CLIFFHANGER – LULTIMA SFIDA/ Su Rete 4 il thriller con Sylvester Stallone. Trailer

- La Redazione

Stasera, lunedì 15 giugno 2015, su Rete 4 andrà in onda il film thriller “Cliffhanger – L’ultima sfida”, con Sylvester Stallone come protagonista. Ecco la trama della pellicola

Foto-Mediaset
Mediaset

Alle 21:15 va in onda su Rete 4 il film “Cliffhanger-L’ultima sfida”. Otto mesi dopo la tragedia che ha portato alla morte di una donna, Cabe è costretto a tornare sulle Montagne Rocciose per salvare un suo amico, preso in ostaggio da un ex agente dell’F.B.I psicopatico, deciso a rintracciare 3 valigette contenenti 100 milioni di euro. Ecco il trailer del film

Cliffhanger – Lultima sfida è un film di genere azione – thriller, in onda stsera su Rete 4, diretto dal regista Renny Harlin per un soggetto di John Long e sceneggiatura di Michael France e Sylvester Stallone. Il film ha riscosso un buon successo come del resto confermano le tre nomination ai Premi Oscar nel 1994, ha una durata di circa 1 ora e 52 minuti mentre nel cast figurano Rex Linn, Caroline Goodall, Leon Robinson e Max Perlich.

Ecco la trama. Siamo in America, sulle montagne rocciose, una ragazza di nome Sarah (Michelle Joyner) sta effettuando una pericolosa ma avvincente escursione in alta quota. La ragazza è in compagnia di un caro amico nonché collega del proprio fidanzato Hal Tucker (Michael Rooker). Sarah quindi insieme a Gabriel Gabe Walker (Sylvester Stallone) da sempre operatore del soccorso montagne rocciose, sta facendo questa escursione ma ad un certo punto per lei le cose non si mettono bene, infatti nonostante sia aggrappata alle mani di Gabe, perde la presa e l’attimo dopo si ritrova a precipitare lungo un vertiginoso crepaccio. Per Sarah l’impatto è violento e a causa di questo incidente perde la vita. La scena a cui è costretto ad assistere Gabe, da tutti soprannominato Cliffhanger, è delle più terribili, la fidanzata del proprio migliore amico muore sotto i propri occhi e senza che lui possa impedirne la cosa. Inoltre poiché la ragazza prima di cadere era aggrappata lui, Gabe si sente responsabile della sua morte assurda e incomincia a farsi soggiogare dai propri sensi di colpa e responsabilità. Decide così di abbandonare il proprio lavoro, evita il contatto dei propri conoscenti ed amici e si allontana da loro per vivere in solitudine questo dolore e questa disastrosa e terribile esperienza.

Gabe ha una fidanzata di nome Jessie Deighanla (Janine Turner), anche lei fa parte del soccorso montano, ad una anno dalla morte di Sarah e da quel indimenticabilmente tragico giorno, decide di convincerlo a farsi aiutare e a seguirla su per le montagne rocciose. Jessie infatti vorrebbe far ritrovare al proprio amato nuovamente la passione per la montagna e vorrebbe che si distraesse e non pensasse più al passato e a ciò che è stato. La ragazza deve soccorrere un gruppo di persone che sono in alta quota e che sono seriamente in pericolo e perciò vorrebbe l’aiuto dell’esperto Gabe. L’uomo nonostante le prime reticenze accetta di salire in alta quota con Jessie, ma ben presto i due si rendono conto che le persone che hanno chiesto il loro aiuto non sono minimamente in difficoltà o in gravi condizioni ma piuttosto sono degli assassini crudeli e senza alcuna pietà che sono saliti su per la montagna rocciosa alla ricerca di alcune valigie che erano su di un aereo precipitato su quei monti. All’interno delle valigie questi uomini sono a conoscenza del fatto che vi sono numerosi soldi e per questo avevano chiesto ad un amico di Gabe, Hal (Michael Rooker) guida montana di portarli su quelle vette.

Poiché l’uomo non vuole collaborare con loro, viene fatto prigioniero e quando Gabe e Jessie li raggiungono devono riuscire a fermare i ladri e crudeli assassini nonché a liberare lo stesso Hal, loro prigioniero. Dopo una serie di imprevisti e rocambolesche azioni, Gabe grazie anche all’aiuto di Jessie, salva l’amico e sconfigge quel gruppo di ladri. La riuscita dell’azione fa riacquistare a Gabe la fiducia nelle proprie capacità ritornando ad essere quell’esperto soccorritore che era sempre stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori