MARCELLA BELLA/ L’ictus che ha colpito il fratello Gianni: “Apprezza la vita quasi come prima” (Verissimo)

- Francesca Pasquale

Marcella Bella a Verissimo racconta della madre: è diventata anoressica a causa dell’ictus di Gianni. Musica: è tornata voglia dei grandi cantautori. I talent: non preparano al successo

Marcella_Bella_Facebook_2017
Marcella Bella carica il suo allievo Stefano Sani

Marcella Bella, ospite a Verissimo, si racconta a Silvia Toffanin che fa rivivere alla cantante il terribile periodo della malattia di suo fratello Gianni Bella. Un periodo terribile per tutti, in primis per la madre dei due artisti. Marcella Bella svela infatti che il grande dolore per Gianni ha ucciso sua madre: “Mia mamma ci è morta, non ha voluto più mangiare. – ha dichiarato la cantante nello studio di Verissimo – È diventata anoressica alla fine, non ha accettato che mio fratello non riuscisse più a parlare e ci è morta di questo. passavano gli anni e lei si spegneva quando vedeva che mio fratello non migliorava. Si è lasciata morire, lei era una donna fortissima”. Marcella stempera però il momento commovente, dichiarando: “Però oggi voglio dire che va tutto bene, Gianni è riuscito ad uscirne e ad apprezzare la prima quasi come prima”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

LA SOFFERENZA PER L’ICTUS DI GIANNI BELLA

Tante le rivelazioni di Marcella Bella a Verissimo nella puntata di oggi ma una entusiasma molto il pubblico. La cantante annuncia, infatti, di essere diventata nonna: “Sono la mamma del papà di una bellissima bambina. È bellissima Cassandra e ama già la musica!” svela la Bella, scherzando sul fatto di non volersi appellare nonna. La voce di Marcella si spezza quando parla di suo fratello Gianni Bella e dell’ictus che lo ha colpito a gennaio del 2010, togliendogli la voce: “Ricordo che mi hanno svegliato la mattina presto, è stato un trauma bruttissimo. – racconta Marcella Bella – poi sono andata in sala rianimazione e volevo stare sempre lì con lui, non volevo lasciarlo da solo. È stato un periodo davvero molto brutto, non so come ho fatto”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

LA CANTANTE RIPARTE DALLA SUA CATANIA

La stessa Marcella Bella ha sottolineato che adesso suo fratello ama vivere in Sicilia e proprio dalla sua Catania anche lei ripartirà con il suo speciale tour che la porterà in alcuni teatri italiani. Marcella Bella riparte dal suo Metà amore metà dolore, prodotto da Mario Biondi, e lo fa con una serie di date già annunciate e a cui altre, nei prossimi giorni, potrebbero aggiungersi. In attesa di altri aggiornamenti, Marcella Bella partirà con il suo Tour 2018 dalla“data zero” il 16 febbraio al Park Casino di Nova Gorica, ma, ufficialmente, il tour prenderà il via dalla sua città, dalla sua Catania, il prossimo 22 marzo dal Teatro Metropolitan di Catania. Poi resterà ancora al Sud con altri concerti che la porteranno in Calabria e in Puglia e, in particolare, al Teatro Politeama di Lecce il 24 marzo, per arrivare il 29 marzo al Teatro Cilea di Reggio Calabria. A queste date se ne aggiungeranno altre nelle prossime settimane ma, sicuramente, oggi avrà modo di dire la sua sul tour nel salotto di Silvia Toffanin. (Hedda Hopper)

LE RIVELAZIONI SCONVOLGENTI SULLA MADRE

Marcella Bella è tornata ad essere protagonista dello scenario musicale italiano con il nuovo album intitolato Metà amore metà dolore e pazienza se non è stata scelta per prendere parte al Festival di Sanremo che avrà inizio il prossimo martedì 6 febbraio. La cantante siciliana che ha ammesso in una recente intervista rilasciata a L’Avvenire di aver mandato un brano alla direzione del Festival senza ricevere risposta, a partire dal prossimo 16 febbraio tornerà ad esibirsi dal vivo dando inizio al suo nuovo tour. Anticipazioni in tal senso le ha date nell’ospitata a Verissimo che questo pomeriggio verrà proposta sulle frequenze di Canale 5, rimarcando : “Dal 16 febbraio inizia il mio tour, torno a cantare dal vivo”. Sempre a l’Avvenire, ha però lanciato una piccola frecciatina per la sua mancata presenza a Sanremo: “Rammarico? Ma no, con o senza Sanremo ciò che conta è che ora finalmente ho un album nuovo, che fra l’altro su vinile è andato a ruba. Sanremo è sempre stato un carrozzone, pieno soprattutto di gente che non si sa cosa ci faccia lì. Diciamo che andarci è un’esperienza da fare, ma non ti dice molto sul destino delle tue proposte”.

MARCELLA BELLA, “MIA MAMMA SI È LASCIATA MORIRE”

A Verissimo, invece, Marcella Bella ha parlato anche del proprio privato sottolineando come l’ictus che ha colpito suo fratello Gianni Bella abbia indotto la loro mamma a lasciarsi morire, di fatto rifiutando il cibo. La cantante ha raccontato come la mamma sia arrivata a pesare soltanto 34 chili aggiungendo come ora per suo fratello Gianni le cose vadano molto meglio: “Mia mamma si è lasciata morire dopo l’ictus di Gianni.. Mia mamma è diventata anoressica. Non ha accettato che mio fratello non sia più riuscito a parlare. E’ arrivata a pesare 34 chili e alla fine ha proprio smesso di mangiare. Adesso va tutto bene. Gianni apprezza la vita quasi come prima e apprezza le cose semplici come vedere il mare e mangiare il pesce. Ora ama vivere in Sicilia. Gianni è un uomo con una grande dignità e non ci fa pesare nulla”.

MANCANO I GRANDI CANTAUTORI

Marcella Bella nella stessa intervista a L’Avvenire ha parlato del momento attuale della musica e dei giovani rimarcando come si senta la mancanza dei grandi cantautori: “Rispetto a un paio d’anni fa pare tornata, la voglia di ascoltare canzoni ben scritte. Solo che il mondo dei cantautori è finito: ce ne sono, ma senza la profondità di un Venditti o proprio di un Baglioni. Per non parlare di Lucio Battisti, poi.. Saper stare sul palco è dote che si ha o non si ha: anche mio fratello Gianni andava in panico e aveva molto bisogno della mia disinvoltura accanto. Il punto poi è che queste giovani non fanno gavetta: lei lo sa quante volte agli inizi ho affrontato pubblici che non mi filavano, erano prevenuti, non rispettavano la musica? Per me diventava una sfida: vediamo quante canzoni impiego per avere attenzione. Nei talent non acquisiscono armi per tener vivo un iniziale successo: e serve molta più esperienza per gestirsi nel tempo, che per arrivare in vetta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori