CRIMINAL MINDS 10/ Oggi non va in onda, ecco perché (18 novembre 2015)

- La Redazione

Gli episodi di Criminal Minds 10 che avrebbero dovuto essere trasmessi oggi, 18 novembre 2015, non andranno in onda: al loro posto troveremo uno speciale di Virus – Il contagio delle idee

criminalmindsR439
Criminal Minds 11

Nuovo cambio di palinsesto su Rai Due, che ospita anche stasera una puntata speciale di Virus – Il contagio delle idee. Gli episodi di Criminal Minds che avrebbero dovuto essere trasmessi non andranno in onda e al loro posto ritrovere Nicola Porro e la sua squadra per parlare degli avvenimenti di Parigi, dove questa notte la polizia ha fatto irruzione in quello che si credeva essere il covo della “mente” degli attentati. Alla luce di quanto accaduto stanotte a Saint Denis, dove sono morti due terroristi e un cane poliziotto, la seconda rete dedicherà la serata di oggi all’approfondimento dell’allarme terrorismo e dei recenti attacchi perpetrati dall’Isis su suolo europeo.

Continua la messa in onda, in prima tv, della decima stagione di Criminal Minds su Rai 2: stasera, mercoledì 18 novembre 2015, verranno mandati in onda gli episodi numero 19 e 20, intitolati rispettivamente “Al di là dei confini” e “Un posto a tavola”. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: Kate (Jennifer Love Hewitt) scopre di essere incinta e i colleghi festeggiano il lieto evento, ma Penelope (Kirsten Vangsness) li informa dell’arrivo di un nuovo caso in cui tre donne sono state violentate e strangolate nel loro letto. Il DNA indica la presenza di un unico SI e Hotch (Thomas Gibson) crede che la sua efferatezza lo porterà a compiere altri nuovi omicidi. Kate capisce che una delle vittime aveva fornito il codice dell’antifurto al killer e Penelope scopre che tutte hanno ricevuto dei contatti telefonici con il proprio assassino.

Il BAU cerca di capire la modalità di approccio dell’SI e Reid (Matthew Gray Gubler) nota dai segni di strangolamento sulle vittime che sono morte a causa di un’asfissia erotica. Rossi (Joe Mantegna) pensa che il killer sia un uomo sposato perché cerca donne con una relazione e J.J. (A.J. Cook) trova nell’appartamento di una delle vittime una copia del romanzo “Riverberi nudi”. Rossi riconosce alcuni passi come le frasi usate dall’SI per circuire i suoi bersagli e Penelope scopre che le vittime sono state conosciute in modalità molto simili. Il profilo del BAU prevede un killer che sfrutta la trama del libro per ricreare le scene con le vittime e che abbia una famiglia che tiene all’oscuro dei propri desideri. Rossi pensa che l’SI possa aver agito al di fuori della città e Penelope risale a dei casi in cui erano state coinvolte delle prostitute. Reid nota che gli omicidi si sono fermati in alcuni anni e Kate capisce che il blocco è dovuto alla nascita di figli nella famiglia del killer. Penelope individua tutti gli uomini che presentano questo particolare e risale a Patrick John Murphy (Mark Deklin) che corrisponde perfettamente al profilo.

L’uomo aveva assistito allo strangolamento di una donna durante la sua infanzia e Reid crede che il rifiuto della moglie alle pratiche bondage abbiano portato Patrick a diventare un assassino. Il BAU riesce a fermarlo a casa della babysitter prima che possa compiere un altro delitto. Il BAU indaga sulla scomparsa di Sophie Troy (Merrie Brackin) perché il marito è un membro del congresso e il direttore crede che possa essere una potenziale vittima di omicidio. Il deputato Benjamin Troy (Chris McKenna) ha avvisato immediatamente le autorità pochi minuti dopo la scomparsa della moglie e sospetta che il rapitore sia uno dei suoi nemici ma la lista è lunga ed è difficile individuare qualcuno di preciso. Penelope scopre che Sophie è stata vista l’ultima volta in un parcheggio e che le telecamere sono state hackerate in modo da non mostrare il rapimento. Hotch garantisce la massima discrezione, ma la notizia arriva comunque alla stampa che parla già del coinvolgimento dell’FBI. L’Anticrimine crede che il responsabile sia un’organizzazione russa e Reid viene invitato a presenziare all’appostamento per capire se Sophie sia coinvolta nel caso.

Nel frattempo, la squadra continua le proprie indagini e tutti i componenti della famiglia vengono interrogati sul rapporto fra Benjamin e Sophie. Il fratello Paul (Joshua Dov) è convinto che il matrimonio sia una farsa, mentre la madre lo descrive come qualcosa di fantastico. Una reporter porta il BAU a conoscenza di una registrazione che ha ricevuto il suo giornale in cui Sophie richiede il pagamento di svariati milioni di dollari per rimanere in vita. La reporter chiede in cambio un’esclusiva con il deputato e Benjamin fa un appello accorato ai rapitori in modo che rilascino la moglie. Intanto, Reid fa alcune indagini sui russi che sta sorvegliando e che si sospetta siano implicati nel rapimento. Poco dopo l’agente ascolta una conversazione in cui i due uomini parlano del riscatto appena chiesto e che hanno cambiato la cifra richiesta. Rossi comincia a sospettare che Paul Troy sia implicato nel caso perché invidioso del successo del fratello ma la madre si rifiuta di dare qualsiasi particolare a riguardo. Il BAU scopre poco dopo che Benjamin ha una relazione e comincia a credere che il deputato abbia organizzato il rapimento. Rossi scopre che la madre di Benjamin è la mandante del rapimento e che è stata mossa da una forte ambizione che ha riversato sui figli.

Nel 19esimo episodio di Criminal Minds, dal titolo “Al di là dei confini” un’intera famiglia scompare subito dopo l’atterraggio alle Barbados. Il BAU deve occuparsi di un caso internazionale e collaborare con diverse squadre per l’individuazione di un SI che colpisce le famiglie durante le vacanze primaverili. La squadra deve agire in fretta perché le vittime vengono ritrovate morte solo dopo 24 ore dal rapimento ed individuare un killer che si sposta in diversi stati. Il coroner segnala che le vittime maggiormente colpite sono i padri di famiglia e Hotch capisce che l’SI manifesti la propria rabbia nei confronti del proprio genitore.

In ”Un posto a tavola”, il 20esimo episodio, la famiglia Kinderman viene uccisa da un killer che cerca di riprodurre la sera di Natale. Sul posto viene fermato un ragazzo ricoperto di sangue ma Ezra Warren afferma di essersi nascosto dopo aver scoperto la presenza dei cadaveri. Le indagini si spostano sui figli e sulla vita della famiglia perché pensano che il movente sia economico. Uno dei figli ancora in vita viene individuato in una zona del paese ma il ragazzo accusa suo padre, l’unico assente la notte dell’omicidio. Il BAU scopre l’esistenza di un altro figlio segreto e che si è vendicato uccidendo la famiglia che non ha mai potuto avere, ricreando la cena di Natale che era il momento che rappresentava il suo dolore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori