BARBARA DE ROSSI/ Chi è la conduttrice di Amore Criminale, concorrente di Notti sul ghiaccio

- La Redazione

Stasera tra i concorrenti di Notti sul ghiaccio in onda su Rai Uno ci sarà Barbara De Rossi, famosa attrice del piccolo e grande schermo che conduce anche una trasmissione

amore_criminale_de_rossi_439
Amore Criminale, diretto da Barbara De Rossi
Pubblicità

Tasera tra i concorrenti di Notti sul ghiaccio in onda su Rai Uno ci sarà Barbara De Rossi. Nata a Roma il 9 agosto del 1960 è una nota attrice nonché, negli ultimi anni, conduttrice televisiva. A soli 16 anni fa sua la fascia di “Miss Teenager”, concorso in cui il presidente di giura è Alberto Lattuada, che due anni dopo la vuole in “Così come sei” nel ruolo di figlia di Marcello Mastroianni. Nel 1980 ricopre lo stesso ruolo, quello di figlia, nel film “La cicala”, il quale le consente di lavorare con Virna Lisi. Nello stesso anno del suo esordio al cinema, ovvero il 1978, inizia anche a comparire in diversi fotoromanzi. Questa esperienza durerà fino al 1982 e alla fine i fotoromanzi che la vedranno protagonista saranno più di 100.

Pubblicità

Nel 1982 la sua popolarità aumenta grazie al ruolo ottenuto in “Storia d’amore e d’amicizia”: in questo sceneggiato televisivo ha la possibilità di lavorare insieme al grande Ferruccio Amendola e a suo figlio Claudio. L’anno dopo è di nuovo sul grande schermo, dove lavora con Ron Moss, che poi diverrà famoso per il suo ruolo in “Beautiful” e con Francesco Nuti nella commedia dal titolo “Son contento”, con Maurizio Ponzi dietro la macchina da presa. Ma l’anno della svolta è il 1984, quando ottiene una parte ne “La Piovra”. La sua interpretazione in questo prodotto che ha un successo internazionale le consente nel 1985 di entrare nel cast di altre due miniserie che hanno molto successo, ovvero “Quo Vadis?” e “Io e il Duce”, dove le viene assegnato il personaggio di Claretta Petacci. In questa occasione ha modo di dividere il set con attori del calibro di Anthony Hopkins, Susan Sarandon e Bob Hoskins.

Pubblicità

Sempre nel 1985 è in “Mamma Ebe”, pellicola che va in concorso al Festival di Venezia. La sua carriera prosegue spedita, alternandosi tra pellicole per il grande schermo e produzioni televisive. Nel 1988 si sposa con Andrea Busiri Vici, ma il matrimonio naufraga due anni dopo. Dopo un secondo matrimonio nel 1995, con Branko Tesanovic, artista serbo con cui ha un figlio e da cui divorzia nel 2010, ha avuto altre relazioni. Nel 1989 viene scelta per lavorare a due produzioni cinematografiche francesi, mentre in Italia è tra i protagonisti della miniserie “Pronto soccorso”, che durerà fino al 1992 e dove ha modo di dividere nuovamente il set con Ferruccio e Claudio Amendola. Le miniserie si confermano per lei un “format” congeniale, visto che nel 1992 sono ottime le recensioni per “La storia spezzata”, dove ricopre il ruolo di una donna con problemi di alcolismo.

Dopo altre miniserie e film per la tv, il 1994 è l’anno del ritorno al cinema, il quale avviene in “Maniaci sentimentali”, prima pellicola che vede Simona Izzo dietro la macchina da presa. Gli anni ’90 e i primi anni 2000 sono ricchi di ruoli, sia in televisione che al cinema: un film di notevole successo è “Il pranzo della domenica”, pellicola del 2003 dove è diretta da Carlo Vanzina e lavora con Rocco Papaleo e Elena Sofia Ricci. Gli anni 2000 la vedono continuare a lavorare a ritmi incessanti e tra i tanti successi si segnala un’interpretazione al fianco di Massimo Boldi nella fortunata miniserie per la tv dal titolo “Un ciclone in famiglia”, che si rivela uno dei maggiori successi di Canale 5 di questi ultimi anni.

Nel 2010 accetta di partecipare come concorrente a “Ballando con le stelle”. Due anni dopo partecipa ad alcune puntate de “L’Isola dei Famosi”, dove viene chiamata come opinionista. Nello stesso anno partecipa al suo secondo talent-show, ovvero “Tale e Quale Show”. Nel 2013 avviene il suo esordio come conduttrice di “Amore Criminale” e la sua performance in un programma così delicato ottiene ottimi riscontri, tanto da esserne tuttora alla conduzione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori