BLUFF – STORIE DI TRUFFE E DI IMBROGLIONI/ Su Rete 4 il film commedia con Adriano Celentano. Trailer

- La Redazione

Stasera, 12 agosto 2015 alle ore 21.15, va in onda il film coomedia ‘Bluff – Storia di Truffe e di Imbroglioni’, pellicola del 1976 con protagonista Adriano Celentano. Vediamo la trama

Foto-Mediaset
Mediaset
Pubblicità

Questa sera alle 21.15 Rete 4 trasmette ‘Bluff – Storia di truffe e di Imbroglioni’, un film commedia del 1976 con Adriano Celentano. La storia parla di due truffatori che si associano per un grosso colpo. Nel bel mezzo della vicenda uno dei due, credendosi più furbo, tenta di fregare il suo compare (Celentano) che però, avendo capito tutto, trama un piano perfetto per tirarsi fuori dai guai come unico vincitore. Clicca qui per vedere il trailer del film.

Tra il 1975 ed il 1977 Adriano Celentano si troverà a girare ben sei film: nella seconda metà degli anni settanta l’attività cinematografica sarà quella che assorbirà maggiormente le energie del ‘molleggiato’, grazie al successo di critica e di pubblico ottenuto con il musical ‘Yuppi Du’, sicuramente la sua prova da regista maggiormente riuscita. Bluff – Storia di Truffe e di Imbroglioni, in onda questa sera su Rete 4, cavalca questa grande popolarità, affiancando Celentano ad un altro volto molto amato dal pubblico italiano dell’epoca, ovvero Anthony Quinn. Il tutto sotto la regia di Sergio Corbucci, capace di dirigere Celentano in alcune delle sue commedie maggiormente riuscite, e capaci di ottenere i più significativi risultati al botteghino.

Pubblicità

Adriano Celentano e la commedia italiana sono di nuovo protagonisti nel mercoledì di Rete 4: stasera, 12 agosto 2015 alle ore 21.15, va infatti in onda Bluff – Storia di Truffe e di Imbroglioni, pellicola del 1976 col molleggiato protagonista. Un film risalente al periodo di massima popolarità cinematografica del cantante, protagonista assieme ad Anthony Quinn di questa storia diretta da Sergio Corbucci. Al contrario della quasi totalità dei film che hanno visto Celentano protagonista, la storia non è ambientata in Italia, bensì nella Francia degli anni venti, nonostante la parte del celebre ‘Ragazzo della via Gluck’ sia quella di un ladruncolo italiano. ‘Bluff – Storia di Truffe e di Imbroglioni’ è uno dei tre film girati da Adriano Celentano nel corso dell’anno 1976: sotto la regia di Flavio Mogherini reciterà in ‘Culastrisce nobile veneziano’, mentre inizierà a girare, per la regia di Franco Rossi, ‘L’altra metà del cielo’, che uscirà però nelle sale cinematografiche solamente nell’anno successivo.

Pubblicità

Vediamo la trama. La storia è ambientata nella Parigi del 1920. Belle Duke (interpretata da Capucine) gestisce una bisca nella quale vanno in scena loschi traffici: la donna è però impegnata principalmente nell’organizzare l’evasione del suo ex fidanzato Philip Bang (interpretato da Anthony Quinn) in carcere per rapina. Belle ha però un secondo fine: vuole far uscire dal carcere il suo amante non per riconsegnargli la libertà, ma per vendicarsi di lui, che l’aveva truffata e derubata prima di essere a sua volta arrestato e incarcerato. Ignaro delle vere intenzioni della donna, Philip per agevolare il tentativo di evasione si fa trasferire verso il carcere della Caienna, accordandosi per scappare durante il trasferimento in treno, saltando via dal tetto. Al momento decisivo però Philip resta bloccato, e grazie al suo involontario aiuto riesce ad evadere un altro italiano, il detenuto Felice Brianza (interpretato da Adriano Celentano), conosciuto da tutti all’interno della prigione con il nome di Felix. Per giunta gli uomini mandati da Belle Duke a recuperare Philip non riconosco l’uomo, e quindi portano Felix, ripulito e rifocillato, all’interno della bisca.

Belle però scopre ovviamente subito l’inganno, e costringe Felix a tornare indietro per recuperare Philip Bang. L’evasione stavolta riesce grazie alla scaltrezza di Felix, che riesce travestendosi da frate a portare Philip fuori dalla prigione: a Bang vengono però anche rivelati i reali piani di Belle Duke, e allora decide di provare a sfruttare la situazione a suo vantaggio, anche grazie all’aiuto di Felix, e a provare a rapinare di nuovo la sua spietata e ricca ex amante. Felix e Philip, aiutati anche dalla figlia di quest’ultimo avuta con Belle, Charlotte (interpretata da Corinne Clery) uniranno dunque le loro forze, e inizieranno a mettere a segno una serie di truffe. Prima riescono a mettere in scacco un atelier di alta moda, quindi riescono a truffare un gioielliere, e alla fine in un Casinò sfruttano la loro abilità di bari per approfittare di una coppia di incalliti giocatori. Tutto questo per mettere insieme il capitale necessario per tirare l’ultimo grande tiro mancino a Belle Duke. La donna viene infatti convinta di poter acquistare un terreno sotto il quale sarebbe nascosta una sterminata necropoli antica, in cui sarebbero nascosti tesori di inestimabile valore.

Belle cade nella trappola e accetta di trattare, sperando di poter mettere le mani sul ricchissimo bottino e mettere dunque a segno l’affare della sua vita. Per cento milioni di franchi, Philip Bang riesce dunque a trovare l’accordo con Belle Duke per la cessione del terreno: nel frattempo Charlotte accompagna Felix a recuperare dei diamanti che sarebbero dunque il vero e unico obiettivo dei truffatori. Felix decide però di alzare la posta, ed inscena il rapimento di Charlotte per convincere Belle Duke a consegnare subito i cento milioni per la cessione del terreno. La manovra va a buon fine, ed una volta consegnato l’atto del terreno fasullo, dove non c’è naturalmente nessuna necropoli sepolta né tantomeno nessun tesoro, Felix recupera Philip Bang in fuga dalla furiosa Belle. Quello che è ormai un trio di truffatori professionisti, composto da Philip, Felix e Charlotte, fugge così via in aereo, essendo riusciti a piazzare il miglior colpo della loro vita. A Belle Duke, che li guarderà volare via dal basso dal terreno da lei stessa comprato a peso d’oro, non resterà che rammaricarsi per la propria ingordigia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori