MAJOR CRIMES 2/ Anticipazioni puntata 11 febbraio 2015: la squadra indaga su un pericoloso killer

- La Redazione

Questa sera, mercoledì 11 febbraio, alle 21.10 su Rete 4 va in onda un nuovo appuntamento con la seconda stagione di Major Crimes con gli episodi “Ragazzo copertina” e “Dose di veleno”

major-crimes-cast_R439
Major Crimes 4 su Premium Crime

Questa sera, mercoledì 11 febbraio, alle 21.10 su Rete 4 va in onda un nuovo appuntamento con la seconda stagione di Major Crimes. Prima di scoprire le anticipazioni degli episodi “Ragazzo copertina” e “Dose di veleno”, rivediamo quanto successo settimana scorsa nella serie tv. In “Il bene pù prezioso” Eddie, agente della dogana e proprietario di un residence, viene ritrovato nel suo appartamento seduto dinanzi al forno, apparentemente suicidatosi inalandone il gas e tuttavia dalla sua autopsia nel suo corpo non risultano livelli di monossido di carbonio tali da giustificare il soffocamento. Inoltre luomo, nel corso dei giorni precedenti, aveva subito una serie dincidenti sospetti che gli avevano provocato divere ferite e traumi e i freni della sua auto risultano essere stati manomessi. La squadra va a interrogare gli inquilini di Eddie, un gruppo di anziani ex colleghi che avevano lavorato insieme nella troupe di una serie televisiva poliziesca degli anni 70. Questi raccontano che il residence era di proprietà di un loro carissimo amico ed ex collega, alla cui morte il posto era andato in eredità a Eddie, che ne era il nipote e che, avendo intenzione di vendere la struttura decadente, aveva cercato in ogni modo di rendere difficile la vita agli inquilini, sperando che andassero via di loro spontanea volontà visto che lo zio, nel suo testamento, aveva lasciato il domicilio a vita. Pur non negando di odiare con tutto il cuore Eddie, il gruppo rivela un insospettato aspetto della vicenda: luomo riceveva le costanti visite di un altro individuo con capelli rossi e una vistosa cicatrice sul volto che era stato soprannominato Scarface e che era presente nel residence la sera del suicidio/omicidio. Scarface si rivela essere in realtà Mark Evans (Paul MacCrane), agente federale incaricato di indagare su presunti traffici illegali che Eddie stava conducendo alla dogana e difatti nellappartamento delluomo viene ritrovata una cospicua somma di denaro conservata in una borsa contraffatta di un marchio famoso. Lo stesso tipo di borse viene rinvenuto in grandi quantità nella casa di Evans, che quindi era il socio in affari di Eddie e che tuttavia ha un alibi. Poiché Evans non poteva essere al residence, è chiaro che il gruppo di anziani ha mentito. Si scopre, infatti, che Eddie è morto a causa di uno shock anafilattico provocato a bella posta dai suoi inquilini i quali, ognuno a loro modo, hanno cercato di eliminare il loro proprietario/aguzzino prendendo parte al diabolico piano. Non potendo individuare un unico responsabile, agli assassini viene proposto il patteggiamento e sono condannati agli arresti domiciliari. Parallelamente alle indagini, Provenza (G.W. Bailey) cerca di superare il test di mira con larma da fuoco in modo da non essere relegato a un lavoro dufficio o peggio obbligato ad andare in pensione e ci riesce grazie agli occhiali da vista trafugati dalle prove dellomicidio di Eddie. Rusty (Graham Patrick Martin), invece, cerca senza successo di dire a Kris (Madison McLaughlin) che non ha intenzione di avere una storia seria con lei perché le sue esperienze di vita e il suo passato lo fanno sentire troppo diverso dai suoi coetanei.

In “Il ritorno di fiamma” la prostituta Briana (Rita Volk) viene ritrovata sul ciglio della strada, morta dopo essere stata gettata fuori da unauto in corsa da Jason Goss (Nick Tarabay), al quale Emma Rios (Nadine Velazquez) propone un accordo affinché riveli il nome del mandante dellomicidio, poiché sospettano che dietro questa e altre morti simili ci sia unorganizzazione più vasta. Luomo accetta di fare i nomi dopo lemissione della sentenza ma il giudice incaricato rifiuta di concedergli una pena lieve e così la squadra deve ripartire dal principio. Ascoltando la registrazione della telefonata con cui veniva segnalato il cadavere, si sentono in sottofondo dei rumori dufficio mentre invece la ragazza è stata uccisa di notte in campagna, per cui Sharon (Mary McDonnell) sinsospettisce e fa eseguire una TAC completa dalla quale si scopre che Briana aveva un chip GPS impiantato nella spalla. Emerge allora che Briana stava lavorando con lFBI e che realmente faceva parte di un giro che coinvolgeva prostitute, uomini politici e gioco dazzardo su cui stava indagando lagente federale Scott Shaw (Callard Harris). 

Shaw racconta alcuni particolari dell’indagine alla squadra ma le informazioni sono secretate dall’FBI e non possono essere utilizzare per fare pressioni su Goss finché Sharon, con un’abile stratagemma, riesce a farsi dire in via non confidenziale che alla guida dell’auto da cui Goss ha gettato Briana c’era Colin, un ragazzo che l’accompagnava agli appuntamenti con i clienti e che lei era convinta fosse il suo ragazzo. Sperando di ricavare informazioni utili da Colin, la squadra circonda casa sua ma è costretta a fare irruzione quando Tao (Michael Paul Chan) intravede dalla finestra delle macchie di sangue e scopre che il ragazzo è stato ucciso. Fingendo che sia ancora vivo, Sharon e Sanchez (Raymond Cruz) interrogano Goss facendogli credere che Colin voglia incastrarlo facendo un accordo prima di lui, così lo spingono ad accettare un patteggiamento meno vantaggioso che viene accettato dal giudice.

Trama puntata 11 febbraio 2015 – La squadra prima indaga su un pericoloso killer che mette tutti in allarme, obbligando Sharon a dover decidere tra due strade ugualmente giuste ma non prive di conseguenze gravi; in seguito il team lavora correndo contro il tempo per rintracciare uno spacciatore che, dopo aver causato la morte di due fratelli con una partita avvelenata, rischia di provocare altre vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori