Reailty, stasera su Rai 3 il film di Matteo Garrone. Video trailer

- La Redazione

Rai 3 stasera propone il film Reality. Vediamo la trama di questa pellicola diretta da Matteo Garrone, in cui si parla di un aspirante concorrente del Grande Fratello

reality-locandina
Reality, la locandina

Stasera Rai Tre propone in prima tv il film Reality di Matteo Garrone, regista di Gomorra. Il film ha vinto il “Gran Prix” al Festival di Cannes 2012. la storia di Luciano, un pescivendolo napoletano, che aiutato dalla moglie, per arrotondare i suoi ricavi, tesse piccole truffe. Il pescivendolo un giorno decide di fare i provini per entrare a far parte del Reality Grande Fratello. Inizia per lui un nuovo percorso, tra prove e attese. Entrare a far parte della casa diventa così il suo unico scopo: il sogno della sua vita 

Stasera Rai 3 manda in onda il film Reality. La pellicola è del 2012 ed è stata girata Napoli per una collaborazione Italia-Francia, che ha visto alla regia Matteo Garrone, che ne ha curato anche il soggetto insieme a Massimo Gaudioso; ma per la sceneggiatura ci sono le firme anche di Ugo Chiti, Luciano Roviello e Maurizio Braucci. Nel cast figurano Nando Paone, Graziella Marina, Aniello Arena, Nunzia Schiano e Claudia Gerini. Il film ha ottenuto diversi riconoscimenti tra cui la nomination per la regia al Festival di Cannes dove è arrivato il premio speciale della giuria e ben otto nomination ai David di Donatello con la vittoria di tre David per il miglior regista, attore protagonista e sceneggiatura. Ecco, dunque, la trama. Siamo nel centro della città di Napoli con tutte le sue incongruenze, bellezze e storie di vita quotidiana. Luciano Ciotola (Aniello Arena) è un uomo di mezza età che abita insieme alla propria famiglia composta dalla moglie Maria (Loredana Simioli) e due figli, in un vecchio palazzo stipato allinverosimile. Nel palazzo le cui condizioni non sono sicuramente quelle ottimali per garantire un certo tenore di vita, la famiglia di Luciano è costretta a condividere alcuni servizi con tantissimi coinquilini che per la maggior parte sono tutti parenti. Luciano insomma non naviga nelloro, ma comunque riesce a provvedere con tantissimi sacrifici a quelle che sono le necessità che una famiglia deve vedersi soddisfatte.

Nello specifico Luciano si alza ogni mattina praticamente allalba per rifornire il proprio banco di pesce che ha al mercato, al fine di rendere la giornata la più remunerativa possibile. Tuttavia non sempre il banco di pesce gli consente di guadagnare i soldi necessari per il benessere familiare anche per via del fatto che i proventi ricavati devono essere divisi con il proprio socio daffari. In ragione di ciò è costretto a fare affidamento sulla classica creatività tipica del popolo napoletano per inventarsi letteralmente una nuova forma di sostentamento che nello specifico tira in ballo anche la moglie e che in pratica è basata su un traffico illegale di prodotti casalinghi completamenti automatizzati che lui cerca di vendere facendo leva su mille espedienti al fine di evitare di essere sorpreso dalla Guardia di finanza. Luciano prima che venisse sommerso da tutte queste responsabilità, cullava sin da giovanissimo il sogno di poter riuscire a entrare nel mondo dello spettacolo, anche perché con la sua simpatia e con il suo senso dellumorismo spesso si dimostrava in grado di intrattenere e divertire amici e parenti. Un giorno uno dei propri parenti rimanendo per lennesima volta estasiato dal talento comico di Luciano, gli fa presente come avrebbe tutte le carte in regole per poter sperare di entrare nella casa più famosa e spietata dItalia: quella del Grande Fratello.

Luciano valutando come in effetti la partecipazione al reality gli possa consentire di ottenere un certo ritorno d’immagine e quindi gli possa dare la possibilità di guadagnare molto più soldi rispetto a quanti potrebbe mai percepire rimanendo con il proprio banco di pesce, si lascia convincere dalla cosa e quindi decide di iscriversi al casting per entrare a far parte del piccolissimo numero di partecipanti soprattutto se confrontato all’enorme numero di aspiranti concorrenti. Nonostante questa considerazione di natura probabilistica, Luciano si lascia prendere dall’entusiasmo e per il solo fatto di partecipare a un casting incomincia a fare dei voli pindarici con l’immaginazione, pensando al cambiamento netto della propria vita, passando da uno status di precario a quello di vip. Luciano nell’attesa di partecipare al casting, anche perché logorato dalle aspettative e dalla tensione, perde completamente il contatto con la realtà e si ritrova suo malgrado in situazioni assurde e grottesche.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori