JOHNNY DORELLI/ L’ultimo Sanremo (Techetechetè)

- Francesca Pasquale

La puntata di questa sera di Techetechetè, in onda nell’access prime time di Rai 1, vede come protagonista l’attore, conduttore e cantante Johnny Dorelli.

gloria_guida_guendalina_dorelli
Johnny Dorelli a Che tempo che fa

GLI ULTIMI ANNI

Dal 1995 è in tour teatrale con Bobbi sa tutto, la pièces che lo vede recitare al fianco Loretta Goggi. Nel 2002 torna in tv con Sette in condotta, in onda dal lunedì al venerdì nel preserale di Rai 1. Il programma aveva per protagonisti dieci bambini – per l’occasione ribattezzati “baby opinionisti” – chiamati a commentare il fatto del giorno. Presenti in studio anche i protagonisti delle cronache della puntata. Nel 2004 pubblica l’album Swingin’ Live, che vende oltre centomila copie conseguendo il disco di Platino. La sua ottava e ultima partecipazione a Sanremo risale al 2007, con il brano Meglio così. Nello stesso anno prende parte al gran galà dello Zecchino d’Oro con Lettera a Pinocchio. Nel 2011 riceve il riconoscimento Leggio d’oro “Alberto Sordi”. [agg. di Rossella Pastore]

IL FESTIVAL DI SANREMO E ALTRI SUCCESSI

Johnny Dorelli è uno dei cantanti più prolifici della storia sanremese. Negli annali del Festival, il suo nome compare ben nove volte (1958, 1959, 1960, 1962, 1963, 1967, 1968, 1969 e 2007). Dorelli è l’unico insieme a Modugno, Nilla Pizzi e Nicola Di Bari ad aver vinto due edizioni consecutive. Il suo debutto sul palco dell’Ariston avvenne nel 1958 in coppia con Domenico Modugno. Fu un successo: la loro Nel blu dipinto di blu si classificò prima, e i due si consacrarono così a nuove promesse del panorama musicale italiano. Forti della vittoria dell’anno precedente, Dorelli e Modugno si ripresentarono nel 1959, conquistando nuovamente il massimo gradino del podio. Il merito artistico è per buona parte del cantante pugliese; eppure, Dorelli riuscì a non farsi schiacciare dalla sua esuberanza e a ritagliarsi una buona fetta di estimatori. A cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, entra nel cast fisso di Buone vacanze, programma di successo con il Quartetto Cetra e l’orchestra di Gorni Kramer. [agg. di Rossella Pastore]

IL DOPPIO SUCCESSO SANREMESE AL FIANCO DI MODUGNO

Il celebre cantante, attore e conduttore televisivo Giorgio Domenico Guidi meglio conosciuto con il nome d’arte di Johnny Dorelli, è tra i grandi protagonisti di questa puntata della trasmissione amarcord Techetechetè in onda su Rai 1. Johnny Dorelli che nello scorso mese di febbraio ha spento 80 candeline, viene considerato uno degli artisti italiani più completi essendo riuscito ad ottenere successo in televisione, al cinema, a teatro e nel mondo della musica. Durante la sua carriera ha saputo vincere per ben due volte il Festival di Sanremo, tra l’altro consecutivamente. Nel 1958 si impose in coppia con Domenico Modugno con il celeberrimo brano Nel blu dipinto di blu e l’anno seguente sempre al fianco di Domenico Modugno con la canzone Piove. Tantissimi sono stati anche i film di successo nei quali ha recitato Dorelli come Totò Peppino e le fanatiche, Mi faccio la barca, Bollenti spiriti, Dio li fa poi li accoppia e Occhio malocchio prezzemolo e finocchio.

57 ANNI PASSATI AL FIANCO DI GLORIA GUIDA

Nella vita sentimentale di Johnny Dorelli c’è stato spazio per un grande amore: quello per l’attrice e cantante Gloria Guida. I due stanno insieme da ben 57 anni per quello che è uno dei rapporti più solidi e longevi nel mondo dello spettacolo. Di questo ne ha parlato in una delle ultime ospitate televisive proprio Gloria Guida che nell’ambito di una puntata di Domenica Live, intervistata da Barbara D’Urso ha dichiarato: “Johnny non è facile. A volte mi fa arrabbiare. Guendalina lo può dire, lo dicono anche i suoi fratelli, come padre non è facile. Poi magari l’unico schiaffo a Guendalina l’ho dato io.. Nel primo provino c’è anche lui? All’epoca non ci conoscevamo, l’ho incontrato nuovamente poi anni dopo.. Ci siamo sposati due volte. Nel 1991, il matrimonio civile. Il 2001, quello in chiesa. Questo lo volevo io, ci tenevo molto, siamo andati all’altare il giorno di Natale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori