QUINTA COLONNA/ Giorgia Meloni sullimmigrazione e sullaccoglienza profughi. Replica e riassunto puntata 21 settembre 2015: video streaming

- La Redazione

Quinta Colonna, replica e riassunto puntata 21 settembre 2015: ecco come vederla o rivederla sul web grazie al servizio di video streaming disponibile su Video Mediaset

quintacolonna_DelDebbioR439
Quinta Colonna

Ieri sera a Quinta Colonna Paolo Del Debbio ha aperto la puntata con un’intervista a Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia e Alleanza Nazionale. Quest’ultima ha voluto parlare di immigrazione e ha fatto notare come l’Europa redarguisca l’Italia, ma non è che la Germania abbia avuto un buon atteggiamento finora. Dopo quella che era sembrata un’apertura, i confini tedeschi sono infatti chiusi attualmente come quelli ungheresi e la sola che rimane aperta è l’Italia. Inoltre la Merkel ha deciso di accogliere solo profughi siriani e non tutti gli altri. Abbiamo visto tante immagini di bambini in questi giorni e la Meloni ritiene non si debba fare politica su questo. Ci sono però anche le foto dei piccoli massacrati in Iraq o delle bambine violentate prima di essere uccise. Questa gente non scappa da una calamità naturale, ma dall’Isis e la comunità internazionale potrebbe fare qualcosa e non limitarsi a preoccuparsi solo di di chi arriva ai nostri confini, ha detto la Meloni.

L’Europa deve mettersi una mano sulla coscienza e andare a combattere l’Isis, che non è nemico solo di questa gente, ma anche dell’Europa stessa. La troupe di Quinta Colonna è andata intanto al Cara di Mineo a vedere cosa succede, con tempi di attesa lunghissimi per un permesso, tanto che molti decidono di scappare in altri Paesi. Il recinto che costeggia tutta l’area del campo è tagliato in diversi punti e gli immigrati riescono ad uscire, tanto che di notte si incontrano in giro per le strade. La Meloni ha fatto notare in proposito che si parla sempre solo di profughi, ma quando abbiamo gli sbarchi la maggior parte delle persone che arrivano non sono profughi ma clandestini. Queste persone sono poi rifiutate dall’Europa e restano per mesi nei centri di accoglienza a causa di procedure troppo lunghe. Questo produce delinquenza e non potrebbe essere altrimenti. Alla fine dell’intervista, Del Debbio ha regalato alla Meloni un piccolo plastico del Colosseo, in riferimento al caos dei giorni scorsi, ed ha poi lanciato una clip sui Casamonica a Roma e sui funerali di Vittorio. Si è discusso infatti anche di questo stasera a Quinta Colonna, insieme agli ospiti presenti in studio, tra cui la stessa Giorgia Meloni, Roberto Marcato, assessore regionale della Lega Nord, Mario Giordano, Don Pietro, Rettore di Sant’Eustachio, l’onorevole Gianfranco Librandi di Scelta Civica e Matteo Ricci.

Il funerale di Vittorio Casamonica è stato un vero e proprio show, che ha portato la famiglia persino in tv, fin su Rai Uno. Il sindaco di Oristena, in Calabria, e Bozzolo in provincia di Mantova sono venuti in trasmissione per fare le loro richieste. Il primo ha rivendicato il diritto a curarsi dei suoi cittadini, chiedendo di non chiudere l’ospedale, mentre il secondo si è concentrato sulla sicurezza del territori, uno degli aspetti che gli stanno più a cuore. Si parla ad esempio dell’abolizione dei passaggi a livello, che vanno eliminati e sostituiti da sottopassaggi. Per cominciare si è discusso di IMU e delle nuove dichiarazioni del Papa in merito alla necessità che alcuni istituti religiosi paghino la tassa. In Italia se ne è discusso poco perché in molti hanno fatto orecchie da mercante. Il Pontefice si è rivolto in particolare alle strutture ricettive della Chiesa. Solo su Roma 19 milioni di euro sono stati evasi. In Piazza a Santa Marina di Camerota (SA) Francesca Carollo è andata ad ascoltare le lamentele dei cittadini. Pare che sindaco e parroco non vadano d’accordo su nulla. Roberto Poletti era invece in collegamento con la sede del PD di Varese. Da qui un giovane fa sapere che secondo lui è giusto che anche le strutture della chiesa paghino l’IMU. Alcuni diretti interessati, però, sostengono che sia solo un modo per diffamare gli istituti religiosi. Don Pietro ha spiegato come a Sant’Eustachio ogni giorno venga dato da mangiare ai poveri, dalla pasta al dolce. Riguardo agli istituti religiosi, il sacerdote ha voluto spezzare una lancia a favore di queste strutture che spesso accolgono persone che mandate da lui che hanno bisogno.

La carità, ha detto Don Pietro, non fa notizia purtroppo. A seguire si è parlato di disabilità e della rabbia delle mamme dei bimbi speciali. Sveva Belviso “L’altra destra” ha detto che ci sono 400 milioni di bimbi disabili in Italia e accusa il Governo di non fare nulla per loro. La discussione si è accesa con Gianfranco Librandi che, rappresentante dell’attuale governo, non accetta di essere criticato. Librandi sostiene che questo sia il Paese con la miglore sanità di tutta l’Europa. Tornati a parlare di immigrazione, ecco che si è ripreso il caso di Giulio Salvi, l’albergatore che fa i soldi ospitando gli immigrati. Roberto Marcato sostiene che chi parte dall’Africa e paga dai 3 ai 5 mila euro per rischiare la vita in un barcone perché non usa quei soldi e va direttamente con un aereo in Germania? Perchè vengono in Italia clandestinamente? Del Debbio ha poi intervistato un imprenditore di Parre che ha raccontato di come lui ed altri abbiano acquistato un hotel abbandonato per evitare che fosse destinato all’accoglienza degli immigrati. Adesso la struttura verrà utilizzata a fini socialmente utili per la comunità locale che è piuttosto piccola, di non più di tremila abitanti. In studio si è accesa poi una discussione, con Matteo Ricci che accusava la Lega Nord in generale e Roberto Mercato nello specifico di non interessarsi ai problemi degli immigrati e di voler fare soltanto propaganda per accaparrarsi altri voti.

Replica Quinta Colonna, puntata 21 settembre 2015: come vederla in video streaming – E possibile vedere o rivedere la puntata di Quinta Colonna in onda ieri, 21 settembre 2015, grazie al servizio di video streaming disponibile su Video Mediaset, cliccando qui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori