Al di là della vita/ Diretta streaming e trailer del film con Nicolas Cage

- La Redazione

Al di là della vita, il film in onda su Rai Movie oggi, giovedì 28 luglio 2016. Nel cast: Nicolas Cage e Ving Rhames, alla regia Martin Scorsese. La trama del film nel dettaglio

logo_raiuno_28062016
Il film è in onda su Rai Movie in seconda serata

Nella prima serata di giovedì 28 luglio 2016 alle ore 21,15 viene mandato in onda su Rai Movie il fil m di genere drammatico Al di là della vita (Bringing Out the Dead) diretto da Martin Scorsese e con Nicolas Cage, Patricia Arquette, John Goodman e Tom Sizemore. Nel trailer (che potete vedere qui) ambientato nella città di New York agli inizi degli anni Novanta con un uomo di nome Frank che lavora come paramedico a bordo di un’ambulanza. Solitamente Frank lavora di notte a stretto contatto con la morte e le tragedie. Una vita non semplice che peraltro lo mette costantemente in difficoltà per i rimorsi che ha quando non riesce a salvare la vita a qualcuno le cui condizioni erano effettivamente drammatiche. Un film molto intenso, dal grande significato morale e che può essere visto anche in diretta streaming sul sito Rai.tv cliccando qui.

‘ – Al di là della vita andrà in onda su Rai Movie oggi, giovedì 28 luglio 2016. La pellicola si basa sul romanzo dello scrittore Joe Connelly, Pronto Soccorso, che racconta di una New York notturna e senza speranza dove paramedici disillusi e disperati provano a svolgere al meglio il loro lavoro. Il film ha ottenuto diversi riconoscimenti da parte della critica tra cui il Premio del pubblico al Courmayeur Noir in festival del 1999 e il premio per la migliore scenografia ai Nastri d’argento del 2000.

Al di là della vita è il film in onda su Rai Movie oggi, giovedì 28 luglio 2016 alle ore 21.15. Una pellicola con Nicolas Cage e Patricia Arquette, che è stata diretta da Martin Scorsese nel 1999 il film appartiene al genere drammatico ed è stato sceneggiato da Paul Schrader. Gli attori protagonisti sono Nicolas Cage, Ving Rhames, Tom Sizemore, John Goodman, Marc Anthony, Cliff Curtis e Patricia Arquette. Il titolo originale della pellicola è Bringing Out the Dead. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

Il film ruota intorno ad un paramedico di nome Frank Pierce e cerca di raccontare la sua vita nell’arco di tre giorni. La pellicola si divide in tre segmenti, ognuno rispecchia una giornata lavorativa dell’uomo e un diverso modo di approcciarsi alla sua professione medica, in base anche all’ambiente e ai colleghi che incontra sul campo. Pierce è un uomo distrutto mentalmente e fisicamente, il suo lavoro lo porta continuamente in contatto con la morte e non riesce a risollevarsi dall’apatia in cui è caduto quando non è riuscito a salvare una ragazza. Pierce cerca rifugio nell’alcol ma questa sua dipendenza gli crea non pochi problemi sul posto di lavoro. Nei tre giorni di lavoro al fianco di Frank sull’ambulanza si avvicenderanno tre colleghi, Marcus, Tom e Larry, ognuno con una visione particolare del lavoro di paramedico e un’opinione del tutto personale sulla vita e sulla morte. Il paramedico vivrà quest’esperienza sempre in bilico tra realtà e suggestione, dopo la morte della tossicodipendente che non è riuscito a rianimare, l’uomo rivede in ogni persona il volto della donna. Parte della storia si svolge nel quartiere di Hell’s Kitchen, un quartiere dove non esistono regole, per poi passare a un grande ospedale dove si cerca di salvare vite umane. Frank attraversa la città a bordo della sua autoambulanza ma vede ovunque fantasmi e morte e parla con loro continuamente. Il suo turno di lavoro si svolge sempre di notte ed è proprio il buio a essere il suo compagno di viaggio, emblema anche di quello che l’uomo sta vivendo interiormente, vittima del peso di anni a salvare vite e a vedere gente morire sotto i suoi occhi senza speranza. Solo verso la fine l’uomo riuscirà ad avere una sorta di redenzione morale grazie alla conoscenza di Mary Burke. Sarà la casa della ragazza, il terzo e ultimo luogo di passaggio per la redenzione umana di Frank e la sua resurrezione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori