Max Payne, stasera in tv su Cielo il film con Mark Wahlberg e Olga Kurylenko. Video trailer

- La Redazione

Cielo stasera propone il film “Max Payne”. Vediamo la trama di questa pellicola diretta da John Moore ispirata a un videogame, che vede protagonisti Mark Wahlberg e Olga Kurylenko

logo-cielo
Il film in onda su Cielo

Cielo manda in onda questa sera il film Max Payne. Il protagonista è un poliziotto newyorkese, al quale hanno ucciso la famiglia, e luomo ha sete di vendetta. Per questo si metterà sulle tracce dei killer dei propri cari. Si troverà ad avere a che fare con la mafia e con il narcotraffico. Rimarrà vittima di inganni e tradimenti 

Cielo propone stasera il film “Max Payne”: è una pellicola girata nel 2008 da John Moore. Il film è ispirato ad un famoso videogioco pubblicato sia per pc che per console. Da segnalare come la versione uscita successivamente su Blu-ray e Dvd contenga il film in una versione estesa, mai apparsa all’interno delle sale cinematografiche. L’inizio del film fa rivivere allo spettatore i ricordi di Max Payne (Mark Wahlberg), un detective di New York che, rientrato da una normale giornata di lavoro, trova sia la moglie che la figlia brutalmente assassinate. Dopo l’avvenuta tragedia Payne viene assegnato all’ufficio casi irrisolti, operando da semplice impiegato confinato ad archiviare la documentazione. Lacerato dal dolore per la scomparsa dei suoi cari non si rassegna all’idea che gli assassini possano vivere tranquillamente la loro vita e decide di iniziare delle indagini private. Successivamente Payne viene mostrato mentre, seguendo una delle innumerevoli piste che potrebbero condurlo agli assassini incontra una ragazza molto affascinante, che porta il nome di Natasha Sax (Olga Kurylenko); quest’ultima viene trovata morta il giorno dopo, proprio vicino all’abitazione di Max. Ad occuparsi del caso è Alex Balder (Donal Logue), che lavorava insieme a Payne all’interno della sezione omicidi. Purtroppo per Payne i sospetti per la morte della ragazza ricadono su di lui, in quanto tra i vestiti di Natasha viene ritrovato il distintivo di Payne, rubato senza che il detective si accorgesse di niente. Accusato dallo stesso Payne di non fare abbastanza per aiutarlo a ritrovare gli assassini della sua famiglia Balder decide di riaprire quel vecchio caso; dopo qualche indagine scopre che i due casi rischiano di essere collegati. Payne e Balder decidono di incontrarsi nell’abitazione del primo, ma Payne trova Balder morto e viene a sua volta colpito violentemente più volte, fino a perdere i sensi. Il fatto di essere stato ritrovato proprio al fianco dell’ex collega morto non gioca a suo favore e, infatti, Payne viene sospettato anche di questo omicidio.

A questo punto decide di non coinvolgere più nessuno nelle sue indagini e di proseguirle personalmente, facendosi aiutare solamente da Mona Sax, la sorella di Natasha, alla ricerca della verità sulla morte di quest’ultima. Collaborando assieme riescono a trovare diversi indizi che confermano il collegamento tra i vari omicidi e, soprattutto, questi ultimi vengono ricollegati ad una droga sintetica che presenta il nome di Valchiria. Tale droga ha scopi militari e viene prodotta dalla società Aesir Corporation, un’industria farmaceutica nella quale lavorava la moglie dello stesso Payne. Colpito da tale scoperta il detective decide di affrontare di petto Jack Lupino (Amaury Nolasco), che da ex militare è passato ad essere reclutato come uno dei più noti spacciatori di Valchiria, oltre ad essere una delle poche persone a non essere morta a causa proprio dell’assunzione della sostanza. I due iniziano un corpo a corpo, nel quale Payne sembra avere la peggio, venendo salvato solamente dall’intervento provvidenziale di un altro suo ex collega, BB Hensley (Beau Bridges), che svolge il lavoro di capo della sicurezza per la Aesir Corporation. Nonostante l’intervento in extremis Payne viene stordito e ammanettato, trovandosi davanti lo stesso BB Hensley che gli confessa di essere l’assassino che ha ucciso la moglie e la figlia, dichiarandosi anche pronto a causare altre vittime per non dover rinunciare ai suoi traffici illeciti. Miracolosamente Payne riesce a liberarsi e a scappare, gettandosi in un fiume, nonostante l’acqua gelata. costretto a riemergere quasi subito per non cadere vittima dell’ipotermia ma, per sopravvivere, deve fare ricorso a 2 dosi di Valchiria. 

La sua sete di vendetta unita alla droga assunta lo portano a raggiungere velocemente la sede della società farmaceutica Aesir Corporation; aiutato dalla Sax riesce a penetrarvi e a raggiungere il tetto. Proprio raggiungendo la piattaforma dalla quale si sollevano gli elicotteri ritrova BB e lo uccide sparandogli al cuore, venendo ferito a sua volta ma sopravvivendo. L’ultima scena, trasmessa dopo i titoli di coda, mostra Payne mentre entra in un bar e, una volta ordinato da bere, trova seduta ad un tavolo la Sax, che gli mostra un giornale, all’interno del quale si trova una foto di Nicole Horne, associata alla Aesir Corporation.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori