NEK/ Chi è il cantante ospite della prima puntata di Si può fare 2015

- La Redazione

Stasera sarà ospite a Si può fare il cantante Nek, il cui vero nome è Filippo Neviani. All’ultimo Festival di Sanremo ha ottenuto un importante piazzamento in classifica

nek_R439
foto:Infophoto
Pubblicità

Stasera sarà ospite a Si può fare il cantante Nek. Filippo Neviani, conosciuto dal pubblico come Nek, nasce a Sassuolo, in provincia di Modena, il 6 gennaio del 1972. La sua prima esperienza nel mondo della musica avviene nel 1996, quando forma, assieme a Gianluca Vaccari, un duo di musica country di nome Winchester. Tre anni dopo passa al rock con la formazione musicale dei White Lady, nella quale ricopre i ruoli di bassista e vocalist, dedicandosi inoltre alla composizione delle sue prime canzoni. Nel 1991 decide di intraprendere la carriera da solista e si presenta al Festival di Castrocaro con il brano Io ti vorrei e, anche se non vince, riesce ad avere un contratto discografico con la Fonit Cetra. L’anno successivo pubblica il suo primo disco e nel 1993 arriva al Festival di Sanremo, dove raggiunge la terza posizione nella categoria Nuove proposte con il brano In te, pezzo che affronta il tema dell’aborto e che dà il titolo anche al suo secondo album.

Pubblicità

Nel 1994, invece, dopo la pubblicazione di Calore umano, terzo disco in studio, passa alla Warner Music Italy. Ritorna a Sanremo nel 1997 con la canzone Laura non c’è, brano che anticipa l’uscita di Lei, gli amici e tutto il resto, il suo quarto album, e che lancia definitivamente la sua carriera; il singolo viene seguito da altri successi come Dimmi cos’è, Tu sei, tu sai, Sei grande. L’anno dopo è la volta dell’album In due, che viene lanciato anche in Giappone e America Latina e che viene trainato dal successo del singolo Se io non avessi te, che viene proposto con successo anche al Festivalbar di quell’anno, mentre nel 2000 è la volta di Le cose da difendere, disco in cui è contenuta anche la canzone Sei solo tu, in cui il cantante romagnolo duetta con Laura Pausini.

Pubblicità

L’anno seguente l’interprete di Sassuolo torna nuovamente sul mercato discografico con The Best of Nek – L’anno zero, il suo primo greatest hits, seguito poi nel 2005 da Una parte di me, nuova raccolta di inediti anticipata dal singolo Lascia che io sia, che gli permette di guadagnarsi la prima posizione al Festivalbar di quell’anno. Nella stanza 26, l’album successivo, esce nel 2006, anno in cui Nek prende parte assieme ad altri artisti italiani ad un album tributo dedicato a Lucio Battisti e intitolato Innocenti evasioni 2006, mentre quattro anni dopo torna con un doppio disco dal titolo E da qui – 1992-2010, raccolta dei singoli lanciati nel corso della sua ventennale carriera.

Nek torna poi sulle scene musicali nel 2013 con l’uscita del suo undicesimo album in studio intitolato Filippo Neviani, dal quale sono stati estratti diversi singoli come Congiunzione astrale e La metà di niente, e nel frattempo duetta assieme a Max Pezzali, reinterpretando assieme a lui Nessun rimpianto, vecchio successo del cantante pavese contenuto nel disco Max 20. 

Il 2015 segna il suo ritorno al teatro Ariston con il brano “Fatti avanti amore” (giunto secondo), singolo che anticipa l’uscita dell’album dal titolo “Prima di parlare”, che contiene diversi brani inediti e una cover di “Se telefonando”, il brano portato al successo da Mina che il cantante romagnolo ha reinterpretato nel corso della penultima serata del Festival di Sanremo del 2015. Sposato da settembre 2006 con Patrizia Vacondio, Nek è anche padre di una bimba di cinque anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori