Sacrificio d’amore/ Anticipazioni ultima puntata 23 agosto 2018 e diretta finale di stagione

- Morgan K. Barraco

Sacrificio d’amore, anticipazioni del 23 agosto 2018, in prima Tv su Canale 5. Lucrezia e Silvia cercano un modo per salvare Brando e Corrado: riusciranno nel loro piano?

Sacrificio_damore_Giorgio_Lupano_Francesco_Arca_Francesca_Valtorta_Mediasetpress
Sacrificio d'amore 2, in prima Tv assoluta su Canale 5

SACRIFICIO D’AMORE, DIRETTA ULTIMA PUNTATA

Alberto propone al padre di Alessandro un patto per modificare la legge sulla nazionalizzazione delle cave, ma non riceve una risposta positiva. Corrado uscita da casa Lucchesi ritrova Guendalina che ha con sé Nora, la loro figlia. L’uomo sembra rimanere sconvolto. Augusta si reca da Lucrezia e, dopo averle detto di essere l’amante di Corrado, le rivela di aver saputo che Corrado e Brando stanno per andare a Parigi e vorrebbe che denunciasse i due per concubinaggio. In questo modo lei potrebbe vivere il suo amore con Corrado alla luce del sole. La Contessina non intende denunciare il marito, ma Augusta riesce a insinuare in lei comunque il dubbio che sia giusto farlo. Tommaso, intanto, fa ritorno a casa Prizzi e Anna gli rivela dove si trova Maddalena. L’uomo si precipita al convento, ma non riesce a evitare che la donna prenda i voti. I Carabinieri arrivano a casa del padre di Silvia e arrestano Brando e la donna. Corrado intuisce che Augusta c’entri con tutto questo, ma la donna nega. Anche dietro le sbarre, Brando e Silvia si giurano amore. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

BRANDO E SILVIA DI NUOVO INSIEME

Brando raggiunge Silvia e i due si lasciano andare alla passione. Corrado invece va a trovare Augusta e le dice che ormai con sua moglie è finita. La donna gli dichiara il suo amore e i due si baciano. Maddalena è pronta a prendere i voti e sembra impossibile che possa cambiare idea. Continua comunque a pensare ai bei momenti passati con Tommaso. Intanto la madre di Alessandro decide di rivelare ai “piani alti” del clero quello che sa di suor Agnese, che quindi si trova nei guai. Arriva il giorno delle nozze tra Alessandro e Tea e suor Agnese va a salutare gli sposi dicendo loro che deve partire, ma che tornerà presto. Corrado dice al figlio che lo aiuterà a realizzare il suo sogno di realizzare automobili. Brando torna a casa e Livio lo prende a schiaffi. Anche il Conte ce l’ha con Prizzi e gli dice di non farsi più rivedere. Intanto vediamo che Tommaso è ancora vivo e verrà liberato. Corrado scopre da Simone che Brando e Silvia andranno a Parigi. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

CORRADO LIBERA SILVIA

Alessandro e Tea decidono di sposarsi e il medico invita anche Suora Agnese alla cerimonia, che sarà con rito civile. Brando torna a casa, dove l’aspettano tutti i suoi cari. Corrado, invece, trova la casa vuota, perché Silvia se n’è andata ed è tornata da suo padre. L’uomo sa che tra di loro tutto è finito. Alberto vorrebbe convincerlo a seguirla a casa di loro padre, ma lui preferisce stare da solo. Livio è nei guai: Tano vuole che gli venga pagato tutta la fornitura di zolfo, anche se la guerra è finita e le armi non serviranno più. Corrado va a trovare Silvia e le dice che vuole liberarla: se vorrà stare con Brando vuole che almeno sia lontano da Carrara, così che non debba odiare nessuno dei due. Lucrezia ha intanto capito che il marito non la ama più. Augusta intanto riceve una medaglia in onore di Tommaso. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

LA GUERRA È FINITA

Un ordine superiore sospende tutte le esecuzioni, una sorta di amnistia, così da riprendere i combattimenti evitando che ci siano tensioni tra le stesse truppe. Lucrezia comunica a Silvia che Brando è vivo, ma le chiede anche di dimenticarlo. Maddalena rivela al Conte di aver fatto un voto: sarebbe diventata suora se suo fratello si fosse salvato. Vito on prende bene questa notizia. Corrado e Brando tornano in trincea, stavolta da soldati semplici. I due si stringono la mano e vogliono lasciarsi i dissidi alle spalle. Corrado vorrebbe sapere se Brando vorrebbe stare con sua moglie o con la Silvia. Prizzi gli risponde che davanti al plotone di esecuzione ha pensato a Silvia. Rimpiange quindi non essere morto. La guerra sembra finalmente finita, ma Corrado non sembra essere contento. Saverio cerca di convincere Maddalena a non farsi suora, ma i due vengono interrotti dai festeggiamenti per la fine della guerra. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

BRANDO È SALVO

Tano ottiene quello che vuole, mentre Silvia e Lucrezia ricevono la notizia sull’esito del processo. A casa Corradi si festeggia, ma Silvia è disperata. Il Conte non sa invece come spiegarsi come mai non sia stato risparmiato il genero e Lucrezia si sente male. Tea viene liberata e riabbraccia Alessandro. Corrado saluta i suoi uomini e Brando gli chiede di far sì che fuori si sappia che loro non sono dei vigliacchi. Lucrezia decide di prendere l’auto per precipitarsi da Brando prima che venga fucilato, ma è molto stanca e fa un incidente. Il Conte capisce che è stato il figlio a fare condannare Brando e lo affronta apertamente. Silvia riesce a raggiungere Brando e ad abbracciarlo. L’uomo cerca di consolarla e le chiede di andare avanti con la sua vita. I Prizzi vorrebbero vedere il figlio, ma le dure leggi militari glielo impediscono. Lucrezia riesce a raggiungere il luogo dell’esecuzione. Il plotone fa fuoco, ma Brando e gli altri uomini restano in piedi: il plotone infatti decide di mancare il bersaglio e punta i fucili contro il Capitano che vorrebbe sparare con la sua pistola. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

BRANDO CONDANNATO A MORTE

Alberto va a parlare con il Conte per cercare di convincerlo a non far sì che spinga per salvare Corrado anziché Brando. Così decide di rivelargli la relazione che il genero ha avuto con Silvia. Tuttavia l’uomo non si lascia convincere. Il Barone va in cerca di Tea e i due si confrontano, con la donna che dà del vile al padre. A casa Farnesi nasce una discussione tra il Conte e il figlio, visto che quest’ultimo vorrebbe che venisse salvato Corrado e non Brando. Tano va dai Prizzi, ma Vito lo caccia via rifiutando l’offerta. Livio chiama il Generale e cambia le disposizioni del padre, dicendo che non deve fare nulla per Brando. Tea viene rapita da Tano e Alessandro chiede quindi aiuto al Barone e ad Anna. Ha inizio il processo e a essere condannato a morte è Brando. Corrado se la cava con la cancellazione dei gradi. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

BRANDO O CORRADO A RISCHIO FUCILAZIONE

Su Canale 5 è cominciata l’ultima puntata di Sacrificio d’amore. All’inizio scopriamo che Tea è la figlia del Barone che viene ricattato da Tano. Corrado e Brando sono ancora in carcere e i due sembrano determinati a unire le forze per far sì che tutta la compagnia possa evitare la fucilazione. In via confidenziale i genitori di Corrado e Lucrezia vengono a sapere che i giudici vogliono condannare almeno 4 soldati, di cui un graduato, a morte. Il che vuol dire che uno tra Brando e Corrado dovrà affrontare il plotone di esecuzione. Il Barone va dai Prizzi chiedendo di avere la terra che Tano vuole. La sua richiesta non viene accolta. (aggiornamento di Bruno Zampetti)

L’INCIDENTE DI LUCREZIA

Nelle puntate precedenti, Brando aveva già messo da parte l’orgoglio. Non può perdonare Suor Agnese, sua madre, per le bugie che gli ha raccontato; quello che può fare, invece, è concederle di tornare in ospedale. Sia lei che i pazienti ne hanno disperato bisogno, dal momento che i malati non fanno che aumentare. La clinica, di fatto, è in stato di emergenza. Brando, intanto, è ancora sul campo di battaglia. Corrado lo insegue in una pericolosa missione, ed entrambi si ritrovano ben presto nei guai. Dopo gli avvenimenti del fronte, il tribunale di guerra si riunisce per decidere della loro sorte. Corrado viene scagionato, ma Brando viene condannato a morte. L’esecuzione è fissata per il giorno seguente: appena la notizia arriva a Lucrezia, questa accorre per cercare di salvarlo. Per lei non c’è niente da fare: l’auto esce fuori strada e subisce un brutto indidente. Anche Silvia viene informata, e si mette subito in viaggio. [agg. di Rossella Pastore]

L’ARRESTO DI SILVIA E BRANDO

Silvia viene informata sui fatti, ed è la prima ad arrivare da Brando. I due ritrovano così la passione perduta: sarà la loro ultima notte insieme. Giunto il momento della fucilazione, tutte le condanne a morte vengono annullate. Si tratta di un caso fortuito, dal momento che il plotone di esecuzione si rifiuta di sparare. Brando riesce così a tornare a casa. Una volta a Carrara, l’uomo dovrà scegliere se lasciare Lucrezia e scappare con Silvia o dire “no” ai sentimenti che lo spingono a fuggire. Silvia è il suo unico vero amore: persino Corrado decide di arrendersi e accettare l’amore che li lega da sempre. La relazione di Corradi con la signorina Maffei va avanti come se niente fosse. La donna, però, è convinta che egli sia ancora innamorato della moglie. Per questo riferisce a Lucrezia del piano di Brando e Silvia. Le due si coalizzano: insieme trameranno per vendicarsi della coppia. Alla fine, i giovani innamorati verranno arrestati per concubinaggio. [agg. di Rossella Pastore]

SACRIFICIO D’AMORE, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI

Nella prima serata di Canale 5 di oggi, giovedì 23 agosto 2018, andrà in onda la sedicesima ed ultima puntata di Sacrificio d’amore, in prima Tv assoluta. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: Brando e Corrado si trovano ancora al fronte, sotto il fuoco incessante del nemico. Solo in un secondo momento il Caporale avviserà il superiore del pericolo di una missione in corso: gli uomini inviati in un’area particolare finiranno nelle mani degli altri soldati. Nel frattempo, Lucrezia e Silvia hanno modo di parlare di quanto accaduto al campo. La Contessina ha infatti scoperto che la sua rivale ha raggiunto il campo in cui c’è Brando e crede che abbia cercato di sedurlo. Solo allora Silvia ammetterà di amare ancora il cavatore e di non averlo mai dimenticato. Saverio invece confessa ad Alessandro di nutrire dei forti sentimenti per Maddalena e di sperare che un giorno possa accorgersi di lei. Gli anni passano e la situazione non migliora per i soldati italiani. Simone è ormai grande e non vede l’ora di rivedere il padre, che finalmente gli comunica di essere rponto al rientro. Una volta alla villa, Corrado non trascorre molto tempo vicino a Silvia. Decide invece ancora una volta di incontrare la sua amante, la signorina Maffei.

Brando invece non ha ricevuto il permesso di ritornare a casa, grazie alle nuove angherie di Corrado. Il padre di quest’ultimo invece continua a gestire gli affari di famiglia, mantenendo il segreto sul traffico d’armi in corso. Tempo dopo, Maddalena è a casa della madre ed è serena. Non sospetta che nel giro di pochi minuti riceverà la notizia più brutta della sua vita: Tommaso è stato infatti catturato dai tedeschi mentre cercava di aiutare un soldato ferito. La Maffei non potrà fare altro che dare la brutta notizia a Maddalena, con il dubbio che il figlio possa essere stato ucciso. Nel frattempo, Dorotea cerca di convincere Alessandro a riprendere suor Agnese per il suo vecchio posto. La ragazza riesce a permettere comunque alla religiosa di partecipare al sostegno dei militari in guerra, agendo di nascosto da tutti. Per scongiurare il peggio, Maddalena si unisce alla madre per pregare per la sorte di Tommaso. Il favore richiesto a Dorotea da Agnese finisce per spezzare il rapporto fra l’ex attrice e Alessandro. Il medico infatti finisce per credere che sia ritornata alla sua vecchia vita. Quando il Colonnello Cadorna decide di effettuare un nuovo attacco frontale, l’azione si traduce in una carneficina di molti uomini. Corrado si oppone quindi ad inviare altri soldati per un secondo attacco, così come Brando. L’ufficiale li minaccia di denunciarli come disertori, ma i due non cedono ed accettano il loro destino. Solo il patto silenzioso fra i due uomini impedisce la fucilazione istantanea. L’intero plotone verrà tuttavia portato in carcere e sottoposto a processo. Mentre Corrado si rifiuta di lasciare i suoi uomini, Silvia si attiva per salvare la vita al marito e Brando, scegliendo di fare fronte comune con Lucrezia e il Conte. 

ANTICIPAZIONI DEL 23 AGOSTO 2018, EPISODIO 16

Abbiamo quasi la certezza che dovremo fare i conti con una forte tragedia, nell’ultima puntata della fiction italiana. Nonostante gli sforzi di Silvia e Lucrezia, la vita di Corrado e Brando continua ad essere in estremo pericolo. Il trailer ci ha mostrato immagini forti, piene del dolore delle due protagoniste. Sembra inoltre che Silvia si troverà davvero a breve distanza dal luogo scelto per la fucilazione dei soldati che non hanno ubbidito al Colonnello Cadorna. Un colpo d’arma da fuoco annuncia il peggio: dovremo dire addio a Brando o a Corrado? Senza escludere la possibilità che in realtà siano entrambi a non fare più ritorno a casa. Secondo le anticipazioni in realtà dovremmo assistere ad un nulla di fatto. Ci sono infatti delle possibilità che Brando e Corrado riescano a salvarsi all’ultimo minuto grazie alla decisione della Corte Marziale. Il cavatore tuttavia dovrà fare i conti con i suoi sentimenti e fare finalmente una scelta definitiva: ritornerà fra le braccia di Silvia? 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori