BRACCIALETTI ROSSI / Prima serie: analisi e commenti. In vetta alle Trend Topic di Twitter (28 dicembre 2014)

- La Redazione

Braccialetti rossi, replica prima stagione: emoziona ancora la serie Tv che ha conquistato proprio tutti. La Rai ha deciso di riproporre le vecchie puntate prima della seconda stagione.

braccialetti-rossi-r439
Braccialetti rossi

Ieri, domenica 28 dicembre 2014, è andato in onda il primo episodio della prima stagione di Braccialetti Rossi, una replica proposta da Rai 1 in attesa della tanto desiderata seconda stagione, che aprirà i battenti sul piccolo schermo a febbraio del 2015. Nonostante fosse una replica e in molti si fossero già gustati le prime avventure degli irresistibili piccoli pazienti, lattenzione del pubblico non è scemata, anzi: sui social network, in particolare su Twitter, è salito presto in vetta alle Trend Topic con lhashtag #DavideBraccialetti, ancora prima dei One Direction e dellincendio che si è scatenato nella giornata di ieri sulla Norman Atlantic, una nave traghetto che viaggiava dalla Grecia verso il porto di Ancona. Sembra dunque che questa proposta Rai sia stata davvero molto gradita per alleggerire lattesa: appuntamento quindi alla prossima domenica, qualcun altro si occuperà della chat in tempo reale durante la puntata? Incrociamo le dita!

Ieri sera, domenica 28 dicembre, su Rai Uno è andata in onda la prima puntata di “Braccialetti rossi”. La puntata è stata commentata in live tweeting da Mirko Trovato, l’attore che interpreta Davide il bello. Alla fine della serata Mirko ha rilasciato un breve video su Facebook in cui ringrazia tutti i fan che hanno seguito con lui la prima puntata: “Ciao a tutti! Grazie di essere stati qui con me questa serami dispiace se non sono riuscito a rispondere a tutti ma ci sarà un’altra occasione sicuramente! Io personalmente vi auguro un buon 2015… e mi raccomando non smettete di seguire i Braccialetti rossi”. Chi sarà l’attore che settimana prossima commentare la seconda puntata? Clicca qui per vedere il video di Mirko

E’ andata in onda stasera la replica della prima puntata della prima serie di Braccialetti Rossi in attesa che a gennaio siano proiettate in prima tv quelle della seconda. Ci si emoziona con Leo, Vale, Cris, Davide, Toni e Rocco e sicuramente ci si immedesima in questi ragazzi tanto sfortunati, ma con coraggio da vendere. La regia è curata da Giacomo Campiotti, che dimostra tutta la sua bravura che contraddistingue una carriera segnata dal capolavoro del 1994 ”Come due Coccodrilli”. Lo stile è quello classico della Serie Tv italiana fluido e senza troppi virtuosismi, ma di certo le scelte di sceneggiatura non cadono mai nel banale e riescono a portare un bel messaggio. Il male si può vincere, l’amicizia è più forte di tutto e che spesso i bambini hanno qualcosa in più dei grandi. Qualcosa in più ce l’ha di certo Rocco, bimbo di 11 anni finito in coma dopo un disgraziato incidente in piscina. Il ragazzo è la voce narrante di Braccialetti Rossi, scelta a effetto visto che per tutta la serie rimarrà in coma. Rocco è anche quello che accoglie i ragazzi quando rischiano di perdere la vita, solo in quei momenti lo vediamo muoversi e dialogare con gli altri proprio nella piscina che gli costò il coma. Poi c’è Cris, ragazza anoressica dal cuore d’oro che non sa scegliere tra Leo e Vale. Entrambi affetti dal tumore alla tibia sono stati operati per la rimozione di parte di una gamba. Leo è il leader, simpatico e dal carattere forte, mentre Vale è tutto l’opposto e nonostante l’esser chiuso proprio grazie all’altro riuscirà a venire fuori col suo carattere. Davide è arrivato in ospedale per uno svenimento durante una partita di calcetto, ha un carattere difficile ma si scoprirà anche lui buono. Purtroppo per lui si prospettano dei problemi al cuore, a dispetto di considerazioni piuttosto ottimiste all’inizio. Toni invece ha 14 anni ed è reduce da un incidente in moto. Considerazioni finali ci portano a dare un voto positivo alla serie tv che di certo ha momenti molto tristi, ma trasmette serenità e senso di positività di fronte alla faccia coraggiosa e serena dei bambini di tutte le età.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori