FRANTIC/ Su Rete 4 il film thriller di Roman Polanski con Harrison Ford. Video trailer

Stasera, martedì 11 agosto 2015, su Rete 4 andrà in onda il film thriller “Frantic”, diretto da Roman Polanski nel 1988, con Harrison Ford nei panni del protagonista. Vediamo la trama

11.08.2015 - La Redazione
Foto-Mediaset
Mediaset

Su Rete 4 ritorna il grande film di azione, nel thriller di Roman Polanski, con Harrison Ford, Frantic. Il dottor Walker (Ford) è a Parigi con la moglie, per un congresso quando la sua vita viene sconvolta. Lignaro ma coraggioso dottore si troverà coinvolto in un intricato caso internazionale, quando cercherà di salvare la moglie, improvvismaente scomparsa insieme alle loro valigie. Ecco il trailer del film.

Tra le curiosità più interessanti legate a Frantic, film in onda stasera su Rete 4, vi è quella della pellicola che ha ispirato maggiormente il regista. Sono infatti palesi i riferimenti a “Intrigo internazionale”, un classico firmato Alfred Hitchcock. E moltissimi altri sono i riferimenti al grande regista, come ad esempio la scena della doccia, che è un chiaro omaggio a uno tra i film più famosi di Hitchcock, ovvero “Pysco”. Infine, va segnalato come Polanski si sia concesso due camei nel film e come la Parigi da lui descritta in questa pellicola sia lontana parente di quella che siamo stati abituati a immaginare e conoscere: questa Parigi è infatti una città crepuscolare e assolutamente poco accogliente per i due protagonisti.

La serata di Rete 4 di oggi, martedì 11 agosto 2015, è all’insegna del cinema d’autore, perchè la rete ha optato per la proposizione di un vecchio film del maestro Roman Polanski. Il film in questione è Frantic, pellicola che ha ormai una certa età, essendo datata infatti 1988, ma che conserva intatta tutto il proprio potenziale. Gli attori principali di questo film che è molto apprezzato a quasi 30 anni di distanza e non solo da chi ama il genere thirller, sono Harrison Ford e Emmanuelle Seigner. Vediamo la trama: Richard Walker (Harrison Ford) è un medico molto affermato nel campo della chirurgia e si trova nella capitale transalpina per un soggiorno che è sia lavorativo che di piacere, visto che deve prendere parte a un congresso medico e che ha deciso di approfittare di tale occasione per visitare nuovamente Parigi insieme alla moglie, con cui è stato in luna di miele nella città circa 20 anni prima.

Arrivati in città marito e moglie decidono di salire nella camera del lussuoso albergo in cui hanno prenotato per riprendersi dalle fatiche del viaggio. A questo punto Richard si avvede del fatto che vi è stato uno scambio di valigia e che la moglie si ritrova con una valigia che appartiene a un’altra persona. Appurato come fare per risolvere il problema va a farsi una doccia e nel frattempo la moglie risponde a una telefonata e gli dice qualcosa, che lui però non capisce. Una volta uscito dalla doccia e non trovandola pensa che sia andata giù nella hall dell’albergo e si addormenta. Una volta svegliatosi capisce che è successo qualcosa, perchè la moglie non è tornata in camera. Va quindi alla reception per cercare di capire che cosa è accaduto, ma non riesce a parlare con il portiere che era di turno nel momento in cui la moglie è uscita. Riesce a rintracciare il numero di telefono di casa dell’uomo, ma non riesce a parlarci perchè il figlio dell’uomo gli comunica che il padre sta dormendo e ha dato disposizioni di non essere assolutamente svegliato.

A questo punto Richard si dirige in strada e qui si imbatte in un senzatetto, che gli svela il fatto di aver visto una donna che veniva caricata con la forza su una autovettura di grossa cilindrata. A questo punto Richard vuole essere portato nel luogo esatto in cui è avvenuto tutto ciò e qui vi trova un chiaro segno del passaggio della consorte: un bracciale che lui le aveva donato anni prima. Si reca quindi nuovamente in albergo e prova a ricontattare il portiere che era di turno nel momento in cui la moglie è scomparsa nel nulla. Riesce a sapere che l’uomo è attualmente in palestra. Avuto l’indirizzo della struttura lo raggiunge e qui l’uomo gli svela di aver visto la moglie che veniva portata via da un uomo che la teneva per le spalle. A questo punto il medico decide di chiedere l’aiuto delle autorità di polizia francesi e della propria ambasciata. Ben presto però deve scontrarsi con la incapacità delle prime e dei secondi di aiutarlo in quello che ha ormai tutti i crismi di un vero e proprio rapimento. A questo punto prende la risoluzione di indagare da solo su quanto avvenuto. La sua indagine parte da un oggetto rinvenuto nel bagaglio che per sbaglio è finito nelle mani sue e di sua moglie. Cerca di mettersi in contatto con un trafficante che risponde al nome di Dedè.

Alla fine riesce si a trovarlo, ma l’uomo è deceduto nella propria abitazione. Grazie ad un insperato colpo di fortuna la sua strada si incrocia con quella di Michelle. Quest’ultima è una donna che lavorava per Dedè come spacciatrice di grosso calibro. La donna è la proprietaria della valigia e alla fine decide di aiutarlo nella ricerca della moglie. Questa scelta è dettata da fini utilitaristici, visto che se Richard vuole poter riabbracciare la moglie, lei vuole semplicemente trovare chi l’ha rapita e avere ciò che le spetta per aver portato la valigetta sul territorio transalpino. Tuttavia la convinzione sua e di Richard, ovvero che la valigia avesse come contenuto delle sostanze stupefacenti è errata: i due sono infatti finiti nel bel mezzo di un intrigo con al centro un commercio di componenti attraverso cui si può arrivare alla costruzione di una bomba nucleare. In una Parigi che sembra aver improvvisamente perso il proprio fascino e si presenta ostile, il medico e la donna che lo sta aiutando si renderanno presto conto che nella scomparsa della moglie del primo sono implicati anche i servizi segreti della Francia e quelli israeliani.

Con molte difficoltà e correndo moltissimi rischi Richard riesce ad ottenere un incontro in riva alla Senna: la sua idea è quella di dare vita ad uno scambio e di poter così riabbracciare la moglie. Tuttavia le cose non vanno per il verso giusto e c’è una violentissima sparatoria. Al termine del violento scontro a fuoco Richard può finalmente riabbracciare la moglie, ma Michelle invece rimane ferita in modo molto serio. A questo punto Richard decide di fare una scelta assai coraggiosa in merito al contenuto della valigetta, che tanta violenza e morte ha causato…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori