AGATHE CLERY/ Su Rai 3 il film con Valerie Lemercier ed Anthony Kavanagh. Le curiosità (oggi,14 maggio 2017)

- Cinzia Costa

Agathe Cléry, il film in onda su Rai 3 oggi, domenica 14 maggio 2017. Nel cast: Valerie Lemercier, Anthony Kavanagh, alla regia Etienne Chatiliez. La trama del film nel dettaglio.

agathe-clery
film

Agarhe Clery è il film che andrà in onda su Rai 3 oggi, domenica 14 maggio 2017. Una pellicola dal genere commedia che è stata realizzata in Francia nel 2008 per la regia di Etienne Chatiliez con il soggetto scritto da Yolande Zauberman mentre la sceneggiatura è stata adattata dallo stesso regista in collaborazione con Laurent Chouchan. La produzione è stata firmata da Charles Gassot mentre il ruolo di direttore della fotografia è stato affidato a Philippe Welt, il montaggio è stato eseguito da Catherine Renault e le musiche della colonna sonora sono state realizzate da Bruno Coulais e Matthew Herbert. I costumi utilizzati nel corso delle riprese sono stati disegnati da Elisabeth Tavernier. La principale protagonista di questa pellicola è l’attrice francese Valerie Lemercier che peraltro si è fatta apprezzare anche nelle vesti di cantante e regista. Nata nel marzo del 1964 a Dieppe, cittadina della regione della Normandia, la Lemercier ha esordito sul grande schermo nell’anno 1990 prendendo parte alle riprese del film di Louis Malle, Milou a maggio. Nel 1993 è arrivata una prima pellicola di spessore ed ossia I visitatori di Jean Marie Poirè. Nel corso degli anni ha partecipato a tanti altri film di livello internazionale come nel caso delle pellicole Sabrina di Sydney Pollack, Un po’ per caso e un po’ per desiderio, Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, L’amore dura tre anni e Asterix & Obelix al servizio di sua maestà.

, il film in onda su Rai 3 oggi, domenica 7 maggio 2017 alle ore 15.00. Una pellicola di genere commedia e musicale prodotta in Francia nel 2008 dal produttore transalpino Charles Gassot con la regia di Etienne Chatiliez mentre nel cast sono presenti Valerie Lemercier, Anthony Kavanagh, Dominique Lavanant, Isabelle Nanty, Artus de Penguem e Jean Rochefort. Ma scopriamo la trama del film nel dettaglio.

Il film vede come protagonista una donna bianca di nome Agathe (Valerie Lemercier) che occupa una posizione di grande prestigio all’interno di una nota azienda che si occupa di cosmetica. Ad oggi Agathe è la responsabile del marketing di una crema molto particolare che prende il nome di Scandinavian, che è adatta in particolar modo a chi possiede una pelle molto chiara. La sua grande esperienza nel settore, unita ad una grande competenza fanno di lei la maggiore candidata a ricoprire il ruolo di dirigente, tuttavia all’improvviso la sua brillante carriera viene arrestata dalla malattia di Addison.

Questa malattia a lungo andare crea una eccessiva e progressiva iper pigmentazione che la fa scurire a tal punto la pelle da diventare quasi completamente nera. Non ci fosse nulla di strano se Agathe non fosse una bianca razzista. Il cambiamento del colore della propria pelle le sconvolge giorno dopo giorno la vita da non riuscire più a gestire questa situazione. Così in un crescendo di rabbia e terrore, la donna prima litiga con il proprio fidanzato, poi viene anche licenziata dal lavoro. Dopo questa fase di non accettazione di se stessa e del suo colore vorrebbe provare a fare qualcosa come per esempio trovare un nuovo impiego ma proprio il suo essere diventata nera è la causa di molti no.

Con grande coraggio insiste e riesce ad essere assunta. Nel nuovo posto di lavoro si innamora del suo capo e tra i due le cose vanno a gonfie vele anche se Agathe non riesce a rivelargli di essere in realtà bianca essendo lui un uomo di colore nero. Man mano che passa il tempo però Agathe riesce finalmente ad accettare la sua nuova persona ed è pronta a lasciare andare i pregiudizi. Ma è proprio a questo punto che il destino le tira un brutto scherzo, la malattia per fortuna inizia a regredire ma con essa anche il colore della pelle da nera diventa pian piano nuovamente bianca….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori