Samantha Cristoforetti/ Tutti i proventi del libro devoluti in beneficenza (Che tempo che fa)

- Morgan K. Barraco

Diario di un’apprendista astronauta è il libro pubblicato da Samantha Cristoforetti, che oggi sarà ospite della puntata di Che tempo che fa in onda su Rai 1

spazio_galassia_pixabay_2017
Via Lattea in musica, a ritmo di blues

Samantha Cristoforetti arriva a Che tempo che fa. Lo fa per presentare il suo nuovo libro, di cui tutti i proventi saranno devoluti all’Unicef. Per una campagna vaccinale, peraltro. Nel suo diario spiega come sono fatte le tute spaziali, com’è entrarci dentro… “Mi sono affidata il meno possibile alla memoria, ho letto sette anni di e-mail, per scriverlo sottoforma di diario”. Per prepararsi all’esame dell’Esa portava in spiaggia i libri di meccanica orbitale. E poi ascoltava l’audiolibro di Harry Potter in russo. “Me l’avevano regalato, pensavo fosse una lettura facile, per bambini. Lo facevo per rinfrescarmi un po’ la memoria, avendolo già studiato”. In cosa consiste “l’esame da astronauti”? “In una serie di test: memoria visiva e uditiva, ad esempio. E poi dovresti non essere sorpresa da nulla, se sei ben preparata”. [agg. di Rossella Pastore]

L’INCIPIT DEL DIARIO

Diario di un’apprendista astronauta mette un segno nell’esperienza di Samantha Cristoforetti nello spazio. Il libro edito con La nave di Teseo racconta il viaggio dell’astronauta prima del suo arrivo nello spazio, partendo dal percorso che le ha permesso di raggiungere un traguardo così importante. Il richiamo della Terra, l’ultimo saluto ad affetti e conoscenti, prima di accettare quel forte richiamo del razzo già pronto a portarla in orbita. E così quella brina che intravede nel ghiaccio che avvolge il razzo, Cristoforetti ci vede un’analogia con il primo inverno vissuto nel corso della sua infanzia. Un breve flash prima di ritornare nella realtà, all’interno di un ascensore che le permetterà di accedere al vano ed infine alla location che diventerà la sua casa spaziale. Samantha Cristoforetti racconterà la sua esperienza a Che tempo che fa, nella puntata in onda questa sera, iniziando proprio dal libro appena pubblicato.

SAMANTHA CRISTOFORETTI, IL SUO LIBRO

Un racconto su più livelli, dettagliato ed emotivo, con cui mette al vaglio aspettative e realtà, quella lunga attesa fatta di prove, ultimi collaudi, pensieri. Un costante contatto con 16-3° che si preoccupa di controllare ogni parametro degli astronauti, fino al conto alla rovescia che li farà entrare in una dimensione alternativa a quella dei comuni mortali. La determinazione di Samantha Cristoforetti è visibile nella sua impresa eroica, come prima donna italiana a raggiungere lo spazio grazie al ruolo di Capitano dell’Aeronautica Militare. Il suo spirito però è visibile anche nel messaggio che ha voluto inviare a tutti i librai in occasione dell’uscita del suo Diario di un’apprendista astronauta, in cui descrive nel dettaglio ogni particolare di questa sua esperienza in orbita. 544 pagine che l’astronauta trentina ha scritto per gli italiani prima che per se stessa ed il cui ricavato, ricorda Trento Today, verrà devoluto all’Unicef.

IL MESSAGGIO PER I LIBRAI

“Carissimi librai”, dice all’inizio del suo video messaggio in cui sottolinea la felicità nel vedere il suo libro ad un passo dalla pubblicazione. “Un lungo viaggio, questo di scrivere il libro, di mettere in parole l’avventura vissuta come astronauta”, dice Cristoforetti parlando anche delle difficoltà e dei tormenti che ha dovuto superare per realizzare questo sua opera letteraria. “Il risultato di tre anni di lavoro intenso”, continua sicura che il traguardo appena raggiunto sia soltanto l’inizio di un nuovo viaggio. E in qualche modo adesso si punta verso il Pianeta Rosso per eccellenza, verso Marte. Un sogno che l’umanità coltiva da tempo e che la Cristoforetti, spiega a Radio24, vede come passaggio successivo al test che dovrà avvenire sulla Luna. Soprattutto perché solo così si potrà affrontare una missione estremamente difficile, come una sorta di passaggio intermedio che ritorna indietro nel tempo, fino a 50 anni fa, quando l’uomo è sbarcato per la prima volta sulla Luna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori