ACT OF VALOR, RETE 4/ Info streaming del film diretto con Alexander Asefa (oggi, 11 giugno 2018)

- Cinzia Costa

Act of valor, il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 11 giugno 2018. Nel cast: Alexander Asefa e Jeffrey Barrachea, alla regia Mike McCoy e Scott Waugh. Il dettaglio della trama.

act_of_valor_film_1
Una scena del film

La critica ha bocciato “Act of valor” di Mike “Mouse” McCoy e Scott Waugh: “Un film così, se non lo vedi non ci credi. Diretto a botte di testosterone da due ex-stuntmen benvoluti dal Pentagono, ‘Act of Valor’ è un articolo di propaganda così smaccato che avrebbe fatto arrossire perfino John Wayne e i suoi Berretti Verdi. Abbiamo capito che si tratta di un promo per l’arruolamento dei (sempre più riluttanti, si suppone) giovani americani; ma le immagini dei soldati con le loro famigliole, il rito per i caduti, le dichiarazioni di patriottismo sembrano presi da un film dei tempi del maccartismo”, ha scritto Roberto Nepoti, su La Repubblica. E ancora: “Tecnicamente è un falso documentario (le due missioni raccontate sono finte, malgrado l’estremo realismo). Esteticamente è un centone di scene viste in mille film di guerra, buoni e non (da ‘Platoon’ e ‘Apocalypse Now’ in giù). Solo che non ci sono veri personaggi, non c’è quasi drammaturgia, non ci sono sentimenti esclusi quelli patriottici, che comunque conviene portarsi da casa. Inquietante”, ha commentato Fabio Ferzetti su messaggero. Ricordiamo che “Act of valor”, clicca qui per vedere il trailer, andrà in onda in prima tv su Rete 4 partire dalle 21.15 ma sarà possibile vederlo anche in streaming grazie al portale di Mediaset, sui propri dispositivi mobile cliccando qui.

CURIOSITÀ SULLA PRODUZIONE DEL FILM E IL CAST

La pellicola Act of Valor è stata prodotta in USA nel 2012 per la regia di Mike McCoy e Scott Waugh, i due hanno anche curato la produzione mentre la sceneggiatura è stata estesa da Kurt Johnstad, i produttori esecutivi sono invece stati Max Leitman con Michael J. Mailis e Jay Pollack, La distribuzione del film in Italia è stata curata dalla M2 Pictures e gli effetti speciali dell’azienda Cantina Creative. nel cast tra i protagonisti troviamo anche Nestor Serrano, attore statunitense classe 1955. La sua carriera è iniziata negli anni 70 in commedia Off-Broadway e il suo debutto cinematografico è avvenuto nel 1986 con il film Casa dolce casa? ma anche se spesso in ruoli secondari è apparso in oltre cento produzioni cinematografiche, tra le sue interpretazioni citiamo le pellicole Brenda Starr – L’avventura in prima pagina, Arma letale 2, Inviati molto speciali, Bad Boys, La chiave magica, Daylight – Trappola nel tunnel, Al di là della vita, Empire – Due Mondi a confronto, Insider – dietro la verità, La giuria, The Day Afther Tomorrow e molti altri ancora. Un film senza infamia e senza lode ma ideale per gli appassionati del genere guerriglia e commandi para-militari. Non ci sarebbe molto altro da aggiungere se non che, nonostante la qualità non eccelsa della pellicola, al botteghino e nella successiva distribuzione ‘home video’ ‘Act of valor’ ha raccolto molti consensi, ciò che ala fine importava alla produzione. La scena dell’esplosione durante l’attentato si svolge nella capitale cambogiana Phnom Penh, nella piazza principale della città, una scena che impiegò ben trecento bambini come comparse.

NEL CAST ALEXANDER ASEFA

Act of valor, il film in onda su Rete 4 oggi, lunedì 11 giugno 2018 alle ore 21,15. Una pellicola britannica di genere guerra realizzata nel 2012 e basata sulle classiche trame da commando mercenario, colpi di stato probabili in centro America, eserciti para-militari, è una storia come tante ma in questa pellicola ben proposta grazie ad una regia, ad una sceneggiatura, ad un cast di qualità votata al risparmio ma dignitosi nel complesso. iniziando proprio dal regista, inglese come la produzione, una coppia specializzata in action-movie dietro la cinepresa composta da Mike McCoy e Scott Waugh, abili nel far girare abbastanza bene un cast tutto sommato da serie B cinematografica. L’ambientazione centro-americana prevede un cast con sangue latino, americani dal DNA ispanico come Nestor Serrano, comprimario conosciuto nel giro di Hollywood per la sua presenza in pellicole di genere d’azione o fantascienza come ‘The Day After Tomorrow – L’alba del giorno dopo’, ‘Empire – Due mondi a confronto’ o nel recente ‘Captain America: The Winter Soldier’, film del 2014 attualmente ultima pellicola interpretata da Serrano. Anche l’attore Gonzalo Menendez è conosciuto e reclutato per film d’azione o di fantascienza, come nel caso di ‘The Island’, ‘I Fantastici 4 e Silver Surfer’, ancora guerra, ma di qualità, nel 2017 con il lungometraggio diretto da Fernando Coimbra ‘Castello di sabbia’. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

ACT OF VALOR, LA TRAMA DEL FILM DI GUERRA

Siamo nelle Filippine dove un terrorista punta direttamente la cuore del nemico americano uccidendo il figlio dell’ambasciatore statunitense locale assieme al padre ed ad altri bambini, un infanticidio inutile dettato dall’odio senza onore. Dietro alla strage si cela uno spietato terrorista ceceno, Abu Shabal (Jason Cottle), già famoso presso le polizie internazionali e l’antiterrorismo americano e russo. Nel frattempo, nel cuore del continente americano, in Costa Rica, Walter Ross (Nestor Serrano) e Lisa Morales (Roselyn Sanchez) stanno eseguendo un summit sulle operazioni congiunte alla ricerca di un braccatissimo narcotrafficante, il famigerato Mikhail “Christo” Troykovich, le cui truppe imprigionano proprio la Morales richiedendo l’intervento di un commando Navy Seals proveniente dagli States, commando addestrato ad azioni di guerriglia di liberazione in tempi d’esecuzione rapidi e spietati se richiesto. É il Plotone Bandito il quale, giunto sul campo dove la Morale sè prigioniera e torturata alla ricerca di notizie, dopo uno scontro a fuoco rapido, senza esclusione di colpi e di pietà, liberano la donna e prendono con se il telefono cellulare l quale conteneva tutti i dati della missione, dati che hanno la facoltà di incriminare Troykovich. Inizia così la caccia a Christo, le informazioni raccolte non ammettono altro che la sua morte, lo scontro si sposterà dal Costa Rica al Pacifico, proprio nell’area in cui morì l’ambasciatore, forse vittima di un complotto molto più ampio di quello che appariva come il gesto isolato di un folle ceceno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori