BODY OF PROOF 2/ Anticipazioni e diretta streaming puntata 31 luglio 2015: indagini sulla morte di un rappresentante farmaceutico

- La Redazione

Body of Proof 2, anticipazioni puntata 31 luglio 2015: Megan si reca a esaminare un cadavere, ma trova il lettino vuoto. Le indagini per capire che cosa è successo partono subito

Body-Of-Proof-3-Cast
Body of Proof

A breve in onda su Rai Due le attesissime puntate di “Body of proof”, la serie tv americana che narra le vicende di Megan Hunt, una donna che, dopo un terribile incidente che le ha danneggiato le mani, ha dovuti reinventarsi trasformando il suo lavoro di chirurgo in quello di medico legale. Questa sera tre episodi della sesta e della settima stagione: “come Lazzaro”, “un tragico scherzo e “lezioni di anatomia”. Vi ricordiamo che sarà possibile seguire “Body of proof” alle 21.15 su Rai 2 ma anche in diretta streaming sul sito di Rai Tv cliccando qui.

Anche stasera, venerdì 31 luglio 2015, torna sul piccolo schermo di Rai 2 Body of Proof, con tre episodi appartenenti alla seconda stagione. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa e i casi che Megan ha affrontato: due giovani innamorati s’incontrano nel bosco di notte. Vengono però interrotti da un’auto impazzita, il cui guidatore si scoprirà essere morto per delle cause molto particolari. Le indagini portano a scoprire che la vittima aveva una vita sessuale molto libera. Era sposato, ma facevano giochi di coppia con dei vicini, e non passa molto tempo prima di scoprire che in realtà l’intero quartiere residenziale pare essere amante di tali pratiche. La strategia pare molto semplice, ovvero mettere tutti contro tutti. All’apparenza nessuno serba rancore e tutti sono felici di questo stile di vita, ma Megan (Dana Delany) non ci crede affatto e va a caccia dell’anello debole, l’unico che possa indicare l’assassino. Servono informazioni dall’interno e così si tenta di pressare l’amante della vittima, mettendolo contro il marito, ma a loro pare stare tutto bene così.

Alla fine il caso porta a una conclusione scontata, ovvero all’individuazione dell’assassino proprio nel vicinato, come sospettato da principio da Megan. Si tratta di un uomo che accusa i propri vicini d’aver rovinato la sua vita. Si era innamorato della sua vicina, e sua moglie se n’era accorta da tempo, e per questo era andata via, portando via i bambini. Il suo pensiero era stato di uccidere suo marito, così da poter avere qualche chance di conquistarla, ignaro del fatto che lei avesse di già un’amante, e nessuna intenzione di rinunciare a una libertà tanto difficilmente conquistata negli anni. Nel secondo caso, un gruppo di amici si riunisce per cacciare cervi, ma uno di loro viene colpito. In tutto si sentono tre spari nei boschi, ma non è possibile sapere se uno degli amici sia l’assassino. Sulla scena del crimine viene interrogata la famiglia della vittima, di cui Megan sospetta fortemente. Ritiene infatti che il nuovo marito e il figliastra possano avere qualcosa a che fare con tutto questo. Kate (Jeri Ryan) è infuriata con Megan, perché la famiglia della vittima ha contattato il sindaco, lamentandosi dell’atteggiamento di Megan.

Kate è così arrabbiata da toglierle il caso, occupandosene in prima persona, il che non aiuta i loro rapporti, già tesi a causa del fatto che Kate va a letto con l’ex marito di Megan, Todd (Jeffrey Nordling). La vittima era incinta e il marito lo ignorava. Lei voleva attendere prima di annunciarlo. La figliastra si scopre essere molto abile nella caccia, trovando l’esatto punto dello sparo, analizzando le prove fisiche offerte dal bosco. Megan lavora a un’altra vittima, che pare legata alla prima, in qualche modo, dal momento che la seconda potrebbe aver messo incinta la prima. Il caso offre prove contrastanti e continua a confondere sia Kate che Megan, che passano costantemente da un sospettato all’altro. La verità infine salta fuori grazie ai controlli finanziari sull’azienda di Martin, che da tempo veniva derubato dal suo curatore finanziario Alan. Quando Patrick lo ha scoperto, questi lo ha pestato a morte, e quando la stessa cosa è capitata con Julie, è andato nel panico e le ha sparato. Alan è in lacrime e chiede perdono a Martin, sia per averlo derubato che per aver ucciso sua moglie. Martin non può perdonarlo e, in uno scatto d’ira, gli spara, uccidendolo.

Infine, proprio per questo, finisce ovviamente in manette. Infine, nel terzo caso in onda la settimana scorsa, un bambino viene rapito, mentre la sua balia tenta di salvarlo, perdendo la vita per questo gesto eroico. Il corpo della donna presenta chiari segni di abusi. Così si passa a interrogare la coppia per cui lavorava, i genitori del piccolo rapito, così come i suoi amici. Propri questi parlano con la polizia del suo fidanzato, tendenzialmente violento, che spesso la molestava, ricoprendola di lividi. Helen, la vittima, viene descritta da tutti come una donna di buon cuore, tendente a credere che in ognuno ci fosse del buono. La polizia sa che furgone è stato usato per rapire Noah, e così è in grado di trovare un sospettato per questo caso. Il suo profilo pare calzare alla perfezione, e quasi certamente c’entra qualcosa con questo torbido caso, ma all’arrivo degli agenti lo trovano già morto, il che conferma che questa è la pista corretta, ma al momento conduce a un vicolo cieco.

Nel furgone trovano tracce di un fungo che cresce soltanto in un’area precisa, dove iniziano le ricerche per il piccolo. Il problema è che questi ha l’asma, e il posto in cui si trova non è affatto l’idea per uno come lui. Controllano un magazzino e pare sia stato lì. Trovano tracce di sangue e capiscono che lo sta tossendo, propri a causa dell’asma o forse di un’infezione trasmessagli dal rapitore. Alla fine si scopre esserci una complice, Rena, un’amica di Helen, che si era occupata di Noah quel giorno, solo perché la babysitter stava ricucendo il suo ragazzo, uscito malconcio da una rissa. Una volta trovata lei è facile arrivare al piccolo, che viene restituito ai suoi genitori, mentre Rena ovviamente finisce in manette.

Torna anche stasera, venerdì 31 luglio 2015, la serie tv Body of Proof in onda su Rai 2. Nel primo episodio in onda, dal titolo “Come Lazzaro“, un cadavere viene portato in laboratorio. Pare si tratta di un ragazzo vittima di un’overdose in un parcheggio. Viene però rilevato un foro di proiettile, stranamente con non molto sangue presente, e proprio per questo vengono coinvolte Megan e Kate. Quando però Megan arriva dove il corpo dovrebbe essere, si rende conto che qualcuno lo ha portato via, perché il suo lettino è vacante. Nella puntata seguente, dal titolo “Un tragico scherzo“, il cadavere di un rappresentate farmaceutico viene trovato completamente dissanguato. Il team, Megan compresa, dovrà fare i conti con un gran numero di sospetti prima di arrivare alla verità. Un altro scoglio per risolvere sarà capire qual è stata la scena del crimine, che non corrisponde al luogo di ritrovamento della vittima. Infine, in “Lezioni di anatomia“, Megan farà affidamento sulla sua migliore studente per la risoluzione di un nuovo omicidio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori