HOUSE OF CARDS 4 / Anticipazioni puntate 16 e 9 marzo: Claire e Frank uniti nella lotta al potere

- La Redazione

House of Cards 4, anticipazioni puntata del 9 marzo 2016, su Sky Atlantic in prima Tv assoluta. Claire entra in politica da sola, Frank lotta contro l’avvesario…

houseofcardsR439
House of Cards - gli intrighi del potere 4 su Sky Atlantic

Mercoledì 16 marzo in prima serata su Sky Atlantic andranno in onda due nuovi episodi, il terzo e il quarto, della quarta stagione di “House of Cards”, la serie tv con Kevin Spacey e Robin Wright. Vediamo le anticipazioni. Nel primo episodio Claire si unisce a Frank per la sua campagna elettorale in  South Carolina, ma l’uomo non si fida più di lei dopo che la moglie lo ha lasciato. Un disastroso scandalo prende alla sprovvista Frank nel giorno delle primarie. Nel quarto episodio Claire minaccia Frank, mentre l’uomo fa una mossa politicamente audace che potrebbe provocare una reazione della Russia.

È un Frank Underwood molto arrabbiato quello che vedremo in House of cards 4, che debutta questa sera su Sky Atlantic con i primi due episodi della nuova stagione. Nel video promo ufficiale in lingua originale ascoltiamo il presidente Underwood esprimere tutta la sua rabbia nei confronti della moglie Claire Underwood, che diventa sua antagonista: “Tu non hai idea di cosa significhi non avere niente, tu non dai valore a quello che abbiamo conquistato, io ho dovuto combattere per qualsiasi cosa ogni giorno della mia vita”. E quando Claire inizia di parlare del futuro che ha visto per loro, Frank ribadisce: “Noi avevamo un futuro, prima che tu iniziassi a distruggerlo”. Clicca qui per vedere il video promo.

Il manipolatore Frank Underwood non poteva che avere il volto di Kevin Spacey, ormai ne siamo convinti. Non tutti gli attori di cinema sono riusciti a portare al successo le serie tv in cui sono stati coinvolti ma per House of Cards è tutto diverso. La serie funziona, tanto da aver ottenuto già una quinta stagione, e lo fa soprattutto grazie al suo protagonista/attore principale. Grazie ad un video anteprima rilasciato da Netflix sulla nuova stagione della serie in onda questa sera su Sky Atlantic, possiamo notare come Frank da solo, senza parlare, riesce ad incutere timore e rispetto in chi lo guarda. E allora cos’altro aggiungere? Lui è la chiave del successo di questa serie e questo è il video che lo dimostra

Torna finalmente su Sky Atlantic House of Cards, con la quarta stagione. Ritroveremo i coniugi Underwood dove li avevamo lasciati alla fine della terza stagione. Claire (Robin Wright) ha lasciato Frank (Kevin Spacey), sempre più impegnato con la sua campagna elettorale. Nel primo della nuova stagione infatti vediamo Frank intento a mandare il suo messaggio agli americani: “Si usa dire che abbiamo i leader che meritiamo. Beh ecco quello che io penso meriti l’America: un leader che non abbia mai paura di guardarvi negli occhi e di dirvi in che cosa crede. Io credo che l’America meriti Frank Underwood e nel vostro cuore sapete che ho ragione”. Sarà Frank Underwood il prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America? Clicca qui per vedere il promo

Il debutto della quarta stagione di House of Cards è già avvenuto nei giorni scorsi in piena notte anche in Italia, in lingua originale, ma tutti coloro che non amano sottotitoli e simili, si daranno appuntamento questa sera davanti alla tv. Sky Atlantic, infatti, trasmetterà i primi due episodi della serie e lo farà in lingua italiana. Il thriller politico che sta facendo impazzire il mondo torna in grande stile e lo fa con Kevin Spacey ancora nei panni del suo Frank Underwood sempre pronto a lanciarsi in grandi discorsi. Anche la pagina ufficiale di Sky Atlantic ha pensato bene di fare un suo personale conto alla rovescia in attesa della puntata e di farlo con una delle frasi simbolo del leader. Ecco qui il link alla foto.

Nella prima serata di oggi, mercoledì 9 marzo 2016, Sky Atlantic trasmetterà i primi due episodi della serie House of Cards – Gli intrighi del potere 4. Approda anche in Italia la nuova stagione della serie creata ed ideata da Beau Willimon, ispirata all’omonima miniserie della BBC per il piccolo schermo ed a sua volta basata sul romanzo omonimo dello scrittore Michael Dobbs. La serie appartiene al genere thriller politico con risvolti drammatici ed è stata lanciata dalla piattaforma Netflix nel febbraio del 2013. Dopo ascolti record e critiche positive sia dalle riviste specializzate che dal pubblico, la Netflix ha promosso la serie ad una quinta stagione solo nel gennaio scorso, occasione che Beau Willimon ha colto al volo per lasciare la sua creazione. Il democratico Frank Underwood, interpretato dal carismatico Kevin Specey, sta quindi per tornare nell’odierna Washington D.C. che ormai abbiamo imparato a conoscere nel corso dei precedenti episodi. Manipolatore e pragmatico, Frank riesce con successo nei suoi piani sovversivi anche grazie al sostegno immancabile dell’affascinante moglie Claire, interpretata dall’attrice Robin Wright. 9 nomination al Primetime Emmy Award come Miglior serie drammatica per la prima stagione e 13 nomination per la seconda, oltre a 4 nomination ai Golden Globe, House of Cards 4 tornerà di nuovo a vivere il successo che ha permesso a Robin Wright di vincere il Golden Globe come Miglior Attrice.

Frank sta per partecipare alle Primarie del New Hampshire, ma i sondaggi lo vedono indietro di dieci punti rispetto a Dunbar (Elizabeth Marvel). Il Presidente è ancora preoccupato per la scomparsa di Claire (Robin Wright), ma riesce a nascondere piuttosto bene le proprie emozioni. Se i cittadini americani scoprissero che la coppia si trova proprio ora in forte crisi coniugale, Frank potrebbe dire addio alle sue speranze. Un nuovo favorito fa inoltre la sua scomparsa sullo scenario politico: il governatore Will Conway (Joel Kinnaman), supportato dal partito repubblicano. Intanto, Claire torna a vivere nella sua vecchia casa in Texas, nonostante i rapporti con i genitori siano rimasti inaspriti per via del matrimonio con Frank. Nei suoi piani c’è l’intenzione di candidarsi al Congresso e di costruire quella carriera politica che la possa portare in un piccolo lasso di tempo a competere per il posto di Presidente. Affida interamente la sua campagna a Leann Harvey (Neve Campbell) che è avvantaggiata dall’esperienza che sta facendo con la deputata Doris Jones (Cicely Tyson). Ormai anziana, Doris ha ceduto il posto alla figlia Celia (LisaGay Hamilton) che non intende perdere così facilmente. I Jones sono la famiglia più accreditata del Texas e sono considerati i più idonei per incarnare i valori della comunità. Riuscirà Claire a sgominare la concorrenza? Nel frattempo, Lucas Goodwin (Sebastian Arcelus) viene rilasciato grazie alla collaborazione con l’agenzia governativa.

Decisa a vendicarsi per l’ultimo brutto tiro di Frank, Elizabeth (Ellen Burstyn) decide di riunire tutte le amiche dell’alta società perché finanzino la campagna della Dunbar. Dall’altra la donna vuole l’ascesa della figlia Claire e spera che Doris alla fine scelta lei anzichè Celia come candidata per il distretto. Intanto, Celia non rimane con le mani in mano ed offre un sostanzioso finanziamento a Jackie Sharp, in lizza per le Primarie ed avversaria della Dunbar e di Frank. Doris propone di nuovo il medesimo piano a Claire, ovvero supportare Jackie ad affondare il colpo. Solo così potrà ottenere il posto da deputata che desidera così tanto. Prima del discorso, Frank è costretto a risolvere di nuovo delle tensioni con la Russia. Viktor Petrov (Lars Mikkelsen) perseguita di nuovo gli oppositori, accusandoli di voler intentare un golpe contro di lui. Igor Milkin (Leonid Citer) chiede asilo politico all’America e viene messo sotto protezione militare. Frank è deciso a farlo rientrare in Russia, in contrasto con i vertici del Pentagono che vorrebbero invece che lo trattenesse per fini economici. Nel frattempo, Elizabeth propone alla figlia di usare il cognome da nubile e di interrompere così ogni rapporto con il marito. Leann invece la informa che ha messo un investigatore alle calcagna di Remy (Mahershala Ali) e Jackie (Molly Parker).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori