LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE 2/ Seconda stagione, anticipazioni e news: un video raccoglie i momenti più belli della fiction di Pif

La mafia uccide solo d’estate 2, anticipazioni seconda stagione e news: in attesa di scoprire quali saranno le novità della nuova serie, un video raccoglie le immagini più belle delle…

21.12.2016 - La Redazione
Mafia_uccide_solo_estate_LaPresse_r439
La mafia uccide solo d'estate (LaPresse)

Dopo il grande successo dell prima stagione, gli addetti ai lavori sono già alle prese con la realizzazione de “La Mafia uccide solo d’estate 2”, una fiction che racconterà le vicende del piccolo Salvatore all’indomani della morte di Boris Giuliano, un omicidio molto cruento che ha costretto la famiglia Gimmaresi a organizzare una improvvisa fuga da Palermo. In attesa di scoprire quali saranno tutte le altre novità della nuova stagione, gli attori hanno ringraziato tutto il pubblico di Rai 1 con un video che raccoglie le immagini più belle di questa stagione. Nel filmato, quindi, è possibile vedere Massimo e Patrizia, il piccolo Sebastiano con la sua nuova divisa del Palermo, Boris Giuliano che abbraccia i suoi figli e la famiglia di Tore al gran completo. Li rivedremo tutti anche in tv? Se vi siete persi il video condiviso poche ore fa dalla fan page ufficiale della fiction, potete cliccare qui. 

La mafia uccide solo d’estate 2 diventerà presto una realtà, e dopo l’arrivederci di ieri sera il pubblico della fiction ispirata all’omonimo film di Pif il pubblico freme già dalla voglia di ritrovare ciascuno dei protagonisti in scena, per nuove avventure. La curiosità è grande in merito innanzitutto ai Giammarresi: Lorenzo ha deciso che testimonierà contro la mafia nel processo per l’omicidio di Boris Giuliano, e dunque la famiglia – ormai minacciata da Cosa Nostra – ha dovuto abbondare la città. Anche Massimo, dopo aver giurato la sua fedeltà alla criminalità organizzata, ha deciso di non uccidere l’uomo che sarebbe dovuto essere la sua prima vittima: lo ha lasciato scappare confessando tutto alla moglie Patrizia. L’attore che veste i suoi panni, prima della messa in onda dell’ultimo episodio, ha commentato su Facebook in merito alla serie: “…. una serie che a mio parere (e non solo) sta facendo la storia dell’intrattenimento socioculturale in tv, un meraviglioso mix di sorrisi e pugni allo stomaco con un livello autoscale, registi ed interpretativo strepitoso…”. Ora, non resta che attendere per scoprire le anticipazioni più dettagliate in merito alla già annunciata (da Pif in persona) seconda seconda stagione. Clicca qui per vedere il messaggio di Francesco Scianna direttamente dalla sua pagina Facebook ufficiale.

I fans rimpiangono già le avventure della famiglia Giammarresi e le serate trascorse davanti alla tv per guardare le puntate de “La mafia uccide solo d’estate”. Dopo l’ultima puntata che ha visto Salvatore ribellarsi alla mafia e riprendersi la città di Palermo, sul web, sono davvero tanti gli utenti che aspettano notizie sulla seconda stagione della famosa fiction di Raiuno. Un successo senza precedenti che ha sorpreso la produzione de “La mafia uccide solo d’estate” ma anche gli stessi attori. Il giorno dopo l’ultima puntata, sulla pagina ufficiale della fiction scritta da Pif, arrivano i ringraziamenti ufficiali per i fans che hanno seguito in massa le puntate. “Grazie, grazie, grazie per averci seguito in tantissimi! Gli ultimi due episodi sono online su RaiPlay Non resta che continuare a guardarli!”, si legge su Facebook. Non ci resta, dunque, che aspettare La mafia uccide solo d’estate 2.

Due dei personaggi più amati de La mafia uccide solo d’estate sono state sicuramente Angela e Patrizia interpretate rispettivamente da Angela Curri e Valentina D’Agostino. La prima, figlia di Lorenzo e Pia, è stata la protagonista delle storie d’amore che hanno appassionato il pubblico. Sognatrice e romantica, Angela è stata prima delusa e poi premiata dall’amore di Marco che ha saputo aspettarla ma anche farsi rimpiangere. Patrizia, invece, è la moglie di Massimo: la donna che chiude gli occhi per amore del marito ma che si ribella quando pensa di essere tradita. Due protagoniste femminili molto diverse tra loro che, tuttavia, hanno non solo conquistato il pubblico ma sono diventate anche molto amiche. “La mia ragazza preferita”, scrive Valentina D’Agostino pubblicando una foto su Instagram con Angela Curri. Bellissime e bravissime, il pubblico spera di rivedere entrambe ne La mafia uccide solo d’estate 2. Le storie da raccontare sono ancora tante e sicuramente le due attrici confermeranno a breve la loro presenza. Patrizia, infatti, dovrà restare accanto a Massimo il cui futuro è avvolto dal mistero dopo la denuncia fatta da Lorenzo alla polizia mentre Angela spera di poter vivere il suo amore con Marco. In attesa delle parole ufficiali delle due attrici, cliccate qui per vedere il post.

Il finale di stagione de La mafia uccide solo d’estate ha vinto ancora una volta. L’ultima puntata della fiction di Raiuno ha incollato davanti ai teleschermi 4.874.000 spettatori pari al 19.6% di share. Un risultato che conferma l’enorme successo ottenuto dalla fiction ispirata al film di Pif “La mafia uccide solo d’estate”. Un successo che ha convinto la produzione e Raiuno a realizzare la seconda stagione. Le riprese della seconda stagione de La mafia uccide solo d’estate cominceranno la prossima estate. Il pubblico che ha apprezzato l’ironia e la leggerezza con cui la fiction è stata in grado di raccontare un argomenti serio come la mafia spera di poter rivedere sul piccolo schermo tutti gli attori che si sono calati perfettamente nei panni dei personaggi. Un grandissimo successo non solo in tv ma anche sui social che Pif spera di ripetere anche nella prossima stagione.

La mafia uccide solo d’estate ha conquistato davvero tutti. Il finale di stagione in cui il piccolo Salvatore si ribella alla malavita organizzata, deciso a riprendersi Palermo, ha commosso ed emozionato i telespettatori che, dopo aver accolto con gioia la notizia della realizzazione della seconda stagione, ha espresso il proprio entusiasmo per la fiction sui social. Su Twitter, in particolare, sono davvero tanti i commenti per tutti coloro che hanno contribuito a realizzare una fiction che è riuscita a trattare in modo leggero un argomento serio come la mafia. “La Mafia Uccide Solo D’estate una delle più belle serie fatte degli ultimi anni. Bravissimi tutti”, “La mafia era una guerra, e non la dovevano vincere loro. Pif sei un grande. Serie Unica”, “Il giorno dopo La Mafia Uccide Solo D’estate: è stata una delle cose più belle e gradevoli offerte dal servizio pubblico in questi ultimi tempi”, “La Mafia Uccide Solo D’estate bellissima la storia, i personaggi, l’ironicità. Voto 10 e lode. Complimenti e grazie Pif”, “La Mafia Uccide Solo D’estate Qualcosa per cui valga finalmente pagare il canone”, “Dopo La Mafia Uccide Solo D’estate, tutte le altre serie che in passato hanno affrontato l’argomento sanno già di anacronistico”, “Pif tra le tante parole che mi sono passate per la testa, guardando La Mafia Uccide Solo D’estate, te ne dico una: “GRAZIE!!!”, scrivono gli utenti. Cliccate qui per leggere tutto.

Buone notizie per i fans de La mafia uccide solo d’estate, la fiction di Raiuno ispirata al film di Pif che è riuscita a raccontare in modo leggere e ironico un argomento serio come la mafia. Una fiction definita dai telespettatori una delle più belle dell’ultimo anno al punto che è già stata annunciata la seconda stagione. Come vi abbiamo già raccontato (leggete in basso), La mafia uccide solo d’estate 2 dovrebbe raccontare alcuni dei fatti di cronaca più importanti accaduti negli anni ’80. Al momento, tuttavia, la trama delle prossime puntate è top secret così come il cast. Il pubblico chiede a gran voce la conferma di tutti gli interpreti, considerati un valore aggiunto della fiction ma, ad oggi, nessuno degli attori ha confermato la propria presenza nella seconda stagione. Sicuramente, però, non ci saranno brutte sorprese. Da Anna Foglietta a Claudio Gioè fino a Francesco Scianna, il pubblico ha promosso a pieni voti tutti i protagonisti, capaci di rendere reali le storie raccontate. A breve, dunque, arriverà l’annuncio ufficiale anche sul cast de La mafia uccide solo d’estate 2?

La fortunata serie televisiva ispirata all’omonimo film di Pif dal titolo “La mafia uccide solo d’estate” si è conclusa ieri, quando Rai 1 ha trasmesso in prima serata l’ultimo appuntamento della stagione. La famiglia Giammaresi ha ottenuto finalmente la nuova casa tanto sognata, ma questo è stato possibile solo grazie a Lorenzo, che alla fine ha deciso di scendere a compromessi con la mafia. La nuova vita dei protagonisti, quindi, ha assunto sin da subito un gusto più amaro, soprattutto per il capo famiglia, incapace di sopportare il peso dei sensi di colpa per il piccolo favore fatto ai clan locali. Questo aspetto, in qualche modo, lo ha reso molto simile al suo amato e odiato cognato Massimo, che ha giurato fedeltà alla mafia, ma ha scelto di non sporcarsi le mani con il sangue di vite innocenti. Massimo è forse il personaggio che più di tutti ha subìto una crescita nel corso della serie. Da forestale svogliato, con il chiaro interesse di dare una svolta alla sua vita pur di sentirsi finalmente qualcuno, si è ritrovato alle prese con un fenomeno più grande di lui, quello di Cosa Nostra. Ma la sua onestà, alla fine, ha preso il sopravvento sulla spavalderia e lo ha reso un vero eroe, regalando al pubblico un finale che nessuno si aspettava. E poi c’è salvatore, il piccolo protagonista di questa serie, che a causa della mafia ha già perso qualcuno per lui molto importante: Boris Giuliano. Testimone oculare del suo omicidio, viene protetto da su padre, che spinto dal senso di giustizia ha deciso di testimoniare al posto suo. Questo gesto così improvviso ha creato dei grossi guai alla famiglia Giammaresi, che si è ritrovata a dover lasciare Palermo in fretta e furia per evitare possibili ritorsioni da parte dei clan. Proprio quando sta per dire addio a Palermo, però, Tore comprende finalmente il significato della parola mafia e, determinato a non perdere quanto di più bello possa offrirgli la sua città, fugge dal traghetto e dalla nuova vita che lo aspetta in continente per raggiungere la sua amata Alice.

Eletta sui social come una delle più belle serie tv del nostro piccolo schermo, la seconda stagione de La mafia uccide solo d’estate sembra quasi un atto dovuto verso i telespettatori, che in queste settimane hanno dimostrato un forte apprezzamento. Un successo che ha confermato gli ascolti da record, con una media di 6 milioni di spettatori a puntata. La direzione della fiction, ad opera di Luca Ribuoli, ha saputo mantenersi costante nel tempo, anche se un piccolo callo si era registrato attorno al terzo episodio. Lo share registrato ieri sera, durante la messa in onda della quinta e penultima puntata, si aggira sul 20,1%. La concorrenza forte di Canale 5, che invece ha optato per Selfie – Le cose cambiano, il programma condotto da Simona Ventura, ha conquistato solo il 16,5% di share e oltre 1 milione di telespettatori in meno. Come sottolinea Il Secolo XIX, proprio in base a questo forte successo, il pubblico richiede a gran voce sui social che arrivi presto la seconda stagione: “Pif, fai in fretta. Lavora notte e giorno. Muoviti. Scrivi la seconda stagione. Tempo zero”; “il film è bello ma con la serie ti sei superato”; “una vera serie rivelazione dell’anno, complimenti!”; “serie strepitosa, bravissimo! Dolce, divertente e amara, hai saputo mixare il tutto in modo fantastico!”.

Pif lo ha confermato: La mafia uccide solo d’estate 2 si farà e anzi, se la fiction dovesse continuare a piacere si farà addirittura una trilogia, che andrà a coprire una parte di storia d’Italia fino al 1992. Probabilmente nella prossima stagione della serie la Rai tratterà alcuni fatti di cronaca famosi avvenuti negli anni ottanta e che hanno avuto come protagonista (negativo) Cosa Nostra: come l’omicidio di Piersanti Mattarella, il presidente della Regione Sicilia, avvenuto nel 1980 e inizialmente attribuito ai Nuclei armati rivoluzionari (Nar, un’organizzazione neofascista attiva negli anni di piombo), o quello del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, assassinato nel 1982. Uno degli omicidi che destò più scalpore nell’opinione pubblica fu quello di Claudio, un bambino di 11 anni ucciso perché presunto testimone di traffici illeciti: la pista mafiosa non è mai totalmente provata anche se sono stati in molti a pensare che dietro il brutale omicidio (avvenuto con lo stile dell’esecuzione) ci fosse Cosa Nostra. Questi fatti di cronaca troveranno spazio ne La mafia uccide solo d’estate 2? Aspettiamo di sapere di più sulla trama della seconda stagione per scoprirlo! 

L’ultima puntata de La mafia uccide solo d’estate procede con la storia di Massimo, che ha una rivelazione sconvolgente da fare a Patrizia. In una notte un po’ turbolenta, infatti, l’uomo la porta in un vecchio casolare, dove tiene nascosto l’uomo che avrebbe dovuto uccidere assieme a sua moglie. Massimo organizza la loro fuga in gran segreto e Patrizia, commossa da questo gesto, sceglie quindi di restare al suo fianco. Salvatore, in occasione di una fuga notturna, riesce a passare una serata romantica con Alice. I due ballano assieme e si scambiano anche un dolce bacio. Ma Tore vuole di più e chiede ad Alice di fuggire assieme a lei. Pia, intanto, rivela a Lorenzo di conoscere il suo segreto, per questo motivo la famiglia Giammaresi decide di lasciare la nuova casa, ma se i loro problemi sembrano essere ormai terminati, la stessa cosa non si può dire per Massimo: il clan ha infatti scoperto che Lorenzo ha scelto di testimoniare per il caso dell’omicidio di Boris Giuliano e vuole colpire la loro famiglia. I Giammaresi, quindi, sono costretti a lasciare in fretta e furia Palermo e proprio ora che salvatore ha capito cosa sia la mafia, fugge dal traghetto: non vuole rinunciare all’amore di Alice a causa di cosa Nostra.  

Le pene d’amore di Angela sono al centro di questa puntata di La mafia uccide solo d’estate, Marco, infatti, ha scelto Simonetta e non perde mai occasione per baciarla. Salvatore, intanto, assiste impassibile alla partenza di Alice, ma alla fine il ricordo delle parole di Boris Giuliano lo spingono a fare qualcosa e così si convince a farsi avanti. Pia cerca di scoprire cosa nasconda suo fratello e alla fine intuisce che il suo nuovo lavoro ha a che fare con l’amicizia con Tommasino. Massimo, di fronte alle accuse di sua sorella, si infuria e le rivela il segreto che lega Lorenzo alla loro nuova casa. Patrizia, intanto, continua a credere che suo marito le nasconda una relazione extraconiugale e, nel corso della notte, il fatto di vederlo con un’altra conferma i suoi sospetti. Massimo cerca in tutti i modi di farsi perdonare, ma non c’è verso: la donna non crede più alle sue parole. I sensi di colpa, intanto, continuano a dominare i pensieri di Lorenzo, che vuole ascoltare ancora una volta ogni dettaglio di ciò che Salvatore ha visto. Angela, invece, riesce a trovare il coraggio di parlare con Marco, ma al suo arrivo in spiaggia lo trova in mare aperto con Simonetta. Per dichiarargli il suo amore ruba quindi un megafono e il ragazzo, ascoltando la sua dichiarazione, si tuffa in mare per raggiungerla e baciarla.  

Nell’ultima puntata de La mafia uccide solo d’estate, Marco riesce finalmente a prendere in mano la cornetta e a dichiararsi ad Angela, ma spinto dalla cocciutaggine della ragazza, finisce per urlare. Angela si indigna, e così anche Marco, che agganciato il telefono dà un bacio a Simonetta. Salvatore, intanto, si reca all’appuntamento con Boris Giuliano, che dopo aver parlato con lui raggiunge il bar dove i sicari di Cosa Nostra lo aspettano per ucciderlo. Salvatore è sconvolto e corre fra le braccia di suo padre: ha visto tutto ed è turbato, ma l’uomo, terrorizzato dalle conseguenze, gli chiede di non parlare mai con nessuno di questa storia. Due giorni dopo, Palermo dice addio a Boris Giuliano con i funerali di stato. Salvatore resta a casa su richiesta dei suoi genitori, mentre Lorenzo decide di partecipare ma resta impressionato dalla grande onestà che traspare dalla figura del defunto. Salvatore, intanto, continua a farsi delle domande a cui nessuno riesce a rispondere: crede che dire la verità potrebbe dare una mano alle indagini, ma ancora una volta suo padre decide di proteggerlo. 

I protagonisti de La mafia uccide solo d’estate riescono a rintracciare il piccolo Sebastiano. In loro aiuto arriva anche Boris Giuliano, che trova le parole giuste per mostrare al bambino la triste vicenda di suo padre da un’altra prospettiva. La pace fra i ragazzi finalmente è fatta, ma il capo della squadra mobile di Palermo fa una nuova promessa al piccolo Salvatore: presto discuteranno assieme della partenza di Alice. Giuliano, intanto, saluta la sua famiglia, che si appresta a partire per le vacanze. Massimo, intanto, su richiesta di Tommasino, deve compiere il suo primo delitto, di conseguenza rapisce in piena notte la sua vittima, ma non ha fatto i conti con Patrizia, che comincia a guardare con sospetto le sue numerose assenze. Pia, intanto, si scusa ancora con Lorenzo per il male che gli ha causato, ma suo marito è determinato a non parlare più della loro crisi: da adesso in poi dovranno solo pensare al futuro. Ma le strane domande di Pia sul nuovo appartamento, lo mettono in imbarazzo. Salvatore e Angela, nell’ultima notte passata nella loro vecchia casa, parlano d’amore, ma il piccolo protagonista ha ancora tante domande senza risposta. 

È l’estate del 1979 a essere al centro dell’ultima puntata della fiction La mafia uccide solo d’estate. Boris Giuliano scopre che la Sicilia è diventata una raffineria di droga e comincia a indagare sui traffici che raggiungono direttamente gli Stati Uniti, questa inchiesta, però,  lo porta a ricevere diverse minacce di morte da parte di Totò. La famiglia Giammaresi, intanto, si trasferisce nella nuova casa, ma Lorenzo fa i conti con la propria coscienza, che non gli consente di vivere in maniera felice questo momento. Salvatore, intanto, cerca di mettersi in contatto con Sebastiano, ma la madre gli rivela che il bambino è fuggito via senza dare alcuna spiegazione. Marco, intanto, non riesce ancora a dichiarare i propri sentimenti ad Angela, ma lascia che al suo posto sia la musica a parlare. Tuttavia, la presenza di Simonetta nella vita del ragazzo comincia a creare un po’ di problemi ad Angela, che finalmente si rende conto di avere al suo fianco una persona molto speciale. Stasera assisteremo al tanto atteso lieto fine? Forse sì, ma intanto per Massimo l situazione si complica.

La fiction dal titolo La mafia uccide solo d’estate si concluderà stasera con un doppio appuntamento, che racconterà, per l’ultima volta le vicende della famiglia Giammaresi alle prese con un fenomeno sconosciuto ai più, ma che molti chiamano “Cosa Nostra”.  Assisteremo alla tragica morte di Boris Giuliano, capo della squadra mobile di Palermo e grande amico del piccolo Salvatore, ma allo stesso tempo arriveranno nuovi problemi per Massimo, per il quale sarà sempre più difficile nascondere la sua appartenenza alla criminalità organizzata. La sua Patrizia inizierà a fiutare qualcosa, ma si convincerà che dietro agli strani comportamenti di suo marito potrebbe esserci la presenza di un’amante. Nel corso della puntata ci sarà inoltre un duro scontro fra Massimo e Lorenzo, due cognati così diversi ma che tanto hanno dato a questa fiction. Sul web l’attesa per l’ultimo episodio è molto alta, segno del grande coinvolgimento del pubblico nei confronti della serie tratta dall’omonimo film di Pif. Ecco alcuni commenti lasciati in rete negli ultimi minuti: “So già che #LaMafiaUccideSoloDestate da domani mi mancherà tanto”, “Speriamo in una nuova serie grandissimi #LaMafiaUccideSoloDestate”, “Complimenti @pif_iltestimone #LaMafiaUccideSoloDestate e’ un racconto semplice spesso drammatico ma al contempo divertente della #mafia”.

La gioia della famiglia Giammarresi nel mettere finalmente piede nella casa nuova che Lorenzo ha acquistato per tutti sarà davvero incontenibile: La mafia uccide solo d’estate, la fiction di Rai 1 con Claudio Gioè e Anna Foglietta tratta dal film omonimo di Pif, è pronta per tornare in scena stasera – martedì 20 dicembre 2016 – a partire dalle 21.20. Il video promo condiviso sulla pagina Facebook ufficiale della serie, mostra Pia orgogliosa della nuova sistemazione, mentre afferma felice che lì l’acqua non mancherà di certo. Ma il capofamiglia non è riuscito ad ottenere quello che a lungo hanno desiderato in modo completamente pulito: si è compromesso e ha osato troppo, e Massimo – ormai vicino a Cosa Nostra (ma non per questo meno spaventato), dopo il periodo passato in carcere – si arrabbierà moltissimo con il cognato per quello che ha fatto. Il piccolo Salvatore, invece, durante questo ultimo appuntamento, arriverà a chiedere direttamente a Lorenzo ‘chi sono i mafiosi?’, e sembra che troverà anche il mondo di fare dei bellissimi saluti ad Alice, la sua compagna di classe in partenza… Clicca qui per vedere il video promo dell’ultima puntata de La mafia uccide solo d’estate direttamente dalla pagina Facebook della serie. 

Stasera sull’ammiraglia Rai andrà in l’ultima puntata de La Mafia uccide solo d’estate, la serie TV tratta dall’omonimo film di Pif prodotta da Rai Fiction e Wildside e diretta da Luca Ribuoli. Chiara De Bonis, è stata intervistata per restoalsud.it e, nella fiction interpreta il ruolo della maestra Gabriella. “Pur essendo un ruolo piccolo, mi sembrava avere una grande importanza rispetto al messaggio legato alla fiction, ovvero il credere in ideali di giustizia e verità e combattere per questi”, ha raccontato l’attrice spiegando il motivo che l’ha spinta ad accettare il suo ruolo. Di seguito, ha anche raccontato il suo personaggio: “Uno sceneggiatore direbbe che il mio personaggio non ha una linea trasversale, ossia non sappiamo nulla della sua vita personale o di quello che le accade nel momento in cui lascia l’aula di insegnamento”. In ultimo, l’attrice ha provato a spiegare come mai la serie ha avuto tanto successo e, tra le altre cose vi è la capacità di parlare di temi molto forti ed importanti in chiave ironica. E, per quanto riguarda il messaggio de La Mafia uccide solo d’estate, il tentativo appare quello di debellare la mentalità mafiosa partendo dalla purezza di un bambino e la sua disincantata onestà intellettuale.

Solo un giorno di pausa per la fiction La mafia uccide solo d’estate, tratta dall’omonima pellicola di Pif e pronta a tornare in scena oggi, martedì 20 dicembre 2016, in prima serata Rai 1 con i due episodi che andranno a chiudere la prima stagione. Tempo di gran finale, dunque, per la serie: andiamo a scoprire qualche anticipazione. Dopo aver lottato a lungo, la famiglia Giammarresi è riuscita finalmente ad ottenere il mutuo per comprare la sua nuova casa, e arriverà dunque il momento di trasferirsi lì. Il giovane Salvatore, figlio di Lorenzo e Pia, dovrà trovare il modo di confessare i suoi sentimenti alla compagna di classe di cui è invaghito sin dal primo giorno: la giovane Alice, infatti, sta per partire per la Svizzera. Ce la farà il piccolo Giammarresi a portare a termine quello che si era prefissato? Nel frattempo, però, Salvatore cerca di dare il suo sostegno all’amico Sebastiano, che ha scoperto il segreto del padre…

Il secondo appuntamento de La mafia uccide solo d’estate che verrà trasmesso stasera, martedì 20 dicembre, sul piccolo schermo di Rai 1 sarà anche quello che andrà a chiudere la prima stagione. Massimo si troverà, a quanto sembra, nei guai fino al collo: Patrizia, la sua giovane moglie, arriverà a credere che la stia tradendo, ma in realtà – come il pubblico ben sa – il suo segreto è molto più oscuro. Il fratello di Pia è colluso con la mafia ormai, ma si renderà conto che non può vivere in quel modo: per lui le cose si metteranno male? 

Con una bellissima metafora nella sua “La mafia uccide solo d’estate”, Pif riesce a raccontare con delicatezza e poesia la frantumazione dei sogni di gloria dei personaggi in parallelo alla sconfitta del Palermo contro la Juve nell’atteso match di Coppa Italia. La maggior parte dei protagonisti avevano implicazioni personali in quella partita: d’amore, finanziarie, di velleità personali. Invece il triste epilogo del Palermo sconfitto dalla Juve è lo specchio dell’impossibilità di cambiare le cose e il fallimento annunciato degli ideali. I vinti de La mafia uccide solo d’estate non hanno nessuna possibilità di riscatto, hanno solo la sensibilità, l’ironia e la classica “fallibilità” umana a renderli così speciali e particolari. Lo sguardo dell’autore però non è mai cinico e distaccato nei confronti dei suoi personaggi: Pif partecipa empaticamente con ognuno di loro e riesce a renderne confusione e motivazioni, anche dei comportamenti più incoerenti. – Lorenzo Giammarresi nella penultima puntata de “La mafia uccide solo d’estate” impara a fare i conti con la realtà che gli fa più paura, ovvero il compromesso. Il capofamiglia si arrende al “favore” che farà a Guarnieri, il padre di Alice, per avere un mutuo. E si arrende alle “corna” (o quasi tali): un uomo di ideali puri avrebbe respinto la moglie per sempre, ma Lorenzo al fascino di Pia, alle camicie stirate ma soprattutto ai propri sentimenti per lei non sa rinunciare. Piegato (d)al compromesso, Lorenzo ammette la sua sconfitta. Intanto Salvatore, a scuola, nel suo tema parla di felicità come ragione di vita. Con delicatezza Pif racconta uno spaccato dolceamaro (forse più amaro che dolce), tratteggiando i personaggi con forza e vivacità e rendendoli il piatto forte di questa splendida prima stagione. A questo punto, non ci resta che (come si augurano molti sui social) aspettare la seconda. 

La mafia uccide solo d’estate torna il 19 e 20 dicembre con un doppio appuntamento che accompagnerà i telespettatori nell’epilogo di questa prima fortunatissima stagione. È raro trovare qualcuno che parli male della serie di Pif, tratta dal successo cinematografico omonimo uscito nel 2013. In questa penultima puntata vedremo Palermo fermarsi e attendere con ansia la finale di Coppa Italia, Palermo-Juventus. Lorenzo è particolarmente in agitazione per le sorti della partita perché, grazie al papà di Alice, è riuscito ad avere una possibilità per ottenere l’agognato mutuo. Ma la squadra perde e Lorenzo deve arrendersi, mentre intanto Massimo, che è stato fatto entrare da Tommaso Buscetta in Cosa Nostra, si rende conto della pericolosità della cosca mafiosa. Nel secondo episodio invece si parlerà di gelosia, di compromessi, di elezioni politiche e della presa di coscienza di Massimo nei confronti dell’organizzazione che lo ha fagocitato.  – Nel primo episodio de “La mafia uccide solo d’estate” in onda il 19 dicembre, la città è in fibrillazione per la Coppa Italia, che vede i giocatori del Palermo impegnati nella sfida impossibile contro la Juventus. I palermitani, eccitatissimi, credono davvero che quella vittoria avrebbe potuto cambiare la storia della città. Ovunque non si parla d’altro, dalla chiesa alla scuola ai parrucchieri fino all’ufficio anagrafe. Lorenzo si fa trascinare dai colleghi in una scommessa sulla vittoria del Palermo, con cui potrebbe vincere l’anticipo per la casa. Nel frattempo, Pia è ancora scossa per aver perso la posizione di insegnante di ruolo e, allo stesso tempo, è confusa dal collega Antonio Ayala che le propone di scappare insieme. Lorenzo va in chiesa a pregare Dio che faccia vincere il Palermo, in modo da poter comprare la casa e togliere una volta per tutte il malumore a Pia. Davanti all’altare Lorenzo incontra la moglie, che è venuta a chiedere che le vengano chiarite le idee.  – Lorenzo Giammarresi, nel primo episodio de “La mafia uccide solo d’estate” in onda il 19 dicembre, sta perseguendo il proprio sogno verso il mutuo. Dopo aver fatto un favore ad Alice, il padre della ragazzina chiede a Lorenzo come sdebitarsi ed è pronto a concedergli un mutuo: i due decidono di parlarne proprio durante la partita Palermo-Juventus e Lorenzo si precipita ad avvisare la moglie della serata. Massimo intanto entra a far parte di Cosa Nostra, introdotto da Tommaso Buscetta, e conosce i cugini Salvo che lo assumono a lavorare per loro. L’uomo, uscito di prigione, è felicissimo ma nessuno (tranne Lorenzo) può immaginare quanto sia entrato a far parte della mafia. Dopo una serata con lui e Patrizia, Pia e il marito litigano e lei si rifiuta di fare l’amore. Lorenzo però sogna quanto cambierà la loro vita dopo l’aiuto del padre di Alice a ottenere il mutuo. Arriva finalmente il giorno della partita e tutti sono in agitazione per quello che potrebbe comportare per loro.  – Nella puntata del 19 dicembre de “La mafia uccide solo d’estate” abbiamo visto la città fibrillare per la Coppa Italia, Palermo vs Juventus. I sogni di gloria si sono infranti insieme alla sconfitta del Palermo, soprattutto quelli di Lorenzo che ha scommesso parecchi soldi sul match, per l’ossessione del mutuo. Ma il Palermo è stato sconfitto e Pia ha affrontato l’ultimo giorno di scuola, al termine del quale Ayala le ha dedicato il suo amore in lacrime e Lorenzo, non visto, ha visto tutto. Si passa al secondo episodio, incentrato sulle prossime elezioni politiche. Nello scenario, ovviamente, s’inseriscono i vari piani mafiosi. Intanto Salvo e i suoi amici si preparano all’esame di quinta elementare, con l’ansia di venire bocciati. Lorenzo nel frattempo non riesce a togliersi dalla testa il sospetto che la moglie Pia lo tradisca. Di notte, l’uomo si aggira per la casa alla ricerca di prove; di giorno, pedina Pia. Che se ne accorge e nega tutto.  – Nella puntata del 19 dicembre de “La mafia uccide solo d’estate” abbiamo visto prima la città impazzire per la partita di Coppa Italia Juventus-Palermo (con la vittoria della squadra campione) e poi, nella seconda, Palermo avvolta dai traffici intorno alle elezioni. A Lorenzo Giammaresi, che sta vivendo un momento di pesante crisi con Pia e ha chiesto un mutuo al dottor Guarneri, padre di Alice (coinvolto nei giri mafiosi), viene chiesto un favore che implica il suo lavoro all’anagrafe. In cambio l’uomo può ottenere il mutuo a un tasso bassissimo, quasi nullo. Lorenzo decide di accettare, pur di avere il mutuo, e recupera una lista di nomi all’assistente di Guarneri. Non sa che l’uomo, parallelamente, sta meditando di neutralizzare Boris Giuliano. Sa però di essersi piegato a un “favore” e sente un grosso peso. Allo stesso tempo, Salvatore vive gli ultimi giorni di scuola con grande malinconia, per la paura di perdere i suoi compagni, in primis Alice.  – Nella puntata del 19 dicembre de “La mafia uccide solo d’estate” vediamo la discesa agli inferi di Lorenzo Giammarresi che, ossessionato dal mutuo, dall’infelicità della moglie e dalla crisi con la stessa, si è rivolto al dottor Guarneri, il papà di Alice, per avere un mutuo. Il mutuo gli è stato concesso ma, in periodo elettorale, Giammarresi ha dovuto fare un favore all’uomo che coinvolge il proprio impiego all’anagrafe. Intanto Pia si strugge di dolore per aver distrutto il proprio matrimonio a causa di un’infatuazione. Nel frattempo il piccolo Salvo e i suoi compagni si dedicano agli esami di quinta elementare. Lorenzo, ferito e arrabbiato per i sentimenti di Pia per il collega, si rifiuta di tornare a casa. In TV si trasmettono solo le elezioni ma Pia ha la testa altrove e pensa solo al marito. Intanto Salvatore viene promosso col massimo dei voti ma scopre con orrore che Alice verrà trasferita in un collegio in Svizzera. Intanto Lorenzo e Pia fanno pace.

I commenti dei lettori