CHE TEMPO CHE FA/ Chi è Fabrizio Gifuni, protagonista del film Noi 4

- La Redazione

Fabrizio Gifuni, noto attore italiano, sarà ospite questa sera di Che tempo che fa. Il prossimo 20 marzo lo vedremo protagonista di Noi 4, diretto da Francesco Bruni

capitale_umano_gifuniR439
Fabrizio Gifuni

Fabrizio Gifuni, noto attore italiano, sarà ospite questa sera di Che tempo che fa. Nato a Roma il 16 luglio del 1966, si diploma presso lAccademia Nazionale dArte Drammatica Silvio DAmico e nel 1993 fa il suo esordio in teatro recitando nellElettra con la regia di Massimo Castri. Fabrizio successivamente collabora con una compagnia greca che è diretta dal regista Teodoros Terzopoulos e lavora con registi come Sepe e Malosti. Fabrizio Gifuni è lideatore e anche linterprete di vari spettacoli tra cui I Kiss your hands, catalogo semiserio delle lettere di Mozart, Non fate troppi pettegolezzi-Omaggio a Cesare Pavese, Le sante corde dei canti, Attilio Bertolucci e Pierpaolo Pasolini, unamicizia in versi. Negli anni che vanno dal 2004 al 2010 realizza un progetto con Bertolucci intitolato Gadda e Pasolini, antibiografia di una nazione che comprende ben due spettacoli: Na specie de cadavere lunghissimo, che ha vinto il Premio Istryo e anche il Golde graal; Lingegner Gadda va alla guerra o della tragica istoria di Amleto Pirobutirro, con cui ha preso il Premo Ubu nel 2010 come miglior spettacolo e miglior attore nellanno, il Premio della critica e quello maschere doro del teatro. Nel 2012 Fabrizio registra la lettura integrale del libro Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana di Gadda con Emons Audiolibri.

Nel cinema lesordio è del 1996 con una commedia dal titolo La bruttina stagionata, diretto da Anna Di Francisca. Altri suoi lavori nel cinema e nella televisione sono Vite in sospeso, con la regia di Marco Turco, Così ridevano, diretto da Gianni Amelio che ha vinto il Leone doro nel 1998 al Festival di Venezia, Un amore e Qui non è il paradiso, entrambi con la regia di Gianluca Maria Tavarelli, Lamore probabilmente, diretto da Bertolucci, Il partigiano Johnny diretto da Guido Chiesa, Hannibal di Ridley Scott, Sole negli occhi e Il dolce e lamaro per la regia di Andrea Porporati, La meglio gioventù, diretto da Marco Tullio Giordana che è stato premiato nel Festival di Cannes, Linverno diretto da Nina Di Majo, De Gasperi, luomo della speranza con la regia di Liliana Cavani, La ragazza del lago con Andrea Molaioli, Signorina Effe diretto da Wilma Labate, Galantuomini da Edoardo Winspeare, Paolo VI – Il Papa nella tempesta, una miniserie con la regia di Fabrizio Costa, e infine Beket diretto da Davide Manuli.

Nello 2010 Fabrizio Gifuni interpreta Franco Basaglia, il noto psichiatra, in una miniserie per Rai Uno, intitolata Cera una volta la città dei matti…, diretto dal regista Marco Turco. Nel 2011 e 2012 partecipa ai noti film La criptonite nella borsa diretto da Ivan Cotroneo, La leggenda di Kaspar Hauser diretto da Davide Manuli e al film Romanzo di una strage di Giordana, in cui interpreta con bravura Aldo Moro.

Fabrizio Gifuni è stato la rivelazione europea nel 2002 al Festival di Berlino e nell’anno riceve anche sia il Globo d’oro da parte della stampa straniera che il Premio De Sica della stagione cinematografica. Ha avuto il Nastro d’argento per l’interpretazione ne “La Meglio Gioventù” nel 2004. Poi nel 2010 è stato premiato come miglior attore sia al Festival di Montecarlo che al Roma Fiction Festival per l’interpretazione dello psichiatra Franco Basaglia. Ha avuto quattro volte la nomination al David di Donatello e ha ricevuto il Premio Gian Maria Volonté nel 2002.

Fabrizio Gifuni ha sposato l’attrice Sonia Bergamasco, la quale ha recitato insieme a lui in molti film, tra i quali “La meglio gioventù” e la miniserie della televisione “De Gasperi, l’uomo della speranza”. Da Sonia ha avuto due figlie che ha chiamato Valeria e Maria. Quest’anno lo abbiamo già visto nel film “Il capitale umano” di Paolo Virzì, mentre il prossimo 20 marzo lo vedremo protagonista di “Noi 4”, diretto da Francesco Bruni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori