EXPLODING SUN/ Stasera su Cielo il film con David James Elliott. Trailer

- La Redazione

Stasera, mercoledì 10 giugno 2015, su Cielo va in onda il film dal titolo “Exploding Sun”, con David James Elliot e diretto da Michael Robison. Ecco la trama della pellicola

logo-cielo
Il film in onda su Cielo

Dalle 21:10 va in onda su Cielo il film “Exploding Sun”.Il primo viaggio nello spazio di civili attorno alla luna causa un incidente che dà luogo ad un’esplosione solare con conseguente tempesta elettromagnetica in arrivo sulla Terra. L’unico uomo capace di evitare la fine della vita sul Pianeta è uno studioso emarginato dalla comunità scientifica, ma la catastrofe sembra imminente. Ecco il trailer del film in lingua originale.

Exploding Sun è un film canadese per la televisione uscito nell’anno 2013. Il film, in onda stasera su Cielo, di genere fantascientifico a sfondo catastrofico, racconta il verificarsi di una delle peggiori catastrofi a cui il nostro pianeta potrebbe andare incontro: la distruzione della Terra a causa delle radiazioni solari. Il regista, Michael Robison, ha scelto per questo film un cast di attori già noti al grande pubblico televisivo, grazie alla partecipazione a celebri serie. Il protagonista, ad esempio, ha il volto dell’attore canadese David James Elliott ovvero il Comandante Harmon “Harm” Rabb Jr. della serie Jag – Avvocati in divisa. La vicenda ha inizio quando il geniale scienziato Craig Bakus (interpretato dall’attore Anthony Lemke) inventa quello che viene definito come il Motore Scalare, ovvero una tecnologia in grado di far viaggiare le navicelle spaziali a velocità supersoniche, vicine a quelle della luce.

Proprio questo motore viene installato anche sull’astronave Roebling Clipper, che ha la missione di compiere il primo viaggio turistico fino sulla Luna. I passeggeri a bordo di questa astronave sono sei: Freddie Hernandez (Harley Chamandy), il proprietario del biglietto vincente del concorso creato proprio per far partecipare un civile al viaggio, la pilota Fiona (Allison Graham), il proprietario della ditta areospaziale che ha prodotto il veicolo, un ricco filantropo e un passeggero molto importante, ovvero la first lady degli Stati Uniti d’America (Jane Wheeler). Ultimo membro del gruppo è la Dottoressa Denise Balaban (Mylène Dinh Robic) che è anche amante dello scienziato Craig Bakus, inviata per raccogliere dati sull’efficacia del motore scalare. A causa di una fortissima turbolenza provocata da una tempesta solare, l’astronave perde la traiettoria e si dirige diretta verso il sole. Nella sala comandi sul pianeta Terra, fanno la loro comparsa (per fronteggiare l’imminente crisi) l’ex pilota della Nasa Don Wincroft (il già nominato David James Elliott) ed il braccio destro del Presidente degli Stati Uniti, Cheryl Wincroft (Natalie Brown). I due tentano in tutti i modi di salvare l’equipaggio che, purtroppo, finisce inesorabilmente verso il sole dove viene distrutto.

L’incidente ha, però, un’altra gravissima ripercussione: il motore scalare innesca una serie di immense esplosioni nucleari che causano una iperattività solare. Le radiazioni prodotte dalla stella hanno un effetto distruttivo sull’intero pianeta, che si trova a rischio sopravvivenza. Mentre l’intero mondo è nel caso e l’umanità deve lottare per superare gli effetti catastrofici provocati dalle esplosioni solari; l’ex pilota della Nasa Don Wincroft ha una geniale intuizione. Per rendere nulli gli effetti provocati dall’utilizzo del motore scalare, sarebbe sufficiente innescare un’esplosione uguale, della stessa dimensione ed entità ma con una polarità invertita rispetto alla prima. In questo modo gli effetti sarebbero annullati e la Terra, così come la Galassia intera, potrebbero salvarsi. L’esercito militare aveva però, tempo prima, rubato i progetti dello scienziato Craig Bakus per adattare il motore scalare ad usi militari. Viene così realizzata una navicella in grado di portare l’arma difensiva vicino al Sole, e a pilotarla saranno gli stessi Don e Craig.

I due, unici in grado di salvare l’umanità, si troveranno però costretti a prendere una difficile decisione. Per attivare la bomba, infatti, uno dei due dovrà sacrificare la propria vita. E’ proprio lo scienziato Craig che, in un eroico atto, si sgancia dal veicolo e si lancia con la bomba contro il sole. Il gesto si rivela salvifico e Don riporta la navicella spaziale sulla Terra che, per fortuna, è salva. Il film si conclude con una scena commovente e romantica, ricca di speranza per il futuro dell’umanità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori