza molto matura. Lisa è una ragazza schietta e determinata, appassionata di motori e con la passione per i viaggi. Finita la scuola alberghiera avrebbe voluto lavorare come barman su una nave da crociera. Vincenzo è un gran lavoratore, una persona incapace di attirare simpatie all’esterno della sua famiglia a causa della mancanza di elasticità mentale. Giulia Guerra, amica di Lisa, rivela di non aver mai gradito troppo Vincenzo, una persona troppo seria e sempre arrabbiata. I due ragazzi decidono di incontrarsi e Vincenzo stupisce tutti con la sua galanteria, si presenta con un mazzo di fiori e un peluche enorme, ben impressionando la famiglia di Lisa, nonostante il padre non apprezzi più di tanto le loro effusioni a tavola. Ogni settimana Vincenzo percorre in auto 400 chilometri per trascorrere il weekend con Lisa, e la famiglia della ragazza lo accoglie come un figlio. Dopo alcuni mesi arrivano i primi segnali negativi, la mamma di Lisa assiste a una lite a causa di un sms ricevuto da sua figlia, che scatena la gelosia di Vincenzo. Lisa ritiene che la gelosia di Vincenzo sia causata dalla lontananza e terminata la scuola accetta la proposta di trasferirsi a Forlì e di fugare tutti i dubbi dell’uomo, nonostante il parere fortemente contrario di sua madre. Nonostante la convivenza Vincenzo continua a essere molto geloso e sequestra la sim di Lisa, proibendole di uscire da sola e di usare i social network. Dopo alcuni mesi Lisa torna a casa sua e comincia a ricevere ingiurie e insulti anonimi al telefono (gli inquirenti scopriranno che provenivano dal cellulare della sorella di Vincenzo). Lisa ha ormai deciso di troncare per sempre la relazione ma scopre di essere incinta al sesto mese e lo comunica a Vincenzo, che le risponde tentando una pacificazione e allo stesso tempo continuando con gli insulti. Dopo alcuni giorni i messaggi diventano più numerosi e intimidatori e Lisa prenuncia un esposto per stalking, che viene rigettato a causa della mancanza dell’intensità e della reiterazione sufficiente per essere considerata persecutoria. Vincenzo riesce a ottenere il riconoscimento della figlia, impegnandosi a versare 300 euro al mese come mantenimento, mentre Lisa viene condannata al pagamento delle spese processuali, per essersi opposta al riconoscimento. Dopo le prime visite, Vincenzo comincia a chiedere di restare da solo con sua figlia ma Lisa si oppone e più volte è stato necessario l’intervento dei carabinieri, che chiedono un’ordinanza restrittiva nei confronti dell’uomo, mai ottenuta. Il giudice conferma l’affidamento congiunto della bambina e subordina le visite del padre a un percorso di avvicinamento graduale. Vincenzo non si rassegna e continua a minacciare Lisa telefonicamente. Il 7 dicembre del 2012 Vincenzo si presenta a casa di Lisa, la fa uscire con una scusa e la colpisce nove volte con un coltello (tenuto nascosto sotto una cartellina): al torace, all’addome e al dorso, uccidendola sull’uscio. Dopo l’omicidio Vincenzo fugge e chiama le forze dell’ordine per costituirsi, pronunciando le parole “Ho ucciso quella grande tro** della mia ex ragazza”, e non mostrando alcun segno di pentimento. Vincenzo è stato condannato in primo grado all’ergastolo e all’interdizione perpetua, in quanto i magistrati lo hanno giudicato capace di intendere e di volere, riconoscendo la predeterminazione, senza alcuna attenuante. In studio la mamma di Lisa legge un biglietto scritto da sua figlia alcuni giorni prima di morire e parla di sua nipote, cresciuta con l’amore suo, di suo marito e di suo figlio. La piccola sa che sua madre è diventata un angelo che la protegge dal cielo. 

Pubblicità

In studio Veronica de Laurentiis, figlia del produttore cinematografico Dino De Laurentiis e dell’attrice Silvana Mangano, una donna che ha avuto il coraggio di denunciare il marito mostro. Veronica si è sposata poco più che 20enne e sin dai primi mesi del matrimonio ha subito costanti violenze, fisiche e psicologiche da suo marito, senza parlarne con nessuno. Dopo 15 anni di inferno Veronica ha avuto il coraggio di denunciare il suo aguzzino, che l’ha minacciata di morte più volte con una pistola, pedinandola e controllandola. Dopo un anno dalla separazione la figlia le ha rivelato di aver subito violenze sessuali dal padre e l’uomo è stato condannato a 14 anni di carcere per pedofilia. Dalla prossima puntata Veronica intervisterà donne che hanno subito esperienze simili alla sua, nella speranza che ciò possa dare coraggio alle tante donne che continuano a subire in silenzio e non hanno il coraggio di denunciare.

Pubblicità

Riparte questa sera, su Rai 3, lappuntamento con Amore Criminale, il programma condotto da Barbara De Rossi che ha lo scopo di raccontare casi di omicidio e brutali violenze che vedono vittime le donne. In prima serata, oggi lunedì 20 ottobre 2014, sarà presentato il caso del brutale omicidio di Liza Puzzoli, avvenuto il 7 dicembre 2012 ad opera dellex compagno della giovane donne, Vincenzo Manduca. Lisa era una ragazza di 22 anni, residente in provincia di Udine, che insieme a Vincenzo aveva avuto una bambina. La giovane aveva già denunciato varie volte Manduca per stalking e quella sera il 27enne aveva raggiunto la sua abitazione con lo scopo di trovare un accordo sulla custodia della bambina, interamente affidata alla madre, tranne che nella giornata di giovedì: proprio dopo la discussione, lomicida ha colpita Lisa Puzzoli con 9 coltellate, uccidendola. Questa sera, ad Amore Criminale, verrà ripercorsa tutta la sua storia, fino al processo e alla condanna di Manduca. Clicca qui per seguire la diretta streaming di Amore criminale su Rai tv.

Stasera Rai Tre tra manda in onda Amore criminale, visibile anche in diretta streaming. Torna lappuntamento con lattualità in 8 puntate condotte da Barbara De Rossi. La trasmissione è giunta alla sua quindicesima edizione, con oltre 200 storie raccontate. Stasera sarà raccontata la storia di Lisa Puzzoli. Clicca qui per seguire la diretta streaming di Amore criminale su Rai tv.

In occasione della premiere della quindicesima edizione di Amore criminale su Rai 3 alle 21.10 con la conduzione di Barbara De Rossi, il programma tratterà la storia di Lisa Puzzoli, una ragazza che viveva a Villaorba di Basiliano in provincia di Udine, che conosce Vincenzo Manduca attraverso una chat nel 2008. Lei è ancora una liceale all’ultimo anno, una studentessa chiusa che grazie a questo ragazzo trova spensieratezza. Lui è di Forlì ed è disposto ad attraversare più di 100 chilometri pur di frequentarla. I due si innamorano e sembrano felici, ma Vincenzo nasconde un lato oscuro: inizia a pedinare la ragazza quando va a scuola, segue i suoi spostamenti di nascosto, insomma pare non lasciarla mai libera. La loro relazione finisce dopo qualche anno, ma la sua ombra è destinata a rimanere: Lisa scopre di essere incinta e inizia una lotta in quanto lui vuole strapparle il bambino. Ma questo conflitto insanabile finisce il 7 dicembre 2012 quando lui si presenta sotto casa e la accoltella per ben nove volte.

Questa sera su Rai 3 va in onda la prima puntata della nuova stagione di Amore Criminale, il programma condotto da Barbara De Rossi e che si occupa di riportare in televisione tutte le orribili vicende che vedono una relazione trasformarsi in delitto, di cui le donne rimangono vittime. In questa nuova edizione – la quindicesima – che ripartirà questa sera ci sarà una novità, ovvero la presenza fissa in studio di Veronica De Laurentiis, attrice e scrittrice italiana che ha raccontato la sua storia e quella della sua famiglia nel libro Rivoglio la mia vita. Veronica, infatti, ha dovuto affrontare le violenze e gli abusi di suo marito nei confronti di una delle loro figlie, e ne è rimasta vittima lei stessa. Nello studio di Barbara De Rossi avrà loccasione di incontrare donne che hanno dovuto subire maltrattamenti e soprusi dai mariti e dai compagni, che dunque hanno condiviso una storia simile alla sua: sarà però in grado di trasmettere la stessa forza e lo stesso coraggio che ha usato per affrontare la sua particolare vicenda personale. Nel resto della puntata, verrà presentato un caso di una donna uccisa dalle violenze e di unaltra che invece è sopravvissuta. Non mancherà neanche Geraldine Pagano, lavvocato che insieme a tutti gli ospiti si occupa di affrontare la conseguenza più delicata dopo lomicidio di un genitore, ovvero lavvenire dei figli della coppia. Insieme a lui ci sarà anche la criminologa e psicologa Anna Costanza Baldry. Appuntamento su Rai 3 alle 21.05.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori